Trump difende le armi: "Vietarle? Allora vietiamo i camion. Bisogna addestrare e armare gli insegnanti"

Il presidente ha parlato alla convention della Nra, la lobby delle armi: "Camion e furgoni sono le nuove forme di morte dei maniaci terroristi", non le armi. "Eletto per difendere i vostri diritti. Il Secondo Emendamento non sarà mai in pericolo".

"Dobbiamo vietare immediatamente tutti i furgoni e tutti i camion, che ora sono le nuove forme di morte dei maniaci terroristi. Prendono un camion, investono otto persone e ne feriscono sessanta, come successo a New York [...] Sta succedendo ovunque. Quindi vietiamo immediatamente tutti i camion e i furgoni, forse tutte le automobili". Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scelto il modo più semplicistico e beffardo per difendere il diritto di possedere armi, davanti ai sostenitori della National Rifle Association (Nra), la potente lobby delle armi, durante la convention in corso a Dallas, in Texas.

Trump ha poi ribadito le sue soluzioni per evitare altre stragi nelle scuole statunitensi, come quella avvenuta meno di tre mesi fa alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, dove sono morte 17 persone. Servono insegnanti armati e addestrati, guardie armate nelle scuole e più controlli sui precedenti di chi acquista armi, ha detto; inoltre, bisogna privare delle armi le persone pericolose, comprese quelle con problemi mentali. Nessun riferimento, invece, all'innalzamento a 21 anni dell'età minima necessaria per comprare armi e ad altre proposte che lui stesso aveva presentato per limitare la circolazione di fucili e pistole, messe poi velocemente da parte su Twitter, scrivendo che "non c'è sufficiente sostegno politico" per approvarle.

Trump ha suscitato l'entusiasmo dei sostenitori presenti affermando che il Secondo emendamento della Costituzione, quello che garantisce il diritto di possedere armi, non sarà mai a rischio finché lui sarà alla guida del Paese: "I tuoi diritti sono sotto assedio, ma non saranno mai sotto assedio fino a quando io sarò il vostro presidente". "Se mettessimo fuori legge le armi, come vorrebbero fare molte persone, [ovvero] i democratici, sarebbe meglio uscire e votare". "Tutti noi vogliamo scuole più sicure - ha detto Trump - ma insegnanti perfettamente addestrati dovrebbero portare armi nascoste" perché "se sapranno che ci sono armi all'interno" i killer "non entreranno".

Il presidente ha colto l'occasione per parlare anche di economia, sottolineando la disoccupazione al 3,9%, risultato che non si verificava dal 2000, e delle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali e le possibili collusioni del suo staff con il Cremlino: "Una caccia alle streghe, una vergogna".

Il presidente ha parlato davanti ai sostenitori delle armi per il quarto anno consecutivo; lo scorso anno, Trump era stato il primo presidente in carica a parlare all'evento in oltre 30 anni. Il presidente è un grande sostenitore della Nra, che a sua volta ha dichiarato il suo appoggio al magnate di New York alle scorse elezioni presidenziali, spendendo oltre 30 milioni di dollari per la sua candidatura.

Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.