Trump blocca l'acquisizione di Qualcomm da parte di Broadcom

Sarebbe stata la più grande di sempre nel settore tech con un valore di 142 miliardi di dollari. Il gruppo di Singapore: totalmente in disaccordo

Ennesimo colpo di scena nella saga che vede protagonisti Qualcomm e Broadcom. In una mossa piuttosto insolita, il presidente americano Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con cui ha bloccato l'acquisizione del produttore americano di microprocessori da parte dell'azienda rivale con sede a Singapore (ma intenzionata a trasferire il suo domicilio in Usa). L'Opa ostile lanciata da Broadcom e rifiutata da Qualcomm in più occasioni avrebbe ridisegnato la prossima generazione delle tecnologie mobile, in primis la rete 5G.

In una nota diffusa dalla Casa Bianca, Trump ha spiegato che l'acquisizione - la più grande mai proposta nel settore tecnologico con un valore di 142 miliardi di dollari - minacciava di "mettere a repentaglio la sicurezza nazionale" degli Stati Uniti. Per questo Trump ha deciso di accogliere la raccomandazione del Committee on Foreign Investment americano (Cfius), un panel presieduto dal segretario al Tesoro che monitora gli investimenti stranieri negli Stati Uniti e che in passato ha bloccato vari takeover di società americane da parte di gruppi stranieri.

"Il takeover proposto di Qualcomm da parte dell'acquirente è proibito e ogni fusione, acquisizione o takeover equivalente, a prescindere che sia diretto o indiretto, è a sua volta proibito", ha ordinato Trump chiedendo alle due aziende di compiere i passi necessari per formalizzare la fine dei loro negoziati. Il presidente Usa esige aggiornamenti settimanali su questo fronte e ha dato al segretario di Giustizia l'autorità di compiere le adeguate mosse per fare rispettare i suoi ordini, che includono la squalifica dei candidati di Broadcom a essere eletti nel cda di Qualcomm. L'azienda Usa "non può accettare le nomine di o i voti di quei candidati", recita la nota della Casa Bianca; nell'assemblea annuale dei soci, slittata dal 6 marzo al 5 aprile su volere del Cfius, che così aveva preso tempo per studiare il caso, Broadcom puntava a ottenere la maggioranza semplice del cda di Qualcomm e portare avanti da dentro il gruppo rivale i suoi piani di acquisizione.

Broadcom ha commentato la decisione con due frasi secche: l'azienda "sta analizzando l'ordine. Broadcom non è affatto d'accordo che l'acquisizione proposta di Qualcomm sollevi problemi di sicurezza nazionale".

L'intervento di Trump è arrivato alla fine di una giornata in cui i funzionari del Cfius avevano accusato Broadcom di avere violato i suoi ordini cercando di anticipare di un mese, al 3 aprile, il trasferimento del suo domicilio in Usa (che fu anticipato lo scorso novembre in pompa magna dallo stesso Trump durante un evento alla Casa Bianca con il Ceo del gruppo asiatico).

Sebbene Broadcom abbia sede a Singapore, la preoccupazione principale di Washington era la Cina. Il timore è che con l'acquisizione, e magari la conseguente cessione di asset di Qualcomm, Pechino avrebbe raggiunto la supremazia nel settore dei semiconduttori e nello sviluppo delle tecnologie per la prossima generazione delle reti mobile (5G). Sempre la Cina è stata il target, seppur indiretto, dei dazi su acciaio e alluminio ufficializzati la settimana scorsa dal presidente Usa e pronti a scattare dal 23 marzo. L'amministrazione Trump crede che Pechino faccia passare i due metalli attraverso altri Paesi prima che arrivino in Usa a prezzi scontati.

Nel dopo mercato a Wall Street, il titolo Qualcomm ha accelerato al ribasso cedendo il 4,5% circa dopo una seduta finita in calo dello 0,35% a 62,81 dollari. Le azioni di Broadcom sono invece salite nell'after-hours dello 0,8% a 265 dollari successivamente a una giornata chiusa in aumento del 3,57% a 262,84 dollari.

Altri Servizi

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

La Cina ha cancellato l'appuntamento per la ripresa dei colloqui commerciali con gli Stati Uniti, in programma nei prossimi giorni, dopo l'inasprimento delle tensioni, dovute ai nuovi dazi che entreranno in vigore lunedì 24 settembre. Lo riporta il Wall Street Journal, citando fonti dell'amministrazione statunitense.

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Airbnb "non sarebbe nulla" senza le persone che mettono a disposizione le proprie case per affitti di breve durata. Per questo il gruppo che mette in contatto chi offre e chi cerca una sistemazione vuole che i padroni di casa "più fedeli" siano soci dell'azienda americana. Brian Chesky, Ceo di Airbnb, ha spiegato al sito Axios che affinché ciò sia possibile "le regole devono cambiare".

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Molti esperti del settore e parlamentari di entrambi i campi approvano (con riserva) la nuova strategia nazionale di sicurezza nel ciberspazio, firmata dal presidente Donald Trump e presentata dal consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, che offre maggiori possibilità di andare all'attacco nel quinto dominio (come è stato definito dalla Nato, aggiungendosi così ad aria, terra, mare e spazio) per fermare attori malevoli e interferenze straniere.

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

All'indomani di una seduta in cui il Dow Jones Industrial Average aveva messo a segno il primo record dal 26 gennaio scorso e l'S&P 500 il primo dal 29 agosto, a Wall Street c'è stata un po' di volatilità. L'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il secondo record di fila, il tredicesimo del 2018 e il 101esimo da quando, nel novembre 2016, Donald Trump vinse alle elezioni presidenziali americane. Il listino benchmark ha raggiunto nuovi massimi intraday salvo poi annullare tutti i guadagni giornalieri. Partito in rialzo, il Nasdaq Composite ha invece sofferto.

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per giorni moderato nella difesa del giudice Brett Kavanaugh, da lui nominato per la Corte Suprema, ora accusato di tentato stupro, è passato a un tono più aggressivo e, su Twitter, ha messo in dubbio il racconto dell'accusatrice, Christine Blasey Ford, chiedendole di mostrare la denuncia fatta alla polizia per sostenere le sue accuse, che riguardano fatti che sarebbero avvenuti nel 1982.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Google consente ancora a sviluppatori di app di 'leggere' email dei suoi utenti

Il gruppo ha fermato la pratica l'anno scorso ma continua a permetterla ad altri

Lo scorso anno Google ha smesso di 'leggere' le email dei suoi 1,4 miliardi di utenti a scopi pubblicitari ma il gruppo continua a permettere ad altri di analizzare i messaggi Gmail. E' quanto emerso da una lettera scritta a luglio dalla controllata di Alphabet ai legislatori americani, che avevano chiesto delucidazioni sulla privacy e sul potenziale abuso di dati.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).