Trump fa propaganda sulla Nato, ma non sa come funziona (o fa finta di non saperlo)

Il presidente ripete che la Germania e gli altri alleati "devono" un sacco di soldi alla Nato e agli Stati Uniti, ma non è così
AP

"Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità". Lo affermava Joseph Paul Goebbels, uno dei più importanti gerarchi nazisti, ministro della Propaganda del Terzo Reich dal 1933 al 1945. La frase non sarà di certo sfuggita a Steve Bannon, il consigliere più importante del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha portato alla Casa Bianca le istanze del movimento alt-right, la nuova destra anti-sistema che riunisce i sostenitori del suprematismo bianco.

Nel corso degli ultimi mesi, una delle bugie ripetute da Trump riguarda la Nato. "Non funziona ed è obsoleta, gli alleati non pagano quanto dovuto. Ci devono un sacco di soldi". "È ingiusta, paghiamo una quota sproporzionata"; "paghiamo una parte da leone"; "siamo spennati dai Paesi dela Nato, che per la maggior parte non pagano praticamente nulla"; "paghiamo troppo, miliardi e miliardi di dollari". "Ci sono Paesi scrocconi (qui, ha usato un'accusa fatta anche dal predecessore, Barack Obama, ndr) e questo è ingiusto, molto ingiusto". Frasi ripetute in varie interviste ai media statunitensi, raggruppate in un pezzo di 'fact checking' del Washington Post.

Lo ha fatto anche durante l'incontro con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, alla Casa Bianca, avvenuto il 17 marzo: "Ho ribadito il mio forte sostegno alla Nato - ha detto durante la conferenza stampa - così come la necessità che i nostri alleati della Nato paghino la loro giusta quota [...] Molte nazioni devono una vasta somma di denaro ed è molto ingiusto per gli Stati Uniti. Le nazioni devono pagare quello che devono [...] Ringrazio la Germania per il suo impegno ad aumentare le spese per la difesa e a lavorare per contribuire almeno con il 2% del Pil".

Poi su Twitter, il giorno dopo: "La Germania deve una vasta somma di denaro alla Nato e gli Stati Uniti devono essere pagati di più per la difesa possente e molto costosa che forniscono alla Germania!".

Trump, dunque, continua a ripetere che gli alleati "devono dei soldi alla Nato e agli Stati Uniti", dimostrando di non conoscere affatto il funzionamento dell'Alleanza atlantica o di voler, semplicemente, fare propaganda negli Stati Uniti, diffondendo notizie false che facciano pensare ai cittadini che ora, finalmente, "America First", l'America viene prima di tutti con Trump, dopo presidenti che avrebbero fatto gli interessi degli altri, pagando per la difesa dei Paesi della Nato. Una colossale bugia: se è vero che solo quattro alleati sui 27 dell'Alleanza hanno rispettato l'impegno di dedicare il 2% del Pil alla difesa, è altrettanto vero che nessun Paese "deve" dei soldi agli Stati Uniti o alla Nato. Se si parla invece dei fondi diretti versati dai singoli Stati per le spese civili e militari, ognuno dei 28 membri paga la propria quota, calcolata in base al Pil: il contributo degli Stati Uniti è pari a circa il 22% del totale, quello della Germania il 15%, quello della Francia l'11%, del Regno Unito il 10%, dell'Italia il 7% e così via. Trump ha affermato che gli Stati Uniti spendono "miliardi e miliardi" nella Nato, ma i documenti del dipartimento della Difesa mostrano che il contributo diretto annuale è sotto i 500 milioni all'anno.

Una bugia che rischia di trasformarsi in verità, soprattutto se nessuno contrasta la versione di Trump. Per fortuna, nelle ultime ore, qualche voce è emersa per spiegare al presidente, ma soprattutto agli elettori, come funziona la Nato. Ivo Daalder, che è stato il rappresentante statunitense alla Nato dal 2009 al 2013, ha risposto a Trump su Twitter: "Mi dispiace, signor presidente, non è così che funziona la Nato. Gli Stati Uniti decidono da soli quanto contribuire alla difesa della Nato (al momento, gli Stati Uniti dedicano alla Difesa il 3,6% del Pil, ma è praticamente impossibile calcolare con esattezza le spese esclusivamente per la Nato, ndr). Non è una transazione finanziaria, dove i Paesi della Nato pagano gli Stati Uniti per essere difesi. Fa parte del nostro impegno nel trattato". "Tutti i Paesi della Nato, compresa la Germania, si sono impegnati a spendere il 2% del Pil nella difesa entro il 2024. Per ora, solo cinque su 28 Paesi della Nato lo fanno. Quelli che non lo fanno stanno ora aumentando i loro budget per la difesa. Ma nessun fondo sarà pagato agli Stati Uniti. Serviranno a incrementare le capacità difensive della Nato, vista la crescente minaccia russa. L'Europa deve spendere di più per la difesa, ma non come favore (o pagamento) agli Stati Uniti, ma perché la loro sicurezza lo richiede". Daalder, nella serie di tweet, ha poi aggiunto che "l'ampio impegno militare" degli Stati Uniti nella Nato "non è un favore all'Europa", ma è "vitale per la nostra stessa sicurezza". "Abbiamo combattuto due guerre mondiali in Europa e una guerra fredda. Mantenere un'Europa libera e in pace è un vitale interesse statunitense".

Anche la Germania, alla fine, ha risposto agli Stati Uniti. La ministra della Difesa, Ursula von der Leyen, ha detto che "non abbiamo alcun debito" con la Nato, aggiungendo che è sbagliato legare l'obiettivo dei Paesi membri di spendere il 2% del Pil nella difesa solamente alla Nato. "Le spese per la difesa vanno anche alle missioni di peacekeeping, alle missioni europee e ai contributi per la battaglia contro il terrorismo dello Stato islamico". La Germania aumenterà la spesa per la difesa di 1,4 miliardi a 38,5 miliardi di euro nel 2018, pari all'1,26% del Pil, dopo aver dedicato l'1,18% nel 2016. Nel suo viaggio a Washington, Merkel ha ribadito l'intenzione della Germania di raggiungere l'obiettivo del 2% entro il 2024, come stabilito al summit in Galles nel 2014.

Gli alleati contribuiscono poco indirettamente? Questa non è effettivamente un'accusa nuova, dato che a Washington in molti credono che gli altri membri della Nato non contribuiscano secondo il loro peso e che, alla fine, si affidino agli Stati Uniti; anche Obama ha parlato di "free riders", di 'scrocconi'. Ma dire che gli alleati hanno un debito con gli Stati Uniti è, semplicemente, una menzogna.

Altri Servizi

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Trump: stop alla "guerra al carbone". E smantella leggi sul clima di Obama

Nuovo attacco all'eredità del precedessore, autore dell'atto più importante di un presidente americano per fermare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento del pianeta

Con la promessa di "mettere fine alla guerra al carbone", Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale smantella le regole volute dal suo predecessore Barack Obama. Dalla sede a Washington dell'Energia per la protezione ambientale, il presidente americano tira dritto con la sua volontà di ottenere l'indipendenza energetica degli Stati Uniti e di rilanciare l'occupazione nelle miniere, obiettivi che secondo alcuni osservatori non saranno facilmente raggiungibili.

Internet, il Senato Usa approva l'abrogazione delle norme di Obama a difesa della privacy

I provider non dovranno chiedere il permesso agli utenti per usare i loro dati. Prossimo obiettivo dei repubblicani: colpire la 'net neutrality'
Dell

Il Senato statunitense ha deciso di cancellare le norme a difesa della privacy degli utenti sul web volute dell'amministrazione Obama, che sarebbero entrate in vigore alla fine dell'anno. La misura approvata con 50 voti a favore e 48 contrari prevede l'abolizione delle regole sulla privacy online che avrebbero obbligato i provider di internet a chiedere il consenso agli utenti prima di poter condividerne i loro dati finanziari, la cronologia di navigazione e le informazioni personali; senza la legge di Obama, provider come Verizon, Comcast e AT&T avranno più potere per raccogliere dati personali sugli utenti e venderli alle società interessate.