Trump, battaglia sui farmaci. Caforio (Ceo BMS): "I limiti alle importazioni sarebbero un grosso problema"

Il presidente Usa vuole ridurre i prezzi e limitare le importazioni dei farmaci per le aziende che hanno sede negli Stati Uniti, ma producono all'estero

Dal superamento dell'Obamacare, le cui linee guida sono già state presentate dai repubblicani alla Camera, agli annunci di interventi imminenti - ma non ancora chiari - per ridurre il prezzo dei farmaci, l'amministrazione Trump sta ponendo più di un interrogativo alle case farmaceutiche americane. Su come intenda agire davvero il 45esimo presidente degli Usa nel settore dei medicinali, però, al momento anche i diretti interessati sembrano navigare nel buio. "Non ho ancora dettagli sulle politiche governative che si stanno pensando per incidere sui prezzi, se non quello che è emerso dall'incontro del presidente con i vertici delle principali case farmaceutiche Usa il 31 gennaio scorso" ha detto ad America 24 Giovanni Caforio, amministratore delegato del colosso dei farmaci Bristol Myers Squibb, a margine di un incontro al Consolato italiano di New York.

Donald Trump ha ribadito la volontà di intervenire per abbassare i prezzi dei medicinali durante il suo primo discorso di fronte al Congresso riunito il 28 febbraio. Dalla riunione con i vertici di sei Big Pharma americane alla Casa Biaca, che si è svolta il 31 gennaio, sono trapelate informazioni alquanto fumose: l'idea di una deregulation (con tempi più brevi per l'approvazione di nuovi farmaci ) e un prospettato abbassamento delle tasse per le aziende.

Dopo aver accusato le case farmaceutiche di "aver commesso reati facendola franca" i primi di gennaio, Trump ha anche parlato della volontà di porre limiti alle importazioni dei farmaci per tutte quelle aziende che hanno sede negli Usa ma producono all'estero. "Questo per noi costituirebbe un grosso problema - ha dichiarato Caforio - dovremmo eventualmente pensare alla realizzazione di nuovi impianti negli Usa, oltre a quelli già presenti, per i farmaci destinati al mercato americano. Ma il trasferimento delle linee di produzione è uno dei processi più costosi in assoluto per un'azienda".

Con un fatturato di 15,9 miliardi di dollari, Bristol Myers Squibb è un vero gigante mondiale della farmaceutica. Con base in New Jersey, l'azienda è presente in Italia nella filiale produttiva di Anagni (Frosinone) dal 1946, anno in cui ha portato per la prima volta la penicillina nel nostro Paese. Lo stabilimento italiano (oltre 1000 dipendenti) esporta in 65 Paesi nel mondo, inclusi gli stessi Stati Uniti. L'amministrazione Trump dovrebbe tenere conto che "la maggior parte dei farmaci importati in America sono farmaci generici, e cioè i meno costosi" ha fatto notare l'amministratore delegato durante l'incontro al Consolato italiano, "anche se qui negli Usa sono i più alti del mondo". Medicare e Medicaid, i due programmi pubblici a favore di anziani e poveri, rappresentano insieme il primo acquirente di farmaci del Paese. Una stretta sulle importazioni potrebbe quindi avere effetti negativi anche sui conti pubblici.

Cresciuto a Roma, dove si è laureato in medicina, Caforio è arrivato negli Usa a soli 26 anni, dove ha cominciato a lavorare per Abbot Laboratories. Oggi risiede in New Jersey con la moglie e i suoi due figli, e non esclude in futuro di ritornare in Italia. Alla guida di Bristol Myers Squibb è arrivato nel 2015, dopo una lunga carriera dentro l'azienda. Il Ceo della casa farmaceutica spiega il problema dei prezzi con il fatto che "il settore richiede molto capitale. Per sviluppare nuovi medicinali servono almeno dieci anni e il 90% delle medicine che si studiano non arriva neanche nelle fasi finali". Bristol Myers Squibb investe 5 miliardi di dollari l'anno in ricerca. Negli ultimi dieci anni ha messo sul mercato 14 nuovi medicinali. Il core business dell'azienda è proprio nello sviluppo di terapie innovative nelle aree con maggior bisogno medico non soddisfatto: oncologia, virologia e cardiologia. Un campo in cui Bristol Myers Squibb ha raggiunto grandi successi è quello dell’Immuno-oncologia: la nuova frontiera dei farmaci che interagiscono direttamente con il sistema immunitario per combattere i tumori. Tra questi c'è "ipilimumab", il primo medicinale di questo tipo che ha cambiato il percorso di cura dei pazienti con melanoma avanzato.

"Le prime cure erano inefficaci e a volte avevano enormi effetti collaterali per i pazienti. Oggi siamo al 60% di sovravvissuti dopo due anni tra i malati di melanoma" ha aggiunto il manager italiano: "Facciamo grandi profitti, è vero, ma a volte i nostri esperimenti non hanno successo, e questo ha un costo". E' stato cos" per "Opdivo", un promettente trattamento per il carcinoma polmonare avanzato, per il quale l'azienda ha fallito un importante trial clinico lo scorso anno, perdendo per questo il 26% in capitalizzazione di mercato.

A chi gli chiede del superamento di Obamacare promesso da Trump, Caforio risponde che "ogni cambiamento che porta un maggior numero di persone alla sanità è positivo. Io credo che l'accesso universale alle cure sia un principio da difendere. Negli ultimi cinque anni, grazie alla riforma Obama, la sanità americana è profondamente cambiata. Più persone hanno avuto accesso, ma la disparità nei servizi è ancora troppo elevata. In Kentucky e in Alabama la situazione è da Paesi in via di sviluppo".

Il problema principale è di natura economica, secondo il Ceo di Bristol Myers Squibb: "La popolazione cresce sempre di più e invecchia rapidamente; i costi sanitari, di conseguenza, crescono più del Pil. In un sistema come quello italiano, dove tutti hanno accesso alle cure, esiste il problema delle liste d'attesa. In America l'accesso alla cura è immediato, ma estremamete costoso. Credo che la vera sfida sia trovare un equilibrio tra questi due estremi, coinvolgendo sia le risorse pubbliche sia il capitale privato".

Un principio, questo, che secondo Caforio deve valere anche per la ricerca: "Per noi è importante, per ragioni etiche ma anche di profitto, che tutti quelli che ne hanno bisogno possano accedere ai nostri farmaci. Ma per sviluppare le giuste cure è fondamentale la collaborazione tra i privati e le università. In Italia c'è ancora chiusura rispetto a questo tipo di finanziamenti. Noi intanto abbiamo avviato una collaborazione con l'università di Napoli".

Altri Servizi

Come aprire una filiale italiana negli Stati Uniti

Una nuova rubrica per parlare delle opportunità per gli imprenditori italiani di investire in America
Il luna park di Coney Island a New York è stato realizzato dalla società vicentina Antonio Zamperla S.p.A. AP

I rapporti commerciali ed economici sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Stati Uniti e Italia. In questa nuova rubrica, How to do Business in the US, ci occuperemo di descrivere le varie fasi di apertura di una filiale italiana in territorio americano e parleremo delle enormi opportunità che gli imprenditori italiani possono cogliere decidendo di investire negli Stati Uniti d’America.

Ray Allen, da stella Nba a consigliere dello United States Holocaust Memorial Museum

Il campione 41enne si è appassionato alla storia dell’Olocausto nel 1993 diventando negli anni un assiduo frequentatore del museo di Washington cercando di sensibilizzare le persone sugli orrori subiti dal popolo ebreo
Ray Allen allo United States Holocaust Memorial Museum

Dopo aver detto addio ai cambi da basket lo scorso novembre con una toccante lettera indirizzata a se stesso, l'ex stella Nba Ray Allen ha deciso di dedicarsi anima e corpo a una passione che porta con sé da quasi due decenni: studiare, sensibilizzare e promuovere la storia dell’Olocausto.

Casa Bianca infuriata: si è sentita raggirata da foto del Cremlino

Sorrisi smaglianti e strette di mano calorose di Trump con ministro degli Esteri e ambasciatore in Usa della Russia. Washington dice di non essere stata informata da Mosca che le immagini scattate sarebbero circolate in pubblico
AP

La Casa Bianca è su tutte le furie. Con il Cremlino, reo di avere diffuso fotografie di un incontro avvenuto ieri a porte chiuse nello Studio Ovale tra Donald Trump e due funzionari russi. L'errore di comunicazione sembra però, almeno in parte, anche Made in America. Non solo per una mancanza apparente di coordinamento con i colleghi russi ma anche perché nelle immagini incriminate si vede un Trump con sorriso smagliante e che stringe calorosamente le mani di Sergei Lavrov e Sergei Kislyak, rispettivamente il ministro degli esteri e l'ambasciatore in Usa della Russia.

Italia al festival enogastronomico di Los Angeles, dove è partito il road show dell'olio Filippo Berio

Il marchio dell'italiana Salov celebra 150 anni dalla nascita. Il Ceo delle attività nordamericane, Marco de Ceglie: nel 2017 saremo nelle principali sedi istituzionali italiane sul territorio americano per raccontare questa storia imprenditoriale

In occasione della prima edizione del festival enogastronomico LA Food Bowl organizzato dal Los Angeles Times per tutto il mese in corso e in anticipazione della seconda Settimana della cucina italiana nel mondo, l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles dedica due eventi speciali a uno dei prodotti italiani più apprezzati nel mondo: l’olio extravergine d’oliva.

Wall Street: c'è nervosismo, tonfo per Snapchat e Macy's

Ieri, quarta seduta consecutiva da record per il Nasdaq
AP

Snapchat crolla a Wall Street: la prima trimestrale da gruppo quotato delude

Nei primi tre mesi del 2017, perdita di oltre 2 miliardi: il debutto in borsa è costato caro. Ricavi quasi triplicati ma gli analisti volevano di più. Crescita degli utenti nella media. La app risente della concorrenza di Instagram (Facebook)

La dimostrazione di come Snap risenta della conconcorrenza di Facebook è arrivata nella sua prima trimestrale da azienda quotata. Il gruppo che controlla la app Snapchat ha visto lievitare la sua perdita, le vendite sono quasi triplicate ma gli analisti si aspettavano di più e la crescita degli utenti non ha soddisfatto. Come se non bastasse, Snap non ha fornito alcun commento ai conti. Tutti questi fattori hanno fatto crollare il titolo scambiato dal 2 marzo scorso al New York Stock Exchange, dove ieri nel dopo mercato ha perso oltre il 23% circa riavvicinandosi pericolosamente al prezzo di collocamento pari a 17 dollari. Tutto ciò dimostra come il più grande social network al mondo ci abbia visto lungo nel fornire sulla sua app Instagram sempre più funzioni ispirate proprio a Snapchat.

Usa: divieto su tablet e laptop esteso ai voli dall'Europa

Oggi è atteso l'annuncio, secondo il Daily Beast. A marzo, il divieto imposto a dieci aeroporti di Nordafrica e Medio Oriente

Anche l'Europa sarà colpita dalle nuove restrizioni sui dispositivi elettronici da portare in cabina nei voli diretti negli Stati Uniti. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, funzionari europei che si occupano di sicurezza hanno confermato al Daily Beast, ieri, l'estensione del divieto di portare in cabina i dispositivi elettronici più grandi di uno smartphone - come tablet e laptop - che al momento riguarda dieci aeroporti del Medio Oriente e del Nordafrica. Secondo le fonti, il divieto riguarderebbe tutti i voli dall'Europa agli Stati Uniti. L'annuncio è atteso in giornata.

Fbi, al via i colloqui per sostituire James Comey

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, incontreranno quattro candidati in questa prima fase

È iniziata ufficialmente l’era post James Comey al Federal Bureau of Investigation (Fbi). Il segretario alla Giustizia americana, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, terranno oggi i primi colloqui con quattro candidati che potrebbero succedere a Comey alla direzione della polizia federale americana.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.