Trump deride ex membri del suo staff: dichiarazioni a Mueller sono "totali stronzate"

Il presidente attacca coloro che alla fine lo hanno salvato dall'accusa di ostruzione alla giustizia (ignorando i suoi ordini). Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto Mueller completo entro l'1 maggio
Ap

All'indomani della pubblicazione del rapporto con cui, dopo 22 mesi, il procuratore speciale Robert Mueller ha messo fine al suo lavoro di inchiesta sul cosiddetto Russiagate, Donald Trump è tornato alla carica. Dopo avere festeggiato per non essere stato accusato di collusione con Mosca e di ostruzione alla giustizia, il 45esimo presidente americano ha definito "pazzo" il rapporto stesso e "totali stronzate" alcune dichiarazioni fornite a Mueller da vari testimoni.

Trump ha poi messo in guardia "le persone che hanno preso i cosiddetti appunti, che non sono mai esistiti fino a quando non è stato necessario". Questo è probabilmente un riferimento a uno dei passaggi più letti del rapporto, quello in cui il presidente si era chiesto perché l'allora consigliere legale alla Casa Bianca Don McGahn avesse preso appunti durante le loro conversazioni. McGahn non è l'unico ad essere stato citato nel rapporto tra i funzionari che hanno preso nota delle loro interazioni con il leader Usa. Tra di loro ci sono anche l'ex segretario di gabinetto Rob Porter, l'ex capo di gabinetto John Kelly, l'ex vice consigliere alla Sicurezza nazionale K.T. McFarland e l'ex direttore dell'Fbi James Comey (silurato da Trump poco prima della nomina di Mueller).

Stando a quanto riferito a Mueller da McGahn e altri, Trump aveva detto a McGahn di contattare il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, e di licenziare Mueller (che dall'allora numero due di Jeff Sessions, poi silurato dal presidente, era stato nominato nel maggio del 2017). McGahn non ha mai riferito l'ordine dato da Trump. Stando al rapporto, il consigliere ha ricordato Trump che gli diceva: "Gli avvocati non prendono appunti. Non ho mai avuto un avvocato che prende appunti". McGahn gli rispose: "I veri avvocati prendono nota".

Se alla fine Mueller ha scelto di non pronunciarsi sul fatto che Trump abbia o meno ostacolato il corso alla giustizia, pur non esonerandolo, è anche grazie al rifiuto di McGahn e altri membri dello staff alla Casa Bianca, di ubbidire al Commander in chief. Nel documento si legge che gli sforzi di Trump per influenzare l'inchiesta "non hanno avuto successo" perché appunto i sottoposti del presidente non gli hanno dato retta. Per esempio, Corey Lewandowski e Rick Dearborn non hanno riferito a Sessions il messaggio del presidente che lui avrebbe dovuto circoscrivere l'inchiesta sulla Russia solo a interferenze in elezioni future.

In una serie di tweet, l'inquilino della Casa Bianca - che ha fornito a Mueller risposte scritte al posto di una testimonianza orale - ha anche scritto: "Siccome non ho mai accordato di testimoniare, non è stato necessario per me rispondere a dichiarazioni fatte nel 'rapporto' su di me, alcune delle quali sono totali stronzate e fatte solamente per fare apparire positivamente qualcuno (o fare apparire me negativamente)". In molteplici occasioni, da una conferenza nel giugno 2017 al gennaio 2018, il presidente aveva detto di essere disposto a farsi interrogare.

Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto completo entro l'1 maggio
Intanto il presidente della commissione Giustizia della Camera Usa ha chiesto la consegna del rapporto redatto da Robert Mueller nella sua interezza. Per Jerrold Nadler, democratico di New York, il dipartimento di Giustizia deve fornire il rapporto - inviato ieri al Congresso e diffuso al pubblico in formato digitale ma con omissis - entro l'1 maggio.

Nadler aveva anticipato già ieri che avrebbe ordinato la consegna del documento completo. "Siccome il Congresso ha bisogno di questo materiale per potere esercitare le sue responsabilità previste dalla Costituzione, richiederà la consegna del rapporto nella sua interezza", aveva detto ieri in una nota.

Nadler aveva aggiunto: "Anche se in forma incompleta, il rapporto Mueller fornisce prove allarmanti che il presidente Trump ha commesso ostruzione alla giustizia", cosa esclusa invece dal segretario alla Giustizia, William Barr. Nel rapporto, il procuratore speciale Mueller aveva spiegato di non prendere una posizione su questo ma di non esonerare completamente Trump. "Se fossimo sicuri" che il presidente non ha ostacolato il corso della giustizia, recita il documento, "lo avremmo scritto".

Nadler ha già formalmente chiesto a Mueller di testimoniare davanti ai membri della sua commissione entro il 23 maggio. Barr lo farà il 2 maggio.

Altri Servizi

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Alcuni dipendenti di Deutsche Bank, specialisti dell'antiriciclaggio, avvertirono i vertici della banca di numerose transazioni sospette, nel 2016 e 2017, che coinvolgevano delle entità controllate dal presidente Donald Trump e dal genero Jared Kushner, raccomandandone la segnalazione alle autorità federali. I vertici della banca, però, scelsero di non segnalare nulla. A raccontarlo è il New York Times.

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

"Il mio lavoro più bello è questo". Marco Glaviano non indica una ventenne Paulina Porizkova, nuda, nascosta da grandi foglie verdi e umide. Non indica lo sguardo profondo di Claudia Schiffer o un bacio mandato dalle labbra di una giovanissima Cindy Crawford con gli occhi chiusi e un ciuffo ribelle di capelli sul viso. Sta per inaugurare la sua nuova mostra a New York. Ma non è alle opere esposte fino al 15 giugno prossimo alla Space Gallery St Barth/Soho a cui il famoso fotografo fa riferimento, ma a un libro mai pubblicato, sul quale ha iniziato a lavorare nel 1965. "Ne ho pubblicati 15 ma questo non ancora". Il contenuto? Ritratti di jazzisti. "La mia grande passione".

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, si è dichiarato "pro vita", in una serie di tweet pubblicati nella notte tra sabato e domenica, ma si è espresso contro le nuove leggi che vietano l'aborto in Alabama - dove è già stata promulgata - e Missouri - che sarà presto firmata dal governatore - che impediscono l'interruzione di gravidanza anche in caso di stupro e incesto. "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan" ha scritto Trump.

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, potrebbe concedere la grazia a diversi militari condannati o accusati di crimini di guerra. Lo scrive il New York Times, secondo cui il capo di Stato avrebbe chiesto al suo staff di preparare i documenti. Tra i soldati da graziare, ci sarebbe anche un militare accusato di aver sparato su civili disarmati in Iraq.

Wall Street, attenzione rivolta sempre ai rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump continua ad attaccare la Cina su Twitter
AP

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

A poco più di otto mesi dall’inizio delle primarie democratiche che determineranno il candidato alla corsa alla Casa Bianca 2020, Joe Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un grande comizio a Philadelphia, in Pennsylvania, dove ha allestito il suo quartier generale. L’ex vicepresidente americano, che sta volando nei sondaggi, ha attaccato duramente Donald Trump accusandolo di voler dividere il Paese su temi fondamentali come la religione, la razza e l'orientamento sessuale.

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

AP

Nel 2018 sono stati 28,2 milioni i lavoratori americani nati al di fuori degli Stati Uniti, in rialzo del 3,7% sul 2017 e pari al 17,5% della forza lavoro complessiva (+0,4% sul 2017), un record da quando il dipartimento del Lavoro ha iniziato nel 1996 a tenere traccia di questo dato. Nel 2000 quest'ultima percentuale era al 13,3%. E' quanto emerge da un'analisi del dipartimento del Lavoro.

Allarme Microsoft su un bug: potrebbe essere sfruttato come WannaCry

Il virus nel 2017 colpì oltre 200mila computer, inclusi quelli del servizio sanitario nazionale britannico. Problema risolto in versioni vecchie di Windows
Shutterstock

Microsoft ha fatto l'insolito passo di lanciare un avvertimento: un bug informatico che ora ha aggiustato potrebbe essere usato come cyber-arma simile al virus WannaCry che nel maggio del 2017 colpì oltre 200mila computer nel mondo rendendoli inutilizzabili fino al versamento di un riscatto digitale. Tra le vittime di allora ci furono il servizio sanitario nazionale britannico, Fedx e Nissa. Gli Stati Uniti e il Regno Unito puntarono il dito contro la Corea del Nord.