Trump, battaglia sui farmaci. Caforio (Ceo BMS): "I limiti alle importazioni sarebbero un grosso problema"

Il presidente Usa vuole ridurre i prezzi e limitare le importazioni dei farmaci per le aziende che hanno sede negli Stati Uniti, ma producono all'estero

Dal superamento dell'Obamacare, le cui linee guida sono già state presentate dai repubblicani alla Camera, agli annunci di interventi imminenti - ma non ancora chiari - per ridurre il prezzo dei farmaci, l'amministrazione Trump sta ponendo più di un interrogativo alle case farmaceutiche americane. Su come intenda agire davvero il 45esimo presidente degli Usa nel settore dei medicinali, però, al momento anche i diretti interessati sembrano navigare nel buio. "Non ho ancora dettagli sulle politiche governative che si stanno pensando per incidere sui prezzi, se non quello che è emerso dall'incontro del presidente con i vertici delle principali case farmaceutiche Usa il 31 gennaio scorso" ha detto ad America 24 Giovanni Caforio, amministratore delegato del colosso dei farmaci Bristol Myers Squibb, a margine di un incontro al Consolato italiano di New York.

Donald Trump ha ribadito la volontà di intervenire per abbassare i prezzi dei medicinali durante il suo primo discorso di fronte al Congresso riunito il 28 febbraio. Dalla riunione con i vertici di sei Big Pharma americane alla Casa Biaca, che si è svolta il 31 gennaio, sono trapelate informazioni alquanto fumose: l'idea di una deregulation (con tempi più brevi per l'approvazione di nuovi farmaci ) e un prospettato abbassamento delle tasse per le aziende.

Dopo aver accusato le case farmaceutiche di "aver commesso reati facendola franca" i primi di gennaio, Trump ha anche parlato della volontà di porre limiti alle importazioni dei farmaci per tutte quelle aziende che hanno sede negli Usa ma producono all'estero. "Questo per noi costituirebbe un grosso problema - ha dichiarato Caforio - dovremmo eventualmente pensare alla realizzazione di nuovi impianti negli Usa, oltre a quelli già presenti, per i farmaci destinati al mercato americano. Ma il trasferimento delle linee di produzione è uno dei processi più costosi in assoluto per un'azienda".

Con un fatturato di 15,9 miliardi di dollari, Bristol Myers Squibb è un vero gigante mondiale della farmaceutica. Con base in New Jersey, l'azienda è presente in Italia nella filiale produttiva di Anagni (Frosinone) dal 1946, anno in cui ha portato per la prima volta la penicillina nel nostro Paese. Lo stabilimento italiano (oltre 1000 dipendenti) esporta in 65 Paesi nel mondo, inclusi gli stessi Stati Uniti. L'amministrazione Trump dovrebbe tenere conto che "la maggior parte dei farmaci importati in America sono farmaci generici, e cioè i meno costosi" ha fatto notare l'amministratore delegato durante l'incontro al Consolato italiano, "anche se qui negli Usa sono i più alti del mondo". Medicare e Medicaid, i due programmi pubblici a favore di anziani e poveri, rappresentano insieme il primo acquirente di farmaci del Paese. Una stretta sulle importazioni potrebbe quindi avere effetti negativi anche sui conti pubblici.

Cresciuto a Roma, dove si è laureato in medicina, Caforio è arrivato negli Usa a soli 26 anni, dove ha cominciato a lavorare per Abbot Laboratories. Oggi risiede in New Jersey con la moglie e i suoi due figli, e non esclude in futuro di ritornare in Italia. Alla guida di Bristol Myers Squibb è arrivato nel 2015, dopo una lunga carriera dentro l'azienda. Il Ceo della casa farmaceutica spiega il problema dei prezzi con il fatto che "il settore richiede molto capitale. Per sviluppare nuovi medicinali servono almeno dieci anni e il 90% delle medicine che si studiano non arriva neanche nelle fasi finali". Bristol Myers Squibb investe 5 miliardi di dollari l'anno in ricerca. Negli ultimi dieci anni ha messo sul mercato 14 nuovi medicinali. Il core business dell'azienda è proprio nello sviluppo di terapie innovative nelle aree con maggior bisogno medico non soddisfatto: oncologia, virologia e cardiologia. Un campo in cui Bristol Myers Squibb ha raggiunto grandi successi è quello dell’Immuno-oncologia: la nuova frontiera dei farmaci che interagiscono direttamente con il sistema immunitario per combattere i tumori. Tra questi c'è "ipilimumab", il primo medicinale di questo tipo che ha cambiato il percorso di cura dei pazienti con melanoma avanzato.

"Le prime cure erano inefficaci e a volte avevano enormi effetti collaterali per i pazienti. Oggi siamo al 60% di sovravvissuti dopo due anni tra i malati di melanoma" ha aggiunto il manager italiano: "Facciamo grandi profitti, è vero, ma a volte i nostri esperimenti non hanno successo, e questo ha un costo". E' stato cos" per "Opdivo", un promettente trattamento per il carcinoma polmonare avanzato, per il quale l'azienda ha fallito un importante trial clinico lo scorso anno, perdendo per questo il 26% in capitalizzazione di mercato.

A chi gli chiede del superamento di Obamacare promesso da Trump, Caforio risponde che "ogni cambiamento che porta un maggior numero di persone alla sanità è positivo. Io credo che l'accesso universale alle cure sia un principio da difendere. Negli ultimi cinque anni, grazie alla riforma Obama, la sanità americana è profondamente cambiata. Più persone hanno avuto accesso, ma la disparità nei servizi è ancora troppo elevata. In Kentucky e in Alabama la situazione è da Paesi in via di sviluppo".

Il problema principale è di natura economica, secondo il Ceo di Bristol Myers Squibb: "La popolazione cresce sempre di più e invecchia rapidamente; i costi sanitari, di conseguenza, crescono più del Pil. In un sistema come quello italiano, dove tutti hanno accesso alle cure, esiste il problema delle liste d'attesa. In America l'accesso alla cura è immediato, ma estremamete costoso. Credo che la vera sfida sia trovare un equilibrio tra questi due estremi, coinvolgendo sia le risorse pubbliche sia il capitale privato".

Un principio, questo, che secondo Caforio deve valere anche per la ricerca: "Per noi è importante, per ragioni etiche ma anche di profitto, che tutti quelli che ne hanno bisogno possano accedere ai nostri farmaci. Ma per sviluppare le giuste cure è fondamentale la collaborazione tra i privati e le università. In Italia c'è ancora chiusura rispetto a questo tipo di finanziamenti. Noi intanto abbiamo avviato una collaborazione con l'università di Napoli".

Altri Servizi

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

La battaglia per difendere Colombo è appena iniziata a New York

Il comitato "Giù le mani da Colombo" vuole proteggere statue e festa
David Guralnick/Detroit News via AP

Nessuno tocchi Cristoforo Colombo: è il grido di battaglia lanciato dall'Italy America Chamber of Commerce (Iacc) di New York, la più antica camera di commercio al mondo, insieme a Guido George Lombardi, presidente del Premio Eccellenza Italiana e amico di Donald Trump. Nel giorno dell'anniversario dello sbarco dell'esploratore genovese a San Salvador (avvenuto il 12 ottobre 1492), è stata organizzata la prima conferenza stampa di "Giù le mani da Colombo", il comitato nato in difesa di una figura controversa ma che storicamente è stata simbolo degli italiani.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine dell'anno, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Tesoro propone regole meno severe per mercati, possibile stimolo a crescita

E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.
AP

L'amministrazione Trump punta rendere meno severa la regolamentazione finanziaria, ammorbidendo i requisiti patrimoniali e di governance aziendale previsti dalla Dodd-Frank Act, la riforma della finanza varata dall'allora presidente Barack Obama nel 2010 in risposta alla crisi finanziaria. E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.
Shutterstock

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.