La Casa Bianca smentisce: nessun interesse di Trump ad accordo sui dreamer

Secondo il Washington Post invece il presidente si sarebbe accontentato dei fondi per il muro in cambio di una soluzione (però temporanea) per gli immigrati senza documenti protetti dal Daca
AP

La Casa Bianca ha smentito un articolo del Washington Post in cui si sosteneva che il presidente Usa, Donald Trump, era pronto a un accordo di breve periodo sul Daca, che protegga i giovani immigrati dall'espulsione, in cambio dei fondi per la costruzione del muro da inserire nella prossima legge di bilancio.

L'offerta avrebbe rappresentato una svolta evidente di Trump, che nelle ultime settimane aveva sempre insistito di volere una serie di restrizioni maggiori sull'immigrazione in cambio di una protezione per i dreamer, gli immigrati arrivati senza documenti da bambini, protetti dall'ex presidente Barack Obama con il programma Daca (Deferred Action for Childhood Arrivals).

Intanto la cancellazione del Daca, decisa da Trump, è stata bloccata dai tribunali; ora, il presidente vorrebbe raggiungere presto un accordo per chiudere la questione e poter finalmente far partire i lavori per la costruzione del muro con il Messico, promesso sin dall'inizio della campagna elettorale. Il Daca è scaduto il 5 marzo ma le persone protette dal piano hanno un mese di tempo per presentare una nuova applicazione e aspettare una risposta dal governo.

Secondo quanto aveva scritto il Washington Post, una delle proposte discusse tra la Casa Bianca e i parlamentari repubblicani prevede un'estensione del programma Daca per tre anni, in cambio di tre anni di finanziamenti per il muro. Un accordo potrebbe essere raggiunto presto, visto che la nuova legge di spesa dovrà essere approvata entro il 23 marzo e che i negoziatori al Congresso vorrebbero rendere nota la bozza già nel corso della settimana in corso; un'estensione di tre anni per i Dreamers, inoltre, permetterebbe di escludere l'argomento dal dibattito politico in vista delle prossime presidenziali.

Il piano iniziale di Trump prevedrebbe, invece, oltre a una soluzione permanente sul Daca, il rafforzamento dei controlli alle frontiere, la fine della migrazione a catena [la possibilità per gli stranieri residenti di sponsorizzare i parenti, ndr] e la cancellazione della lotteria per la Green Card. Il progetto prevedrebbe un percorso verso la cittadinanza per 1,8 milioni di immigrati, tra cui i 690.000 Dreamers, e 25 miliardi di dollari per la costruzione (o, per meglio dire, per il completamento) del muro al confine con il Messico.

Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

L'Air Force Usa sceglie Boeing e Leonardo, commessa da 2,4 mld di dollari per 84 elicotteri

Il Pentagono vuole l'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto dall'azienda italiana. Battute Lockheed Martin e Sierra Nevada
Leonardo

Boeing, in qualità di prime contractor, e Leonardo si sono aggiudicati una commessa da 2,4 miliardi di dollari per fornire all'Aeronautica militare statunitense fino a 84 esemplari dell'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto a Philadelphia (Pennsylvania).

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere