Trump attacca Gm, Ford cancella costruzione fabbrica in Messico

Il presidente eletto minaccia tasse doganali sulle (poche) Chevrolet Cruze importate in Usa; il gruppo guidato da Mark Fields spiega che le sue scelte sono dettate dalla domanda (non solo dalle politiche "pro crescita" promesse)

E' di nuovo braccio di ferro tra la Corporate America e Donald Trump. A colpi di tweet, in un solo giorno il presidente eletto ha preso di mira General Motors, accusata di importare in Usa vetture prodotte in Messico senza pagare alcuna tariffa, e si è vantato della decisione di Ford di non investire più 1,6 miliardi di dollari in una nuova fabbrica in Messico. Tutte e due i gruppi tuttavia hanno voluto dare separatamente la loro versione dei fatti.

Gm smonta l'attacco di Trump
Il gruppo guidato da Mary Barra è stato minacciato da Trump con una "tassa doganale alta" sulle Chevy Cruze importate in Usa dal Messico. Gm ha risposto al cinguettio del successore di Barack Obama dicendo che "tutte le berline Chevrolet Cruze vendute negli Stati Uniti sono prodotte nello stabilimento di Lordstown, in Ohio", mentre in Messico sono costruiti modelli per il mercato globale e solo "una piccola parte è venduta negli Stati Uniti".

Ford: voto di fiducia in Trump, ma la domanda conta
Dal canto suo Ford ha spiegato che "prende decisioni sulla base di quello che è meglio" per l'azienda stessa anche se l'annuncio odierno "è un voto di fiducia [anche] in quello che il presidente eletto farà". Ai microfoni di Cnbc, il Ceo Mark Fields ha spiegato che in mattinata aveva informato Trump e il suo vice Mike Pence di volere investire 700 milioni di dollari in una fabbrica a Flat Rock, in Michigan, dove verranno creati 700 posti di lavoro nuovi. I due "sono stati molto contenti", ha continuato l'amministratore delegato di Ford precisando che "come ogni altra azienda, guardiamo al contesto in cui operiamo e quello che abbiamo notato negli ultimi due anni è un notevole calo della domanda di vetture di bassa cilindrata. Ogni anno guardiamo alla nostra capacità e alle stime per la domanda ed è diventato molto chiaro che non avevamo bisogno di quella fabbrica e che possiamo usarne una esistente in Messico". Tra i fattori presi in considerazione c'è stato anche "un contesto manifatturiero più positivo con il presidente Trump" di cui Fields ha citato le "politiche pro-crescita proposte" come un taglio alle tasse e una deregulation.

Trump si è comunque vantato di essere la causa delle scelte di Ford, che come previsto trasferirà comunque dagli Usa al Messico la produzione della Focus. E infatti su Twitter ha scritto: "Invece che portare via occupazione e ricchezza, l'AMERICA diventerà un magnete grandioso per l'INNOVAZIONE e LA CREAZIONE DI POSTI DI LAVORO".

Nominato il rappresentate al commercio amante del protezionismo
Il botta e risposta tra Trump e le due aziende automobilistiche c'è stato nel giorno in cui il 45esimo presidente ha nominato Robert Lighthizer come negoziatore numero uno nell'ambito del commercio. Il suo curriculum è ideale per una amministrazione che punta a frenare le importazioni che lodono le aziende Usa e che intende rivedere il North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio tra Usa, Canada e Messico. Lighthizer aveva negoziato per conto dell'amministrazione Reagan accordi commerciali bilaterali e poi come avvocato ha lottato contro tariffe punitive imposte suo prodotti Usa venduti all'estero.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a dati macro e trimestrali

Investitori attenti anche al vertice Trump-Macron
iStock


Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Grazie a cambiamenti contabili e a introiti pubblicitari in aumento, Alphabet ha chiuso il primo trimestre del 2018 con utili e ricavi in rialzo e sopra le stime degli analisti. Il colosso tecnologico che controlla Google ha tuttavia registrato un balzo delle spese per attrarre traffico sui propri siti. Inoltre le spese per capitale sono quasi triplicate rispetto a un anno prima superando del doppio le previsioni del mercato. La trimestrale è stata pubblicata in vista dell'entrata in vigore nella Ue della General Data Protection Regulation, della quale Google si è detto pronto a rispettare i requisiti.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Joe Manchin ha dichiarato che voterà a favore della nomina di Mike Pompeo a segretario di Stato statunitense, diventando il secondo senatore democratico a schierarsi in favore dell'attuale capo della Cia. Il suo annuncio è di particolare importanza, perché sembra garantire la capacità di Pompeo di ottenere la conferma del Senato, necessaria per ottenere l'incarico.

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Usa "impazienti" di lavorare con il nuovo governo italiano

Il nostro è un Paese "libero" e capace di scegliere autonomamente la sua strada futura

Per gli Stati Uniti di Donald Trump, come quelli di Barack Obama, l'Italia resta "uno dei nostri alleati più stretti". E nel giorno in cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato al presidente della Camera, Roberto Fico, il compito di verificare entro giovedì l'esistenza di una maggioranza di governo tra il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico, il dipartimento americano di Stato si è detto "impaziente di continuare a lavorare e a consultarci con il nuovo governo dopo la sua formazione". E' un portavoce del dipartimento stesso ad averlo detto ad America24.

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock