Trump, battaglia sui farmaci. Caforio (Ceo BMS): "I limiti alle importazioni sarebbero un grosso problema"

Il presidente Usa vuole ridurre i prezzi e limitare le importazioni dei farmaci per le aziende che hanno sede negli Stati Uniti, ma producono all'estero

Dal superamento dell'Obamacare, le cui linee guida sono già state presentate dai repubblicani alla Camera, agli annunci di interventi imminenti - ma non ancora chiari - per ridurre il prezzo dei farmaci, l'amministrazione Trump sta ponendo più di un interrogativo alle case farmaceutiche americane. Su come intenda agire davvero il 45esimo presidente degli Usa nel settore dei medicinali, però, al momento anche i diretti interessati sembrano navigare nel buio. "Non ho ancora dettagli sulle politiche governative che si stanno pensando per incidere sui prezzi, se non quello che è emerso dall'incontro del presidente con i vertici delle principali case farmaceutiche Usa il 31 gennaio scorso" ha detto ad America 24 Giovanni Caforio, amministratore delegato del colosso dei farmaci Bristol Myers Squibb, a margine di un incontro al Consolato italiano di New York.

Donald Trump ha ribadito la volontà di intervenire per abbassare i prezzi dei medicinali durante il suo primo discorso di fronte al Congresso riunito il 28 febbraio. Dalla riunione con i vertici di sei Big Pharma americane alla Casa Biaca, che si è svolta il 31 gennaio, sono trapelate informazioni alquanto fumose: l'idea di una deregulation (con tempi più brevi per l'approvazione di nuovi farmaci ) e un prospettato abbassamento delle tasse per le aziende.

Dopo aver accusato le case farmaceutiche di "aver commesso reati facendola franca" i primi di gennaio, Trump ha anche parlato della volontà di porre limiti alle importazioni dei farmaci per tutte quelle aziende che hanno sede negli Usa ma producono all'estero. "Questo per noi costituirebbe un grosso problema - ha dichiarato Caforio - dovremmo eventualmente pensare alla realizzazione di nuovi impianti negli Usa, oltre a quelli già presenti, per i farmaci destinati al mercato americano. Ma il trasferimento delle linee di produzione è uno dei processi più costosi in assoluto per un'azienda".

Con un fatturato di 15,9 miliardi di dollari, Bristol Myers Squibb è un vero gigante mondiale della farmaceutica. Con base in New Jersey, l'azienda è presente in Italia nella filiale produttiva di Anagni (Frosinone) dal 1946, anno in cui ha portato per la prima volta la penicillina nel nostro Paese. Lo stabilimento italiano (oltre 1000 dipendenti) esporta in 65 Paesi nel mondo, inclusi gli stessi Stati Uniti. L'amministrazione Trump dovrebbe tenere conto che "la maggior parte dei farmaci importati in America sono farmaci generici, e cioè i meno costosi" ha fatto notare l'amministratore delegato durante l'incontro al Consolato italiano, "anche se qui negli Usa sono i più alti del mondo". Medicare e Medicaid, i due programmi pubblici a favore di anziani e poveri, rappresentano insieme il primo acquirente di farmaci del Paese. Una stretta sulle importazioni potrebbe quindi avere effetti negativi anche sui conti pubblici.

Cresciuto a Roma, dove si è laureato in medicina, Caforio è arrivato negli Usa a soli 26 anni, dove ha cominciato a lavorare per Abbot Laboratories. Oggi risiede in New Jersey con la moglie e i suoi due figli, e non esclude in futuro di ritornare in Italia. Alla guida di Bristol Myers Squibb è arrivato nel 2015, dopo una lunga carriera dentro l'azienda. Il Ceo della casa farmaceutica spiega il problema dei prezzi con il fatto che "il settore richiede molto capitale. Per sviluppare nuovi medicinali servono almeno dieci anni e il 90% delle medicine che si studiano non arriva neanche nelle fasi finali". Bristol Myers Squibb investe 5 miliardi di dollari l'anno in ricerca. Negli ultimi dieci anni ha messo sul mercato 14 nuovi medicinali. Il core business dell'azienda è proprio nello sviluppo di terapie innovative nelle aree con maggior bisogno medico non soddisfatto: oncologia, virologia e cardiologia. Un campo in cui Bristol Myers Squibb ha raggiunto grandi successi è quello dell’Immuno-oncologia: la nuova frontiera dei farmaci che interagiscono direttamente con il sistema immunitario per combattere i tumori. Tra questi c'è "ipilimumab", il primo medicinale di questo tipo che ha cambiato il percorso di cura dei pazienti con melanoma avanzato.

"Le prime cure erano inefficaci e a volte avevano enormi effetti collaterali per i pazienti. Oggi siamo al 60% di sovravvissuti dopo due anni tra i malati di melanoma" ha aggiunto il manager italiano: "Facciamo grandi profitti, è vero, ma a volte i nostri esperimenti non hanno successo, e questo ha un costo". E' stato cos" per "Opdivo", un promettente trattamento per il carcinoma polmonare avanzato, per il quale l'azienda ha fallito un importante trial clinico lo scorso anno, perdendo per questo il 26% in capitalizzazione di mercato.

A chi gli chiede del superamento di Obamacare promesso da Trump, Caforio risponde che "ogni cambiamento che porta un maggior numero di persone alla sanità è positivo. Io credo che l'accesso universale alle cure sia un principio da difendere. Negli ultimi cinque anni, grazie alla riforma Obama, la sanità americana è profondamente cambiata. Più persone hanno avuto accesso, ma la disparità nei servizi è ancora troppo elevata. In Kentucky e in Alabama la situazione è da Paesi in via di sviluppo".

Il problema principale è di natura economica, secondo il Ceo di Bristol Myers Squibb: "La popolazione cresce sempre di più e invecchia rapidamente; i costi sanitari, di conseguenza, crescono più del Pil. In un sistema come quello italiano, dove tutti hanno accesso alle cure, esiste il problema delle liste d'attesa. In America l'accesso alla cura è immediato, ma estremamete costoso. Credo che la vera sfida sia trovare un equilibrio tra questi due estremi, coinvolgendo sia le risorse pubbliche sia il capitale privato".

Un principio, questo, che secondo Caforio deve valere anche per la ricerca: "Per noi è importante, per ragioni etiche ma anche di profitto, che tutti quelli che ne hanno bisogno possano accedere ai nostri farmaci. Ma per sviluppare le giuste cure è fondamentale la collaborazione tra i privati e le università. In Italia c'è ancora chiusura rispetto a questo tipo di finanziamenti. Noi intanto abbiamo avviato una collaborazione con l'università di Napoli".

Altri Servizi

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Dopo il flop del Note 7, Samsung torna con Galaxy S8

Presentato a New York il nuovo smartphone del gruppo sudcoreano: schermo più grande, addio al pulsante home e assistente vocale Bixby per sfidare Siri di Apple e Google Assistant