La Cina a Trump: la tattica del bastone e della carota con noi non funziona

Quelli proposti a giugno su 200 miliardi di importazioni annue cinesi potrebbero salire al 25% dal 10%. Il presidente ha chiesto ai suoi di studiare un tale scenario

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: l'amministrazione Trump sta realmente valutando se alzare al 25% dal 10% i dazi proposti lo scorso giugno su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi, ossia sul 40% circa dei beni che la nazione asiatica invia ogni anno in quella americana. La conferma è arrivata dallo zar americano del commercio, Robert Lighthizer: in una nota ha confermato che "questa settimana" il presidente Donald Trump gli ha chiesto di prendere in considerazione un tale rialzo delle tariffe doganali, che andrebbe a colpire i prodotti già individuati il 10 luglio scorso. Per questo è stata posticipata al 5 settembre dal 30 agosto prossimi la scadenza del periodo di analisi su questi ipotetici dazi.

In una call organizzata dall'Office of the United States Trade Representative (Ustr), funzionari Usa di alto livello hanno spiegato che la "comunicazione resta aperta" sull'asse Washington-Pechino ma non sono previsti spicifici round di discussioni. Gli Usa stanno cercando di capire "quali strumenti appropriati usare per fare cambiare alla Cina il suo comportamento" in campo commerciale, giudicato "terribile e ingiusto".

Non è chiaro quale sia stato il fattore che ha spinto il presidente americano a chiedere allo Ustr di ipotizzare il rialzo dei dazi in questione. Forse la recente svalutazione dello yuan, pari al 6% negli ultimi due mesi? Il 24 luglio scorso l'Fmi aveva sostenuto che un tale andamento non mostra segni di manipolazione ma è semmai frutto di una serie di fattori tra cui l'indebolimento dell'economia locale. Di certo in Usa - come del resto in tutto il G20 - si vuole che una nazione "si astenga dall'indebolire la sua valuta per trarre vantaggio sui partner commerciali", ha spiegato un funzionario americano.

A chi sostiene che i potenziali dazi finiscano per ledere i consumatori americani, i funzionari dell'amministrazione Trump hanno detto che "la cosa peggiore per i consumatori, per i lavoratori e per le aziende statunitensi è che la Cina continui a fare quello che sta facendo ledendo non solo gli Usa" ma anche il resto del mondo. L'obiettivo della Casa Bianca è ottenere un campo da gioco "equo" e mettere fine a un "mercato globale distorto dalle pratiche cinesi". Bisogna vedere a che prezzo si arriverà, eventualmente, su quel campo.

Stando a Lighthizer, gli Usa "sono stati molto chiari sui cambiamenti specifici che la Cina dovrebbe compiere. Purtroppo, invece che cambiare il suo comportamento deleterio, la Cina ha compiuto ritorsioni illegali contro i lavoratori, gli agricoltori e le aziende americane". Il riferimento è ai dazi fatti scattare il 6 luglio scorso da Pechino su una serie di prodotti Made in Usa, tra cui la soia. Quelle tariffe doganali però sono state una risposta ai dazi del 25% introdotti in quel giorno da Washington su prodotti tecnologici cinesi per 34 miliardi. In quel contesto ne sono rimasti in ballo altri per 16 miliardi, "ancora oggetto di analisi", ha spiegato una fonte Usa.

L'incremento al 25% dal 10% dei dazi su import cinese per 200 miliardi, ha concluso Lighthizer, "è pensato per dare all'amministrazione opzioni addizionali per incoraggiare la Cina a modificare le sue politiche e il suo comportamento lesivi e ad adottare politiche che portino a mercati più giusti e alla prosperità per tutti i nostri cittadini". Peccato che solo poche ore prima Pechino avesse chiarito che "il pressing e le minacce" Usa non sono affatto gradite. Poi il governo cinese ha ribadito il concetto: "La Cina è totalmente pronta e dovrà compiere ritorsioni per difendere la dignità della nazione e gli interessi della popolazione, il libero commercio e il sistema multilaterale oltre che difendere gli interessi comuni di tutti i Paesi", ha detto in una nota il ministro cinese del Commercio. Per lui, "la tattica del bastone e della carota non funziona".

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap