Trump chiese al direttore dell'Fbi di chiudere inchiesta su Flynn

E' quanto emerge da un memo scritto a febbraio da James Comey, silurato il 9 maggio scorso. Il generale fu costretto a dimettersi da consigliere per la Sicurezza nazionale per avere fuoriviato l'amministrazione su funzionario russo

Donald Trump sembra avere avuto tutte le intenzioni di influenzare l'inchiesta dell'Fbi sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna dell'allora candidato repubblicano alla Casa Bianca e funzionari russi. A rendere sempre più concreto il sospetto è stato il New York Times, secondo cui il 45esimo presidente americano chiese espressamente al capo dell'Fbi poi silurato di archiviare l'indagine sul suo primo consigliere alla sicurezza nazionale, Michael Flynn (nella foto).

Secondo il giornale, Trump ha avanzato la richiesta a James Comey durante un incontro nello Studio Ovale il 14 febbraio scorso, il giorno successivo alle dimissioni di Flynn (che aveva fuorviato il vicepresidente sulle sue conversazioni con l'ambasciatore russo in Usa). E' un memo scritto dallo stesso Comey subito dopo quell'incontro a fornire i dettagli della conversazione tra i due. Un memo, pare, pensato per lasciare traccia di quello che il capo dell'Fbi aveva percepito come uno sforzo inopportuno da parte di Trump di intromettersi nell'inchiesta.

"Spero che lascerai perdere il caso", disse Trump all'allora numero uno della polizia federale, recita il memo condiviso con funzionari di alto livello dell'Fbi e letto da un collega di Comey a un giornalista del NY Times. "E' un buon uomo", disse il presidente facendo riferimento a Flynn. "Spero che lascerai perdere" anche perché Trump pareva convinto che l'ex generale non avesse fatto nulla di sbagliato. Comey non commentò ma stando al documento (che non è top secret) si disse d'accordo sul fatto che Flynn fosse una brava persona.

La Casa Bianca ha immediatamente reagito all'indiscrezione, negandola. "Sebbene abbia ripetutamente espresso la sua opinione secondo la quale il generale Flynn è un buon uomo che ha servito e protetto il nostro Paese, il presidente non ha mai chiesto a Comey né a nessun altro di porre fine all'indagine riguardante Flynn". La nota arrivata dal civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington ha aggiunto: "Il presidente ha il massimo rispetto per le forze dell'ordine e per tutte le indagini. Quella [del NY Times] non è una descrizione vera né accurata della conversazione tra il presidente e Comey".

Il mistero si infittisce. Non solo perché Trump il 9 maggio scorso ha cacciato a sorpresa Comey a causa - almeno sulla carta - della sua gestione dell'emailgate di Hillary Clinton. C'è anche un altro elemento che contraddice le ultime rivelazioni: in una audizione al Senato, il direttore dell'Fbi ad interim Andrew McCabe aveva detto la settimana scorsa che "non ci sono stati sforzi per impedire ad oggi le nostre inchieste".

Intanto i democratici sono sbigottiti. "Se fosse vera, sarebbe un altro segno preoccupante di come il presidente possa essere stato coinvolto nell'interferenza o nell'ostacolare l'indagine", ha dettp Adam Schiff, il democratico numero uno nella commissione Intelligence alla Camera che a sua volta sta indagando sul Russiagate. "Quando è troppo, è troppo. Il Congresso deve davvero arrivare al fondo della questione", ha aggiunto.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Questa settimana sono attesi i conti di 70 aziende quotate a Wall Street
AP

Riforma sanitaria, McCain convalescente inguaia i repubblicani

Operato all'occhio, avrà bisogno di almeno una settimana di riposo. Ma il suo voto è necessario in Senato per far andare avanti l'iter per il Trumpcare

L'operazione all'occhio a cui è stato sottoposto il senatore statunitense, John McCain, è stata più delicata del previsto e la sua convalescenza durerà almeno una settimana. Una notizia per niente positiva per il Grand Old Party, che ha bisogno della presenza di McCain in Senato per votare la riforma sanitaria presentata la scorsa settimana, già a rischio di bocciatura. I leader del partito, inoltre, temono che il rinvio della votazione procedurale per portare la discussione in Aula permetta al fronte contrario al testo di rafforzarsi. Più sarà ritardata, più aumenteranno le possibilità di un nuovo fallimento.

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Amazon vuole trasformarci in chef. Blue Apron a picco a Wall Street

Depositato uno slogan di otto parole che fa capire come il colosso voglia vendere kit per preparare un pasto, come quelli distribuiti dalla piccola azienda

Dai supermercati ai kit per preparare un pasto completo. Dopo aver annunciato di voler acquistare il gruppo Whole Foods, operazione su cui il governo Usa ha acceso un faro, Amazon si avventura in un mercato nuovo: in pratica, il colosso americano del commercio elettronico punta a trasformare i suoi consumatori in chef.

La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Trump presenta la settimana del "Made in America"

Eventi e conferenze alla Casa Bianca anche se la maggior parte dei suoi marchi producono all'estero

Il presidente americano Donald Trump ha appena presentato la settimana "Made in America" alla Casa Bianca per promuovere prodotti realizzati negli Stati Uniti. Questo anche se la maggior parte della sue aziende producono all'estero. Seguendo le promesse fatte nel corso della campagna elettorale, l'amministrazione metterà in evidenza la produzione americana.

Studente americano condannato a 10 anni di carcere in Iran

Era scomparso l'estate scorsa. Secondo le autorità di Teheran è una spia americana. Lo studente, Xiyue Wang, si trovava in Iran per continuare la sua ricerca scientifica sulla dinastia Qajar

Uno studente americano dell'Università di Princeton è stato arrestato in Iran ed è stato condannato a 10 anni di carcere con l'accusa di essere una spia del governo americano. La mossa potrebbe incrinare ancora di più le relazioni tra i due Paesi, sempre più tese da quando Donald Trump è stato eletto presidente.

La settimana economica negli Stati Uniti

Continua la stagione delle trimestrali, Trump parla di made in America, la riforma sanitaria resta ferma al Senato
AP

Donald Trump è sempre più debole. Gli scandali legati al Russiagate e il coinvolgimento di suo figlio Donald Jr. hanno fatto scendere la popolarità del presidente ai minimi toccando quota 36% rispetto al 42% di aprile, secondo un sondaggio nazionale svolto dal Washington Post e da Abc. Il 48% degli americani sostengono di "disapprovare fortemente" l'azione di Trump come presidente, un livello mai raggiunto dagli ex presidenti Bill Clinton e Barack Obama e toccato solo da George W. Bush nel suo secondo mandato.

Successo del test missilistico, ma non basta a difendere gli Usa dalla Corea del Nord

Il Thaad provato per la prima volta contro un missile intermedio. A preoccupare però è il sistema che dovrebbe difendere dai missili intercontinentali, che non sarebbe ancora affidabile

Gli Stati Uniti hanno condotto con successo un test del loro sistema missilistico di difesa (Thaad) contro un missile balistico a raggio intermedio (Irbm), intercettato vicino a Kodiak, in Alaska; lo ha reso noto la U.S. Missile Defense Agency (Mda). Nonostante il test fosse stato pianificato mesi fa, ha assunto un significato particolare, visto che la Corea del Nord ha lanciato per la prima volta un missile balistico intercontinentale (Icbm) il 4 luglio, proprio nel giorno dell'Indipendenza statunitense, in segno di sfida a Washington. Il Thaad, però, non è in grado di intercettare i missili intercontinentali.

Bnp Paribas: multa Fed da 246 milioni di dollari per pratiche sui cambi

Secondo la banca centrale Usa, il gruppo ha fallito nella supervisione. L'istituto di credito francese si pente. Pagherà con accantonamenti esistenti

Una multa di 246 milioni di dollari. E questo l'ammontare della pena pecuniaria decisa dalla Federal Reserve contro BNP Paribas e alcune sue controllate americane. Secondo la banca centrale Usa, l'istituto di credito francese è reo di "pratiche non sicure e non solide nei mercati dei cambi".