Trump attacca Gm, Ford cancella costruzione fabbrica in Messico

Il presidente eletto minaccia tasse doganali sulle (poche) Chevrolet Cruze importate in Usa; il gruppo guidato da Mark Fields spiega che le sue scelte sono dettate dalla domanda (non solo dalle politiche "pro crescita" promesse)

E' di nuovo braccio di ferro tra la Corporate America e Donald Trump. A colpi di tweet, in un solo giorno il presidente eletto ha preso di mira General Motors, accusata di importare in Usa vetture prodotte in Messico senza pagare alcuna tariffa, e si è vantato della decisione di Ford di non investire più 1,6 miliardi di dollari in una nuova fabbrica in Messico. Tutte e due i gruppi tuttavia hanno voluto dare separatamente la loro versione dei fatti.

Gm smonta l'attacco di Trump
Il gruppo guidato da Mary Barra è stato minacciato da Trump con una "tassa doganale alta" sulle Chevy Cruze importate in Usa dal Messico. Gm ha risposto al cinguettio del successore di Barack Obama dicendo che "tutte le berline Chevrolet Cruze vendute negli Stati Uniti sono prodotte nello stabilimento di Lordstown, in Ohio", mentre in Messico sono costruiti modelli per il mercato globale e solo "una piccola parte è venduta negli Stati Uniti".

Ford: voto di fiducia in Trump, ma la domanda conta
Dal canto suo Ford ha spiegato che "prende decisioni sulla base di quello che è meglio" per l'azienda stessa anche se l'annuncio odierno "è un voto di fiducia [anche] in quello che il presidente eletto farà". Ai microfoni di Cnbc, il Ceo Mark Fields ha spiegato che in mattinata aveva informato Trump e il suo vice Mike Pence di volere investire 700 milioni di dollari in una fabbrica a Flat Rock, in Michigan, dove verranno creati 700 posti di lavoro nuovi. I due "sono stati molto contenti", ha continuato l'amministratore delegato di Ford precisando che "come ogni altra azienda, guardiamo al contesto in cui operiamo e quello che abbiamo notato negli ultimi due anni è un notevole calo della domanda di vetture di bassa cilindrata. Ogni anno guardiamo alla nostra capacità e alle stime per la domanda ed è diventato molto chiaro che non avevamo bisogno di quella fabbrica e che possiamo usarne una esistente in Messico". Tra i fattori presi in considerazione c'è stato anche "un contesto manifatturiero più positivo con il presidente Trump" di cui Fields ha citato le "politiche pro-crescita proposte" come un taglio alle tasse e una deregulation.

Trump si è comunque vantato di essere la causa delle scelte di Ford, che come previsto trasferirà comunque dagli Usa al Messico la produzione della Focus. E infatti su Twitter ha scritto: "Invece che portare via occupazione e ricchezza, l'AMERICA diventerà un magnete grandioso per l'INNOVAZIONE e LA CREAZIONE DI POSTI DI LAVORO".

Nominato il rappresentate al commercio amante del protezionismo
Il botta e risposta tra Trump e le due aziende automobilistiche c'è stato nel giorno in cui il 45esimo presidente ha nominato Robert Lighthizer come negoziatore numero uno nell'ambito del commercio. Il suo curriculum è ideale per una amministrazione che punta a frenare le importazioni che lodono le aziende Usa e che intende rivedere il North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio tra Usa, Canada e Messico. Lighthizer aveva negoziato per conto dell'amministrazione Reagan accordi commerciali bilaterali e poi come avvocato ha lottato contro tariffe punitive imposte suo prodotti Usa venduti all'estero.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.