Trump attacca migranti da Paesi "di merda"

Secondo il Washington Post, il presidente ha fatto riferimento a Haiti e a nazioni africane
AP

Ancora una volta Donald Trump ha parlato di migranti in modo spregiativo. E lo ha fatto di nuovo a porte chiuse. Il Washington Post ha citato due fonti secondo cui in un incontro tenutosi nello Studio Ovale con alcuni legislatori, il presidente ha reagito male all'idea di offrire protezioni ai migranti giunti in Usa da Haiti, El Salvador e da nazioni africane.

"Perché abbiamo tutta questa gente da Paesi di merda?", ha dichiarato Trump usando la parola "shithole" e riferendosi a Haiti e ai Paesi africani. Secondo lui, gli Stati Uniti dovrebbero invece puntare su gente in arrivo dalla Norvegia, il cui primo ministro era stato il giorno precedente alla Casa Bianca.

Secondo i primi commenti, Trump è un razzista che preferisce migranti bianchi a quelli di colore. Basti pensare che il magnate del mattone di New York annunciò la sua discesa in campo dicendo che i messicani che sceglievano di trasferirsi in Usa erano tutti stupratori.

Questi commenti vanno ad aggiungersi a quelli di cui diede notizia il New York Times prima di Natale: fu il quotidiano newyorchese a riferire che lo scorso giugno il presidente americano aveva detto in un incontro riservato che tutte le persone in arrivo in Usa da Haiti "hanno l'Aids" e che quelle provenienti dalla Nigeria dovrebbero tornarsene nelle lore "capanne" in Africa. Allora, la Casa Bianca smentì. Non appena l'indiscrezione del Washington Post è uscita, Raj Shah, il terzo nella linea di comando a essere portavoce dell'amministrazione, ha rilasciato un commento senza però negare l'uso di una parola destinata ad alimentare le polemiche.

"Alcuni politici a Washington scelgono di lottare per nazioni estere ma il presidente Trump lotterà sempre per il popolo americano", ha detto Shah. Secondo lui, il leader Usa accetterà soltanto un accordo sull'immigrazione - un tema caldo che chiama in causa anche i cosiddetti "Dreamers" - che affronti "in modo adeguato" il sistema della lotteria di visti e la 'Chain migration', un sistema che consente a un famigliare legalmente residente in Usa di sponsorizzarne un altro. Per l'amministrazione Trump si tratta di "due programmi che ledono la nostra economia e permettono ai terroristi di entrare nel nostro Paese. Come altre nazioni che hanno politiche migratorie basate sul merito, il presidente Trump sta lottando per soluzioni permanenti che rendano più forte la nostra nazione dando il benvenuto a coloro che possono dare contributi alla società, che possono fare crescere la nostra economia e che possano integrarsi nella nostra meravigliosa nazione". Trump "rigetterà sempre misure temporanee, deboli e dannose che mettono in pericolo le vite di americani che lavorano sodo e che mettono a repentaglio i migranti che cercano negli Usa una vita migliore attraverso un processo legale".

Le ultime indiscrezioni sono arrivate tre giorni dopo la decisione dell'amministrazione Trump di cancellare i permessi di residenza temporanei a circa 200.000 salvadoregni, che vivono negli Stati Uniti almeno dal 2001. Gli interessati avranno tempo fino al 9 settembre 2019 per lasciare il Paese o ottenere un visto per restare.

 

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

Nbc: da Super Bowl e Olimpiadi invernali introiti pubblicitari per 1,4 mld di dollari

L'emittente controllata da Comcast si aspetta che la finale del campionato di football Usa generi 500 milioni. Trenta secondi di spot per 5 milioni di dollari
AP

Il gruppo media Comcast conta che la sua emittente Nbc registri 1,4 miliardi di dollari di introiti da pubblicità tra il Super Bowl e le Olimpiadi invernali. Soltando la finale del campionato di football americano, l'evento sportivo e pubblicitario più importante dell'anno in Usa, il canale stima di incassare 500 milioni di dollari di inserzioni. Lo ha spiegato alla stampa Dan Lovinger, il responsabile vendite di pubblicità a Nbc.

Accordo bipartisan al Senato Usa per salvare i Dreamers

La proposta sarà presentata al presidente Trump, che ha deciso di porre fine al programma Daca, che garantiva un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile

Un gruppo bipartisan di senatori statunitensi ha raggiunto un accordo su una legge che proteggerebbe centinaia di migliaia di giovani immigrati, i cosiddetti Dreamers, dall'espulsione. Lo ha detto il repubblicano Jeff Flake.

La Camera Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza senza limiti, sconfitta la privacy

Per altri sei anni, consentito spiare gli stranieri all'estero senza mandato, anche quando comunicano con cittadini statunitensi in patria

 La Camera statunitense ha votato a favore del rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. La votazione era stata preceduta dai tweet contraddittori di Donald Trump, che avevano provocato la preoccupazione dei repubblicani, visto che il presidente sembrava inizialmente favorevole a dei limiti, andando contro la posizione della stessa Casa Bianca.

Il rapper Drake vuole 'servire' il suo whiskey agli investitori

Secondo l'FT, Virginia Black vuole raccogliere fino a 30 milioni di dollari vendendo titoli a piccoli investitori. Sceglie il crowdfunding invece dell'Ipo tradizionale
AP

L'attore George Clooney decise di fare cassa vendendo il suo marchio di tequila Casamigos al colosso britannico del beverage Diageo; il rapper Drake punta a invece a raccogliere 30 milioni di dollari vendendo ai suoi fan i titoli della sua azienda produttrice di whiskey.

Wal-Mart alza salario minimo a 11 dollari/ora, darà bonus una tantum, effetto riforma Trump

E' la terza volta dal 2015 che Wal-Mart alza il salario minimo, per migliorare le condizioni di lavoro nei 4.700 punti vendita americani e nell'ambito della più ampia strategia per competere sul fronte online, tenendo il passo Amazon.

Wal-Mart Stores, colosso mondiale della grande distribuzione con oltre 2,2 milioni di dipendenti, di cui 1,5 milioni negli Stati Uniti, a partire dal 17 febbraio alzerà il salario minimo orario da 10 a 11 dollari per tutti i lavoratori in America e concederà un bonus una tantum fino a 1.000 dollari (la cifra massima per chi ha oltre vent'anni di anzianità e a scalare per gli altri).

Shutterstock

Negli Stati Uniti sta per verificarsi un cambiamento non indifferente nel settore automobilistico: i gruppi stranieri presto produrranno su suolo statunitense più vetture di quelli di Detroit, capitale americana delle quattro ruote. E questo anche grazie alla nuova fabbrica che le giapponesi Toyota e Mazda hanno deciso di costruire insieme in Alabama con un investimento da 1,6 miliardi di dollari; la mossa - che rende felice il presidente americano Donald Trump, che da sempre spinge sul Made in America - darà lavoro a 4.000 persone. E' il primo impianto totalmente nuovo ad essere costruito da quando Trump ha messo piede nella Casa Bianca il 20 gennaio del 2017.

Mueller si 'avvicina', Trump: "Io interrogato? Vedremo, improbabile"

Il presidente sulle indagini sulle interferenze russe: "Non c'è stata collusione, a che servirebbe?"

Lo scorso anno, aveva detto di essere pronto a parlare, sotto giuramento, con Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi. Ieri, invece, il presidente Donald Trump non è stato altrettanto netto nel dare la propria disponibilità a parlare, ora che il procuratore sembra intenzionato a volerlo ascoltare.