Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne

Il Senato e la Camera degli Stati Uniti hanno approvato entrambi una propria risoluzione sul budget per l'anno fiscale 2018, aprendo la strada alla controversa riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump. Saranno ancora necessari diversi passaggi, ma la speranza dei repubblicani è di far firmare a Trump la riforma fiscale alla fine dell'anno. Una riforma che Trump ha presentato come "il più grande taglio delle tasse nella storia del Paese", promettendo di aiutare la classe media, di rendere gli Stati Uniti più competitivi a livello internazionale e di creare una crescita economica senza precedenti negli anni a venire.

Prima di tutto, i repubblicani dovranno approvare il budget, perché solo così potranno usare il 'budget reconciliation', ovvero la 'scappatoia' che permette al Congresso di approvare le proposte di legge su temi finanziari con la maggioranza semplice (51 voti in Senato e 218 alla Camera), evitando l'ostruzionismo della minoranza. La risoluzione sul budget è un accordo non vincolante che stabilisce le 'istruzioni' per la riforma fiscale, che tecnicamente potrà essere approvata entro la fine del prossimo anno fiscale, ovvero il 30 settembre 2018, anche se l'obiettivo, come detto, è quello di farlo entro la fine del 2017. 

Le due Camere dovranno quindi accordarsi su un documento finale sul budget, ma ci sono due grosse differenze tra i testi. La risoluzione del Senato dà il via libera a tagli alle tasse che provocherebbero un aumento del deficit di 1.500 miliardi di dollari in un decennio; la versione della Camera, invece, prevede l'aumento del deficit di soli 2,5 miliardi. La seconda è che il budget della Camera fa spazio a tagli fiscali solo con la riduzione delle spese per 203 miliardi di dollari, mentre il Senato prevede, come unica misura per sostenere il minor gettito fiscale, l'apertura di un parco naturale dell'Alaska all'estrazione petrolifera, per generare nuove entrate.

Secondo il Wall Street Journal, si tratta di differenze per cui potrebbero essere necessarie un paio di settimane di negoziazioni, ma senatori e deputati stanno lavorando a un accordo che porti la Camera ad approvare il budget del Senato la prossima settimana, senza una formale commissione Camera-Senato, solitamente necessaria per mediare tra le diverse posizioni delle due Aule. La risoluzione sul budget non ha bisogno della firma del presidente.

Il deputato repubblicano Kevin Brady, che guida la commissione responsabile della riforma fiscale, ha detto che, una volta che il budget sarà approvato definitivamente, renderà pubblica la proposta di legge, che i repubblicani hanno presentato a grandi linee a settembre e che prevede per esempio di ridurre l'aliquota per le aziende dal 35 al 20 per cento. Non mancano però le divergenze, all'interno del partito repubblicano, su aliquote e sgravi fiscali; una volta approvata dalla commissione (24 membri su 40 sono repubblicani), sarà l'Aula al completo (240 deputati su 435 sono repubblicani) a dover votare. Secondo lo speaker della Camera, Paul Ryan, la Camera potrebbe approvare la riforma fiscale a novembre, entro il giorno del Ringraziamento (23 novembre).

La commissione Finanza del Senato, invece, lavorerà alla propria riforma. In commissione, i repubblicani hanno solo 14 membri su 26: questo significa che dovranno trovare il modo di mettere tutti d'accordo. In Aula, invece, i repubblicani potranno permettersi due defezioni, visto che sono 52 e che, in caso di parità a 50, voterebbe il vicepresidente Mike Pence per rompere l'equilibrio. L'obiettivo è approvare il piano all'inizio di dicembre.

Una volta che le due Aule avranno approvato entrambe la propria riforma fiscale, dovranno appianare le differenze, presumibilmente in una commissione Camera-Senato. A quel punto, Camera e Senato voteranno di nuovo: se approvata, la riforma finirà sulla scrivania di Donald Trump, per la firma. Per l'ultima grande riforma fiscale, quella del 1986, furono necessari 11 mesi dalla sua introduzione alla firma presidenziale, ricorda il New York Times.

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare la prossima settimana

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap