Trump chiede 4 miliardi ai sauditi per la Siria

Il presidente Usa vuole un ruolo attivo degli alleati nella ricostruzione e impedire ad Assad e all'Iran di avere voce in capitolo
iStock

Il presidente Donald Trump vuole portare gli Stati Uniti fuori dal conflitto in Siria e per questo ha chiesto quattro miliardi di dollari al re saudita. Se si fatica a collegare i due fatti e a comprendere la strategia della Casa Bianca, bisogna tornare alla telefonata di dicembre tra Trump e re Salman, da cui parte il racconto del Washington Post.

La Casa Bianca vuole più soldi dal regno saudita e da altre nazioni per la ricostruzione e la stabilizzazione di quella parte della Siria che i militari statunitensi e i loro alleati locali hanno liberato dall'Isis ed è questo che Trump ha spiegato al re. L'obiettivo successivo alla guerra è di impedire al presidente siriano, Bashar al-Assad, e ai suoi alleati russi e iraniani di rivendicare quelle aree, e all'Isis di riconquistarle.

L'Arabia Saudita - il cui principe ereditario Mohammed bin Salman sarà a Washington da lunedì per incontrare l'amministrazione statunitense - fa parte della coalizione contro l'Isis, ma ha in gran parte abbandonato lo scontro in Siria. Per Trump, che continua a ripetere che gli alleati non condividono il peso delle spese, è importante coinvolgere qualcun altro nella ricostruzione. Il contributo di 4 miliardi aiuterebbe gli Stati Uniti ad avvicinarsi all'obiettivo in Siria, condiviso dai sauditi, di limitare il potere di Assad ed evitare l'influenza iraniana; lo scorso mese, gli Stati Uniti hanno annunciato lo stanziamento di 200 milioni di dollari per la stabilizzazione.

Allo stesso tempo, Trump vuole uscire al più presto dal Paese, dopo aver già dichiarato che la vittoria sull'Isis è vicina. A preoccupare è soprattutto la seconda fase della strategia in Siria, che prevede di promuovere un accordo politico che includa l'uscita di scena di Assad e dell'Iran. Non mancano, in seno all'amministrazione e al Congresso, opinioni differenti sul tipo di impegno degli Stati Uniti in Siria; quel che è certo è che Trump, pur avendo approvato il rafforzamento della presenza statunitense in Siria, non vuole restare impantanato a lungo nel Paese distrutto dalla guerra. Pur avendo rifiutato un coivolgimento diretto nella guerra, ha scritto il Washington Post, gli Stati Uniti sono il maggior donatore umanitario, con 8 miliardi di dollari in aiuti per le comunità sotto assedio o costrette a fuggire.

Altri Servizi

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

La politica dei dazi commerciali, che Donald Trump ha imposto e vuole imporre, continua a creare problemi al tycoon. Tanto nei rapporti con gli altri leader mondiali quanto in quelli all’interno della Casa Bianca. Secondo Politico, che cita funzionari americani vicini alla vicenda, dopo l’ennesima minaccia del tycoon di imporre tariffe sulle auto importate dall’Europa, l’amministrazione statunitense appare quanto mai divisa.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Frasi pesanti di avvertimento da parte del presidente iraniano Hassan Rouhani nei confronti di Donald Trump, messo in guardia dal voler perseguire politiche ostili nei confronti di Teheran. "L'America dovrebbe sapere che la pace con l'Iran è la madre di ogni pace e la guerra con l'Iran è la madre di tutte le guerre", ha dichiarato Rouhani parlando davanti ad un gruppo di diplomatici.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Il dipartimento del Tesoro statunitense è disposto a rimuovere le sanzioni che pesano su Rusal, colosso russo dell'alluminio. Lo ha dichiarato il segretario Steven Mnuchin da San Paolo, in Brasile, in esclusiva all'agenzia Reuters. L'obiettivo di Washington "non è di far fallire Rusal".

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, ha segretamente registrato l'attuale presidente prima delle elezioni del 2016, mentre parlavano del pagamento a un'ex modella di Playboy, Karen McDougal, che sosteneva pubblicamente di aver avuto una relazione con lui. Lo rivela una fonte al New York Times, secondo cui la registrazione sarebbe stata sequestrata dall'Fbi nel raid compiuto recentemente nell'ufficio di Cohen.