Trump attacca migranti da Paesi "di merda"

Secondo il Washington Post, il presidente ha fatto riferimento a Haiti e a nazioni africane
AP

Ancora una volta Donald Trump ha parlato di migranti in modo spregiativo. E lo ha fatto di nuovo a porte chiuse. Il Washington Post ha citato due fonti secondo cui in un incontro tenutosi nello Studio Ovale con alcuni legislatori, il presidente ha reagito male all'idea di offrire protezioni ai migranti giunti in Usa da Haiti, El Salvador e da nazioni africane.

"Perché abbiamo tutta questa gente da Paesi di merda?", ha dichiarato Trump usando la parola "shithole" e riferendosi a Haiti e ai Paesi africani. Secondo lui, gli Stati Uniti dovrebbero invece puntare su gente in arrivo dalla Norvegia, il cui primo ministro era stato il giorno precedente alla Casa Bianca.

Secondo i primi commenti, Trump è un razzista che preferisce migranti bianchi a quelli di colore. Basti pensare che il magnate del mattone di New York annunciò la sua discesa in campo dicendo che i messicani che sceglievano di trasferirsi in Usa erano tutti stupratori.

Questi commenti vanno ad aggiungersi a quelli di cui diede notizia il New York Times prima di Natale: fu il quotidiano newyorchese a riferire che lo scorso giugno il presidente americano aveva detto in un incontro riservato che tutte le persone in arrivo in Usa da Haiti "hanno l'Aids" e che quelle provenienti dalla Nigeria dovrebbero tornarsene nelle lore "capanne" in Africa. Allora, la Casa Bianca smentì. Non appena l'indiscrezione del Washington Post è uscita, Raj Shah, il terzo nella linea di comando a essere portavoce dell'amministrazione, ha rilasciato un commento senza però negare l'uso di una parola destinata ad alimentare le polemiche.

"Alcuni politici a Washington scelgono di lottare per nazioni estere ma il presidente Trump lotterà sempre per il popolo americano", ha detto Shah. Secondo lui, il leader Usa accetterà soltanto un accordo sull'immigrazione - un tema caldo che chiama in causa anche i cosiddetti "Dreamers" - che affronti "in modo adeguato" il sistema della lotteria di visti e la 'Chain migration', un sistema che consente a un famigliare legalmente residente in Usa di sponsorizzarne un altro. Per l'amministrazione Trump si tratta di "due programmi che ledono la nostra economia e permettono ai terroristi di entrare nel nostro Paese. Come altre nazioni che hanno politiche migratorie basate sul merito, il presidente Trump sta lottando per soluzioni permanenti che rendano più forte la nostra nazione dando il benvenuto a coloro che possono dare contributi alla società, che possono fare crescere la nostra economia e che possano integrarsi nella nostra meravigliosa nazione". Trump "rigetterà sempre misure temporanee, deboli e dannose che mettono in pericolo le vite di americani che lavorano sodo e che mettono a repentaglio i migranti che cercano negli Usa una vita migliore attraverso un processo legale".

Le ultime indiscrezioni sono arrivate tre giorni dopo la decisione dell'amministrazione Trump di cancellare i permessi di residenza temporanei a circa 200.000 salvadoregni, che vivono negli Stati Uniti almeno dal 2001. Gli interessati avranno tempo fino al 9 settembre 2019 per lasciare il Paese o ottenere un visto per restare.

 

Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Wall Street: continuano le tensioni commerciali. Focus su Fca

Titolo del gruppo auto sotto pressione dopo il cambio ai vertici dovuto a gravi problemi di salute che hanno colpito Marchionne
AP

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi