Trump: emergenza nazionale per costruire il muro, verso batteglie legali

Firmata legge di spesa che evita un altro shutdown

Anche Donald Trump, come altri presidenti americani prima di lui, ha firmato una dichiarazione di emergenza nazionale. Per il 45esimo Commander in Chief, c'è una crisi al confine tra Stati Uniti e Messico dove serve - è la sua tesi - costruire un muro per fermare una "invasione di droghe, criminali e gang". Peccato che con una tale mossa, il 45esimo Commander in chief non solo abbia agito in un contesto decisamente diverso da quello dei suoi predecessori; Trump ha anche spianato la strada a una serie di battaglie politiche e legali su una "crisi" non dimostrata dai dati. Non a caso, parlando alla stampa dal Rose Garden, il leader Usa ha attaccato un paio di giornalisti critici. A Jim Acosta, a cui in passato aveva negato accesso alla Casa Bianca, ha detto di fare "domande false" per una emittente "fake", la Cnn. A un altro reporter che aveva osato chiedergli che dati utilizza per dire che c'è una crisi al confine meridionale, Trump ha ordinato di sedersi e starsene zitto.

Invocando l'emergenza nazionale, Trump aggira il Congresso mettendo le mani su fondi destinati ad altri progetti per costruire il muro controverso. Trump attingerà a 3,6 miliardi dedicati a costruzioni militari, altri 2,5 miliardi arriveranno da programmi volti a contrastare il traffico di droga e altri 600 milioni di dollari giungeranno dal Tesoro. Aggiungendo 1,375 miliardi di dollari previsti nella legge di spesa firmata da Trump e che consente di evitare un altro shutdown, il presidente potrà contare su 8 miliardi per costruire nuove barriere e riparare quelle esistenti. Si tratta di più dei 5,7 miliardi che il Congresso si è rifiutato di concedergli fino ad ora. Su questo era scattato quello che poi è diventato uno shutdown record.

I democratici al Congresso sono già sul piede di guerra con quelli alla Camera, che la controllano, pronti a introdurre una legislazione per bloccare la mossa del presidente. Convinti che la decisione di Trump sia "illegittima", la speaker alla Camera, Nancy Pelosi, e il leader della minoranza Dem al Senato, Chuck Schumer, premono sui repubblicani affinché a loro volta difendano la Costituzione e la loro autorità parlamentare. Loro sperano che la legislazione anti emergenza nazionale sia approvata in ambo le aule del Congresso. A quel punto, il testo arriverebbero sulla scrivania di Trump, che si ritroverebbe nella condizione di emettere il suo primo veto presidenziale.

Oltre alle battaglie legislative, il caso potrebbe arrivare anche sui banchi di tribunale su iniziativa non solo dei legislatori democratici ma anche di Stati e contractor federali. Letitia James, il segretario di Giustizia dello Stato di New York, ha già dichiarato battaglia.

Intanto i democratici hanno messo in guardia: la mossa del presidente crea un precedente che potrebbe essere usato da leader Dem futuri su questioni come il cambiamento climatico tutt'altro che care a Trump. La Casa Bianca sostiene che non si crea alcun precedente pericoloso tanto più che le dichiarazioni di emergenza sono state fatte 58 volte nell'ambito di una legge degli anni '70 e una trentina sono ancora in vigore. Peccato che nella maggioranza dei casi, furono invocate per via di crisi varie e non per dirottare fondi senza l'ok del Congresso. In due casi fondi militari sono stati reindirizzati: una volta da George H.W. Bush nel november 1990, in risposta all'invasione del Kuwait da parte dell'Iraq, e un'altra nel novembre 2001 da George W. Bush dopo gli attacchi terroristi dell'11 settembre 2001 contro l'America. In nessuno dei due casi però fu fatta un'azione bocciata dal Congresso.

Altri Servizi

Usa: venti gruppi farmaceutici accusati di avere gonfiato i prezzi

Sell-off a Wall Street per Teva e Mylan. Si temono multe e pagamento di danni

Un cartello per gonfiare artificialmente i prezzi di oltre un centinaio di farmaci, con punte del mille per cento. E' questa l'accusa lanciata da 44 stati americani capitanati dal Connecticut contro 20 produttori di farmaci generici che includono la svizzera Novartis e la sua controllata tedesca Sandoz, le statunitensi Pfizer e Mylan e l'israeliana Teva.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap

Usa2020, Obama lancia un fondo per finanziare la nomination democratica

L’ex presidente sosterrà i candidati del partito dell’asinello attraverso il "Democratic Unity Fund"

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap