Trump fa propaganda sulla Nato, ma non sa come funziona (o fa finta di non saperlo)

Il presidente ripete che la Germania e gli altri alleati "devono" un sacco di soldi alla Nato e agli Stati Uniti, ma non è così
AP

"Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità". Lo affermava Joseph Paul Goebbels, uno dei più importanti gerarchi nazisti, ministro della Propaganda del Terzo Reich dal 1933 al 1945. La frase non sarà di certo sfuggita a Steve Bannon, il consigliere più importante del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha portato alla Casa Bianca le istanze del movimento alt-right, la nuova destra anti-sistema che riunisce i sostenitori del suprematismo bianco.

Nel corso degli ultimi mesi, una delle bugie ripetute da Trump riguarda la Nato. "Non funziona ed è obsoleta, gli alleati non pagano quanto dovuto. Ci devono un sacco di soldi". "È ingiusta, paghiamo una quota sproporzionata"; "paghiamo una parte da leone"; "siamo spennati dai Paesi dela Nato, che per la maggior parte non pagano praticamente nulla"; "paghiamo troppo, miliardi e miliardi di dollari". "Ci sono Paesi scrocconi (qui, ha usato un'accusa fatta anche dal predecessore, Barack Obama, ndr) e questo è ingiusto, molto ingiusto". Frasi ripetute in varie interviste ai media statunitensi, raggruppate in un pezzo di 'fact checking' del Washington Post.

Lo ha fatto anche durante l'incontro con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, alla Casa Bianca, avvenuto il 17 marzo: "Ho ribadito il mio forte sostegno alla Nato - ha detto durante la conferenza stampa - così come la necessità che i nostri alleati della Nato paghino la loro giusta quota [...] Molte nazioni devono una vasta somma di denaro ed è molto ingiusto per gli Stati Uniti. Le nazioni devono pagare quello che devono [...] Ringrazio la Germania per il suo impegno ad aumentare le spese per la difesa e a lavorare per contribuire almeno con il 2% del Pil".

Poi su Twitter, il giorno dopo: "La Germania deve una vasta somma di denaro alla Nato e gli Stati Uniti devono essere pagati di più per la difesa possente e molto costosa che forniscono alla Germania!".

Trump, dunque, continua a ripetere che gli alleati "devono dei soldi alla Nato e agli Stati Uniti", dimostrando di non conoscere affatto il funzionamento dell'Alleanza atlantica o di voler, semplicemente, fare propaganda negli Stati Uniti, diffondendo notizie false che facciano pensare ai cittadini che ora, finalmente, "America First", l'America viene prima di tutti con Trump, dopo presidenti che avrebbero fatto gli interessi degli altri, pagando per la difesa dei Paesi della Nato. Una colossale bugia: se è vero che solo quattro alleati sui 27 dell'Alleanza hanno rispettato l'impegno di dedicare il 2% del Pil alla difesa, è altrettanto vero che nessun Paese "deve" dei soldi agli Stati Uniti o alla Nato. Se si parla invece dei fondi diretti versati dai singoli Stati per le spese civili e militari, ognuno dei 28 membri paga la propria quota, calcolata in base al Pil: il contributo degli Stati Uniti è pari a circa il 22% del totale, quello della Germania il 15%, quello della Francia l'11%, del Regno Unito il 10%, dell'Italia il 7% e così via. Trump ha affermato che gli Stati Uniti spendono "miliardi e miliardi" nella Nato, ma i documenti del dipartimento della Difesa mostrano che il contributo diretto annuale è sotto i 500 milioni all'anno.

Una bugia che rischia di trasformarsi in verità, soprattutto se nessuno contrasta la versione di Trump. Per fortuna, nelle ultime ore, qualche voce è emersa per spiegare al presidente, ma soprattutto agli elettori, come funziona la Nato. Ivo Daalder, che è stato il rappresentante statunitense alla Nato dal 2009 al 2013, ha risposto a Trump su Twitter: "Mi dispiace, signor presidente, non è così che funziona la Nato. Gli Stati Uniti decidono da soli quanto contribuire alla difesa della Nato (al momento, gli Stati Uniti dedicano alla Difesa il 3,6% del Pil, ma è praticamente impossibile calcolare con esattezza le spese esclusivamente per la Nato, ndr). Non è una transazione finanziaria, dove i Paesi della Nato pagano gli Stati Uniti per essere difesi. Fa parte del nostro impegno nel trattato". "Tutti i Paesi della Nato, compresa la Germania, si sono impegnati a spendere il 2% del Pil nella difesa entro il 2024. Per ora, solo cinque su 28 Paesi della Nato lo fanno. Quelli che non lo fanno stanno ora aumentando i loro budget per la difesa. Ma nessun fondo sarà pagato agli Stati Uniti. Serviranno a incrementare le capacità difensive della Nato, vista la crescente minaccia russa. L'Europa deve spendere di più per la difesa, ma non come favore (o pagamento) agli Stati Uniti, ma perché la loro sicurezza lo richiede". Daalder, nella serie di tweet, ha poi aggiunto che "l'ampio impegno militare" degli Stati Uniti nella Nato "non è un favore all'Europa", ma è "vitale per la nostra stessa sicurezza". "Abbiamo combattuto due guerre mondiali in Europa e una guerra fredda. Mantenere un'Europa libera e in pace è un vitale interesse statunitense".

Anche la Germania, alla fine, ha risposto agli Stati Uniti. La ministra della Difesa, Ursula von der Leyen, ha detto che "non abbiamo alcun debito" con la Nato, aggiungendo che è sbagliato legare l'obiettivo dei Paesi membri di spendere il 2% del Pil nella difesa solamente alla Nato. "Le spese per la difesa vanno anche alle missioni di peacekeeping, alle missioni europee e ai contributi per la battaglia contro il terrorismo dello Stato islamico". La Germania aumenterà la spesa per la difesa di 1,4 miliardi a 38,5 miliardi di euro nel 2018, pari all'1,26% del Pil, dopo aver dedicato l'1,18% nel 2016. Nel suo viaggio a Washington, Merkel ha ribadito l'intenzione della Germania di raggiungere l'obiettivo del 2% entro il 2024, come stabilito al summit in Galles nel 2014.

Gli alleati contribuiscono poco indirettamente? Questa non è effettivamente un'accusa nuova, dato che a Washington in molti credono che gli altri membri della Nato non contribuiscano secondo il loro peso e che, alla fine, si affidino agli Stati Uniti; anche Obama ha parlato di "free riders", di 'scrocconi'. Ma dire che gli alleati hanno un debito con gli Stati Uniti è, semplicemente, una menzogna.

Altri Servizi

Trump e gli affari immobiliari con i criminali russi

La mafia russa e il riciclaggio di denaro attraverso investimenti nelle proprietà del presidente
Apple

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha più volte negato di aver avuto legami con la Russia, ma a guardar bene nel passato del magnate immobiliare di New York ci sono tracce che conducono a Mosca: sono più di una, e in alcuni casi hanno a che fare con la criminalità russa, anche se non ci sono prove per dire se lui ne fosse o meno a conoscenza. La storia è intricata ed è stata ricostruita in un lungo articolo dal magazine New Republic.

Sessions e l'ambasciatore russo parlarono di campagna elettorale e dei rapporti Usa-Russia

Lo scrive il Washington Post, citando intercettazioni d'intelligence basate sul resoconto di Kislyak ai suoi superiori. Trump: "Un'altra illegale fuga di notizie", questa volta sul segretario alla Giustizia, che avrebbe quindi mentito
Ap

L'ambasciatore russo a Washington ha detto ai suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi riguardanti la campagna elettorale statunitense, compresi quelli di interesse russo, con Jeff Sessions, allora senatore repubblicano e membro dello staff di Donald Trump, oggi segretario alla Giustizia, nei loro colloqui durante la corsa presidenziale. Il nuovo scoop che fa gridare Trump, ancora una volta, contro le "fughe di notizie illegali", è del Washington Post, che cita fonti dell'ex e dell'attuale amministrazione statunitense.

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Wall Street, chiusura in ribasso

Ieri, terzo record consecutivo per il Nasdaq, che ha archiviato la decima giornata consecutiva in aumento, la serie temporale più lunga dal febbraio 2015
AP

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter. 

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Usa vietano ai propri cittadini di visitare la Corea del Nord

Lo avevano anticipato due tour operator cinesi specializzati in viaggi nel regime di Kim Jong-un. Il giovane studente americano imprigionato a Pyongyang e poi deceduto in Usa aveva ricorso a uno dei due. Ritorsione di Trump
AP

E' ufficiale: l'amministrazione Trump ha deciso di vietare ai cittadini americani di visitare la Corea del Nord a partire dal mese prossimo. L'idea è che sia troppo rischioso. Lo ha comunicato il dipartimento di Stato confermando quanto anticipato sui rispettivi siti internet da due tour operator cinesi specializzati nei viaggi a Pyongyang.

Russiagate, Trump studia come screditare l'inchiesta

I legali studiano anche l'autorità presidenziale di "perdonare" chi è stato condannato. Lo sostiene il Washington Post. Per il senatore Warner, è "inquietante"

Gli avvocati di Donald Trump starebbero valutando scappatoie legali per depotenziare l'inchiesta sul Russiagate, o per arrivare a 'graziare' de facto le persone coinvolte nella vicenda che sta mettendo in seria difficoltà il presidente statunitense. Una prospettiva "estremamente inquietante", ha commentato il senatore Mark Warner, l'esponente democratico di più alto profilo che siede nel Comitato intelligence del Senato Usa, che indaga sulla possibile collusione tra l'entourage del leader della Casa Bianca e la Russia.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".