Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne

Il Senato e la Camera degli Stati Uniti hanno approvato entrambi una propria risoluzione sul budget per l'anno fiscale 2018, aprendo la strada alla controversa riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump. Saranno ancora necessari diversi passaggi, ma la speranza dei repubblicani è di far firmare a Trump la riforma fiscale alla fine dell'anno. Una riforma che Trump ha presentato come "il più grande taglio delle tasse nella storia del Paese", promettendo di aiutare la classe media, di rendere gli Stati Uniti più competitivi a livello internazionale e di creare una crescita economica senza precedenti negli anni a venire.

Prima di tutto, i repubblicani dovranno approvare il budget, perché solo così potranno usare il 'budget reconciliation', ovvero la 'scappatoia' che permette al Congresso di approvare le proposte di legge su temi finanziari con la maggioranza semplice (51 voti in Senato e 218 alla Camera), evitando l'ostruzionismo della minoranza. La risoluzione sul budget è un accordo non vincolante che stabilisce le 'istruzioni' per la riforma fiscale, che tecnicamente potrà essere approvata entro la fine del prossimo anno fiscale, ovvero il 30 settembre 2018, anche se l'obiettivo, come detto, è quello di farlo entro la fine del 2017. 

Le due Camere dovranno quindi accordarsi su un documento finale sul budget, ma ci sono due grosse differenze tra i testi. La risoluzione del Senato dà il via libera a tagli alle tasse che provocherebbero un aumento del deficit di 1.500 miliardi di dollari in un decennio; la versione della Camera, invece, prevede l'aumento del deficit di soli 2,5 miliardi. La seconda è che il budget della Camera fa spazio a tagli fiscali solo con la riduzione delle spese per 203 miliardi di dollari, mentre il Senato prevede, come unica misura per sostenere il minor gettito fiscale, l'apertura di un parco naturale dell'Alaska all'estrazione petrolifera, per generare nuove entrate.

Secondo il Wall Street Journal, si tratta di differenze per cui potrebbero essere necessarie un paio di settimane di negoziazioni, ma senatori e deputati stanno lavorando a un accordo che porti la Camera ad approvare il budget del Senato la prossima settimana, senza una formale commissione Camera-Senato, solitamente necessaria per mediare tra le diverse posizioni delle due Aule. La risoluzione sul budget non ha bisogno della firma del presidente.

Il deputato repubblicano Kevin Brady, che guida la commissione responsabile della riforma fiscale, ha detto che, una volta che il budget sarà approvato definitivamente, renderà pubblica la proposta di legge, che i repubblicani hanno presentato a grandi linee a settembre e che prevede per esempio di ridurre l'aliquota per le aziende dal 35 al 20 per cento. Non mancano però le divergenze, all'interno del partito repubblicano, su aliquote e sgravi fiscali; una volta approvata dalla commissione (24 membri su 40 sono repubblicani), sarà l'Aula al completo (240 deputati su 435 sono repubblicani) a dover votare. Secondo lo speaker della Camera, Paul Ryan, la Camera potrebbe approvare la riforma fiscale a novembre, entro il giorno del Ringraziamento (23 novembre).

La commissione Finanza del Senato, invece, lavorerà alla propria riforma. In commissione, i repubblicani hanno solo 14 membri su 26: questo significa che dovranno trovare il modo di mettere tutti d'accordo. In Aula, invece, i repubblicani potranno permettersi due defezioni, visto che sono 52 e che, in caso di parità a 50, voterebbe il vicepresidente Mike Pence per rompere l'equilibrio. L'obiettivo è approvare il piano all'inizio di dicembre.

Una volta che le due Aule avranno approvato entrambe la propria riforma fiscale, dovranno appianare le differenze, presumibilmente in una commissione Camera-Senato. A quel punto, Camera e Senato voteranno di nuovo: se approvata, la riforma finirà sulla scrivania di Donald Trump, per la firma. Per l'ultima grande riforma fiscale, quella del 1986, furono necessari 11 mesi dalla sua introduzione alla firma presidenziale, ricorda il New York Times.

Altri Servizi

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones verso l'ottava seduta in perdita. Oggi il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

Migranti, Trump cambia idea ma migliaia di famiglie resteranno separate

Dopo un forte pressing, il presidente Usa ha firmato un ordine per tenere uniti i bambini ai loro genitori

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo per non dividere più i bambini dai genitori, con cui sono entrati irregolarmente nel Paese. "Firmerò qualcosa a questo proposito" aveva anticipato nella mattinata Usa ai giornalisti presenti alla Casa Bianca confermando le indiscrezioni. Nel pomeriggio, al fianco del vicepresidente Mike Pence e del segretario per la Sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen ha messo la sua firma sul documento "per tenere unite le famiglie" al confine tra Usa e Messico. Il leader americano ha tuttavia ribadito "tolleranza zero" nel perseguire gli adulti che mettono illegalmente piede su suolo Usa.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

La guerra tra Walt Disney e Comcast per aggiudicarsi gli asset che 21st Century Fox vuole cedere è ufficialmente iniziata. Il colosso dell'intrattenimento guidato da Bob Iger ha alzato a 71,3 miliardi di dollari o 38 dollari ad azione la sua offerta per asset che comprendono la britannica Sky, Star India, studi cinematografici e televisivi, reti via cavo dedicate all'intrattenimento e la quota nel servizio di video in streaming Hulu.

Ge: dopo oltre un secolo cacciato dal Dow, al suo posto entra Walgreens

Il cambio di guardia tra i due titoli sarà effettivo dal 26 giugno
Walgreens

A partire dal 26 giugno prossimo, General Electric lascerà il Dow Jones Industrial Average e al suo posto arriverà Walgreens Boots Alliance. Lo ha annunciatoamercati Usa chiusi S&P Dow Jones Indices, società che gestisce vari indici. Ge era parte dell'indice delle 30 blue chip dal suo lancio nel 1896 e ne è stato parte in modo continuativo dal 1907.

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.