Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

Il presidente americano, Donald Trump, critica i produttori di auto contrari all'allentamento regolatorio da lui pianificato. "La mia proposta alle aziende d'auto politicamente corrette abbasserebbe il prezzo medio di un veicolo per i consumatori di oltre 3.000 dollari, e allo stesso tempo renderebbe le vetture molto più sicure. I motori funzionerebbero in modo migliore. Ci sarebbe un impatto molto limitato sull'ambiente! Executive pazzi!".

Con questo tweet Trump sembra rispondere a un articolo del New York Times, secondo cui anche Mercedes-Benz potrebbe aggiungersi ai quattro gruppi che a luglio avevano unito le forze con la California e altri 13 stati americani per ridurre le emissioni, schierandosi di fatto contro la Casa Bianca. In base all'intesa, Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW (che insieme rappresentano il 30% circa del mercato statinitense delle quattro ruote) saranno sottoposti a regole leggermente meno stringenti di quelle volute da Barack Obama nel 2012.

Invece che produrre entro il 2025 vetture che consumano 54,5 galloni per miglio, a loro verrebbe richiesto di realizzare veicoli con consumi pari a 51 miglia per gallone entro il 2026. Trump punta a uno standard di 37 miglia per gallone.

I gruppi auto temono che l'allentamento regolatorio voluto da Trump porti a una battaglia legale tra la California - storicamente attenta all'ambiente - e il governo federale con il rischio di provocare anni di incertezza regolatoria e di creare due mercati distinti, uno con norme più stringenti. Stando al NY Times, un sesto gruppo starebbe pensando di aderire alle norme più stringenti per i prossimi quattro anni. Sarebbe uno tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors, tutti e tre richiamati alla Casa Bianca il mese scorso per convincerli a stare dalla parte del presidente. Il NY Times scrive che nessuno tra Mercedes-Benz, Toyota, Fca e General Motors ha voluto commentare. Il giornale però ricorda che in merito al patto californiano, recentemente il Ceo di Fca, Mike Manley, ha detto: "Lo analizzeremo assolutamente e vedremo cosa significa".

Altri Servizi

Primarie Dem, sondaggio Nbc/Wsj: Sanders saldamente in testa con il 27%, crolla Biden, irrompe Bloomberg

Il senatore è stabile, l'ex vicepresidente alle sue spalle perde 11 punti; l'ex sindaco, invece, guadagna 5 punti
Ap

Il senatore Bernie Sanders è saldamente in testa a livello nazionale, secondo l'ultimo sondaggio di Nbc News/Wall Street Journal sulle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Alle sue spalle, come già testimoniato da altre rilevazioni, perde punti l'ex vicepresidente Joe Biden, mentre irrompe il miliardario Mike Bloomberg. Inoltre, il sondaggio mostra un tasso di approvazione per il presidente Donald Trump di nuovo ai massimi.

Wall Street attende le minute della Fed

L'attenzione resta anche sul coronavirus
AP

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale

Michael Bloomberg prepara il suo ingresso ufficiale nelle primarie democratiche statunitensi con un esercito di utenti sui social network, pagato per pubblicare messaggi a suo sostegno e invitare tutte le persone tra i contatti a votare per lui. Si tratta di una nuova tattica elettorale, resa possibile da una disponibilità praticamente illimitata di fondi.

Usa 2020: importante sindacato del Nevada non appoggia nessuno

"Sosterremo i nostri obiettivi, non un candidato" per i caucus democratici

Un importante sindacato del Nevada ha deciso di non appoggiare apertamente nessun candidato ai caucus democratici per le presidenziali, prossimo appuntamento elettorale in programma il 22 febbraio; ha però criticato il senatore Bernie Sanders, con cui ha avuto degli attriti anche in passato, per la sua proposta per il Medicare for All, ovvero l'assistenza sanitaria universale.

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Bloomberg cresce nei sondaggi, parteciperà per la prima volta a un dibattito Dem

L'ex sindaco di New York salita sul palco a Las Vegas, in vista dei caucus in Nevada
iStock

Cresce il consenso democratico attorno all'ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, che potrà partecipare domani - per la prima volta - al dibattito previsto a Las Vegas, in vista dei caucus in Nevada del 22 febbraio. Secondo un sondaggio nazionale di Npr, Pbs NewsHour e Marist pubblicato oggi, infatti, il miliardario americano ha superato la soglia minima del 10% dell'ipotetico consenso, necessaria per ricevere un invito al dibattito.

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Roger Stone (amico di Trump) condannato a 40 mesi di carcere

Condannato per aver ostacolato le indagini sulle ingerenze della Russia nelle elezioni del 2016
Ap

Sanders voleva candidarsi contro Obama nel 2012

Lo scrive The Atlantic. Il senatore fu fermato dal leader della maggioranza in Senato, Harry Reid
AP

Usa 2020, Bloomberg presenta un piano finanziario 'progressista'

Vuole una tassa dello 0,1% su tutte le transazioni finanziarie e un team contro i crimini aziendali che persegua non solo le società, ma anche gli individui