Trump chiede in prestito un Van Gogh. Il Guggenheim gli offre il wc d'oro di Cattelan

Solomon R. Guggenheim Museum /Kris McKay

Come spesso accade a un presidente americano di turno, anche Donald Trump avrebbe voluto abbellire la Casa Bianca con un quadro speciale. Lui avrebbe voluto quello di Vincent Van Gogh intitolato "Landscape with Snow" del 1888. Per questo il suo staff lo ha chiesto in prestito al museo Guggenheim di New York. La curatrice Nancy Spector, però, una sua critica, ha risposto al presidente americano di non potere soddisfare la sua richiesta ma gli ha offerto un'alternativa, al quanto ironica: un water perfettamente funzionante, con tanto di tavoletta e tubi di scarico rivestiti d'oro luccicante. E' l'opera dell'italiano Maurizio Cattelan che nel 2016 fu installata in uno dei bagni del museo al quarto piano per essere usata dai visitatori proprio per fare pip" o pupù.

E' il Washington Post a darne notizia, avendo ottenuto una copia della email scritta dalla curatrice di uno dei musei più famosi della metropoli Usa. Il water in oro 18 carati è a disposizione "se il presidente e la first lady fossero interessati a installarlo alla Casa Bianca". La stessa Spector ha aggiunto che all'artista "piacerebbe offrirlo alla Casa Bianca come un prestito di lungo termine (...) è chiaramente prezioso e in qualche modo fragile ma noi forniremmo tutte le istruzioni per installarlo e mantenerlo" intatto.

Con quell'opera - intitolata “America” - l'artista padovano nato nel 1960 ruppe il silenzio artistico autoimpostosi iniziato dopo la retrospettiva del 2011 interamente dedicata a lui (Maurizio Cattelan: All) proprio al Solomon R. Guggenheim di New York. (Segue)

Con quel water, Cattelan offrì ai visitatori del museo un prodotto di lusso, ironicamente pensato per l'1% della società più abbiente, permettendo un modo diretto di vivere un'opera d'arte in totale solitudine. Ma in “America” c'era anche un po' di Donal Trump. In un'intervista che all'epoca fu pubblicata sul blog del museo, si spiegò che l'estetica del 'trono' richiamava gli eccessi immobiliari dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali. Cattelan ammise: quando concep" l'idea dell'opera non immaginava l'ascesa di Trump ma "probabilmente era nell'aria". L'elemento Trump "è un'altro ma non dovrebbe essere l'unico" legato al water d'orato.

Un portavoce del Guggenheim, Sarah Eaton, ha confermato che Spector ha fatto la proposta ironica (non a caso) in una email datata 15 settembre e diretta a Donna Hayashi Smith, curatrice alla Casa Bianca. Contattato dal Post, Cattelan ha sogghignato: "E' una questione molto delicata". Alla richiesta di spiegare il senso dell'opera e il motivo della sua offerta a Trump, lui ha risposto: "Qual è il punto nella vita? Tutto sembra assurdo fino a quando si muore e poi tutto ha senso". L'artista non ha voluto svelare il costo dell'oro usato nella sua opera ma secondo alcune stime è superiore al milione di dollari.

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento