Trump: emergenza nazionale per costruire il muro, verso batteglie legali

Firmata legge di spesa che evita un altro shutdown

Anche Donald Trump, come altri presidenti americani prima di lui, ha firmato una dichiarazione di emergenza nazionale. Per il 45esimo Commander in Chief, c'è una crisi al confine tra Stati Uniti e Messico dove serve - è la sua tesi - costruire un muro per fermare una "invasione di droghe, criminali e gang". Peccato che con una tale mossa, il 45esimo Commander in chief non solo abbia agito in un contesto decisamente diverso da quello dei suoi predecessori; Trump ha anche spianato la strada a una serie di battaglie politiche e legali su una "crisi" non dimostrata dai dati. Non a caso, parlando alla stampa dal Rose Garden, il leader Usa ha attaccato un paio di giornalisti critici. A Jim Acosta, a cui in passato aveva negato accesso alla Casa Bianca, ha detto di fare "domande false" per una emittente "fake", la Cnn. A un altro reporter che aveva osato chiedergli che dati utilizza per dire che c'è una crisi al confine meridionale, Trump ha ordinato di sedersi e starsene zitto.

Invocando l'emergenza nazionale, Trump aggira il Congresso mettendo le mani su fondi destinati ad altri progetti per costruire il muro controverso. Trump attingerà a 3,6 miliardi dedicati a costruzioni militari, altri 2,5 miliardi arriveranno da programmi volti a contrastare il traffico di droga e altri 600 milioni di dollari giungeranno dal Tesoro. Aggiungendo 1,375 miliardi di dollari previsti nella legge di spesa firmata da Trump e che consente di evitare un altro shutdown, il presidente potrà contare su 8 miliardi per costruire nuove barriere e riparare quelle esistenti. Si tratta di più dei 5,7 miliardi che il Congresso si è rifiutato di concedergli fino ad ora. Su questo era scattato quello che poi è diventato uno shutdown record.

I democratici al Congresso sono già sul piede di guerra con quelli alla Camera, che la controllano, pronti a introdurre una legislazione per bloccare la mossa del presidente. Convinti che la decisione di Trump sia "illegittima", la speaker alla Camera, Nancy Pelosi, e il leader della minoranza Dem al Senato, Chuck Schumer, premono sui repubblicani affinché a loro volta difendano la Costituzione e la loro autorità parlamentare. Loro sperano che la legislazione anti emergenza nazionale sia approvata in ambo le aule del Congresso. A quel punto, il testo arriverebbero sulla scrivania di Trump, che si ritroverebbe nella condizione di emettere il suo primo veto presidenziale.

Oltre alle battaglie legislative, il caso potrebbe arrivare anche sui banchi di tribunale su iniziativa non solo dei legislatori democratici ma anche di Stati e contractor federali. Letitia James, il segretario di Giustizia dello Stato di New York, ha già dichiarato battaglia.

Intanto i democratici hanno messo in guardia: la mossa del presidente crea un precedente che potrebbe essere usato da leader Dem futuri su questioni come il cambiamento climatico tutt'altro che care a Trump. La Casa Bianca sostiene che non si crea alcun precedente pericoloso tanto più che le dichiarazioni di emergenza sono state fatte 58 volte nell'ambito di una legge degli anni '70 e una trentina sono ancora in vigore. Peccato che nella maggioranza dei casi, furono invocate per via di crisi varie e non per dirottare fondi senza l'ok del Congresso. In due casi fondi militari sono stati reindirizzati: una volta da George H.W. Bush nel november 1990, in risposta all'invasione del Kuwait da parte dell'Iraq, e un'altra nel novembre 2001 da George W. Bush dopo gli attacchi terroristi dell'11 settembre 2001 contro l'America. In nessuno dei due casi però fu fatta un'azione bocciata dal Congresso.

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.