Trump fa propaganda sulla Nato, ma non sa come funziona (o fa finta di non saperlo)

Il presidente ripete che la Germania e gli altri alleati "devono" un sacco di soldi alla Nato e agli Stati Uniti, ma non è così
AP

"Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità". Lo affermava Joseph Paul Goebbels, uno dei più importanti gerarchi nazisti, ministro della Propaganda del Terzo Reich dal 1933 al 1945. La frase non sarà di certo sfuggita a Steve Bannon, il consigliere più importante del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha portato alla Casa Bianca le istanze del movimento alt-right, la nuova destra anti-sistema che riunisce i sostenitori del suprematismo bianco.

Nel corso degli ultimi mesi, una delle bugie ripetute da Trump riguarda la Nato. "Non funziona ed è obsoleta, gli alleati non pagano quanto dovuto. Ci devono un sacco di soldi". "È ingiusta, paghiamo una quota sproporzionata"; "paghiamo una parte da leone"; "siamo spennati dai Paesi dela Nato, che per la maggior parte non pagano praticamente nulla"; "paghiamo troppo, miliardi e miliardi di dollari". "Ci sono Paesi scrocconi (qui, ha usato un'accusa fatta anche dal predecessore, Barack Obama, ndr) e questo è ingiusto, molto ingiusto". Frasi ripetute in varie interviste ai media statunitensi, raggruppate in un pezzo di 'fact checking' del Washington Post.

Lo ha fatto anche durante l'incontro con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, alla Casa Bianca, avvenuto il 17 marzo: "Ho ribadito il mio forte sostegno alla Nato - ha detto durante la conferenza stampa - così come la necessità che i nostri alleati della Nato paghino la loro giusta quota [...] Molte nazioni devono una vasta somma di denaro ed è molto ingiusto per gli Stati Uniti. Le nazioni devono pagare quello che devono [...] Ringrazio la Germania per il suo impegno ad aumentare le spese per la difesa e a lavorare per contribuire almeno con il 2% del Pil".

Poi su Twitter, il giorno dopo: "La Germania deve una vasta somma di denaro alla Nato e gli Stati Uniti devono essere pagati di più per la difesa possente e molto costosa che forniscono alla Germania!".

Trump, dunque, continua a ripetere che gli alleati "devono dei soldi alla Nato e agli Stati Uniti", dimostrando di non conoscere affatto il funzionamento dell'Alleanza atlantica o di voler, semplicemente, fare propaganda negli Stati Uniti, diffondendo notizie false che facciano pensare ai cittadini che ora, finalmente, "America First", l'America viene prima di tutti con Trump, dopo presidenti che avrebbero fatto gli interessi degli altri, pagando per la difesa dei Paesi della Nato. Una colossale bugia: se è vero che solo quattro alleati sui 27 dell'Alleanza hanno rispettato l'impegno di dedicare il 2% del Pil alla difesa, è altrettanto vero che nessun Paese "deve" dei soldi agli Stati Uniti o alla Nato. Se si parla invece dei fondi diretti versati dai singoli Stati per le spese civili e militari, ognuno dei 28 membri paga la propria quota, calcolata in base al Pil: il contributo degli Stati Uniti è pari a circa il 22% del totale, quello della Germania il 15%, quello della Francia l'11%, del Regno Unito il 10%, dell'Italia il 7% e così via. Trump ha affermato che gli Stati Uniti spendono "miliardi e miliardi" nella Nato, ma i documenti del dipartimento della Difesa mostrano che il contributo diretto annuale è sotto i 500 milioni all'anno.

Una bugia che rischia di trasformarsi in verità, soprattutto se nessuno contrasta la versione di Trump. Per fortuna, nelle ultime ore, qualche voce è emersa per spiegare al presidente, ma soprattutto agli elettori, come funziona la Nato. Ivo Daalder, che è stato il rappresentante statunitense alla Nato dal 2009 al 2013, ha risposto a Trump su Twitter: "Mi dispiace, signor presidente, non è così che funziona la Nato. Gli Stati Uniti decidono da soli quanto contribuire alla difesa della Nato (al momento, gli Stati Uniti dedicano alla Difesa il 3,6% del Pil, ma è praticamente impossibile calcolare con esattezza le spese esclusivamente per la Nato, ndr). Non è una transazione finanziaria, dove i Paesi della Nato pagano gli Stati Uniti per essere difesi. Fa parte del nostro impegno nel trattato". "Tutti i Paesi della Nato, compresa la Germania, si sono impegnati a spendere il 2% del Pil nella difesa entro il 2024. Per ora, solo cinque su 28 Paesi della Nato lo fanno. Quelli che non lo fanno stanno ora aumentando i loro budget per la difesa. Ma nessun fondo sarà pagato agli Stati Uniti. Serviranno a incrementare le capacità difensive della Nato, vista la crescente minaccia russa. L'Europa deve spendere di più per la difesa, ma non come favore (o pagamento) agli Stati Uniti, ma perché la loro sicurezza lo richiede". Daalder, nella serie di tweet, ha poi aggiunto che "l'ampio impegno militare" degli Stati Uniti nella Nato "non è un favore all'Europa", ma è "vitale per la nostra stessa sicurezza". "Abbiamo combattuto due guerre mondiali in Europa e una guerra fredda. Mantenere un'Europa libera e in pace è un vitale interesse statunitense".

Anche la Germania, alla fine, ha risposto agli Stati Uniti. La ministra della Difesa, Ursula von der Leyen, ha detto che "non abbiamo alcun debito" con la Nato, aggiungendo che è sbagliato legare l'obiettivo dei Paesi membri di spendere il 2% del Pil nella difesa solamente alla Nato. "Le spese per la difesa vanno anche alle missioni di peacekeeping, alle missioni europee e ai contributi per la battaglia contro il terrorismo dello Stato islamico". La Germania aumenterà la spesa per la difesa di 1,4 miliardi a 38,5 miliardi di euro nel 2018, pari all'1,26% del Pil, dopo aver dedicato l'1,18% nel 2016. Nel suo viaggio a Washington, Merkel ha ribadito l'intenzione della Germania di raggiungere l'obiettivo del 2% entro il 2024, come stabilito al summit in Galles nel 2014.

Gli alleati contribuiscono poco indirettamente? Questa non è effettivamente un'accusa nuova, dato che a Washington in molti credono che gli altri membri della Nato non contribuiscano secondo il loro peso e che, alla fine, si affidino agli Stati Uniti; anche Obama ha parlato di "free riders", di 'scrocconi'. Ma dire che gli alleati hanno un debito con gli Stati Uniti è, semplicemente, una menzogna.

Altri Servizi

Attacco a Manchester: il Regno Unito torna a condividere informazioni con gli Usa

Il premier Theresa May e il presidente americano Donald Trump ne hanno parlato in occasione del summit Nato
AP

L'irritazione forse non è ancora passata ma le autorità britanniche hanno ripreso a condividere informazioni con gli Usa riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio.

Hillary Clinton contro le fake news. E paragona Trump a Nixon

L'ex candidata democratica ritorna a parlare in pubblico per la cerimonia di laurea della sua università. E attacca (senza mai citarlo direttamente) Donald Trump, chiedendo ai nuovi laureati di fare politica attivamente
AP

Hillary Clinton è tornata a parlare in pubblico, attaccando le fake news e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, senza tuttavia nominarlo direttamente. L'ex candidata democratica alla presidenza ha tenuto un discorso al Wellesley College, l'università del Massachusetts dove si è laureata quasi 50 anni fa, nel corso della cerimonia di laurea di quest'anno accademico. "Vi state laureando in un momento in cui sta avvenendo un assalto totale alla verità e alla ragione. Basta connettersi per 10 secondi ai social media per venirne colpiti direttamente in faccia", ha detto Clinton.

Nyt: tra lusso e ricconi, Trump a Taormina "si sente a casa"

Una città dove "i mondi del presidente si scontreranno". E anche in Sicilia emergono i legami con la Russia

Dopo aver visitato città istituzionali e storiche, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si trova ora a Taormina, una città che dovrebbe "farlo sentire a casa", vista "la sua reputazione come luogo di divertimenti, baciato dal sole, per i ricconi dai gusti superficiali che apprezzano il lusso". A scriverlo è il New York Times, che ha dedicato un articolo alla città siciliana, dove "i mondi di Trump si scontreranno".

G7 unito per combattere il terrorismo

Il clima resta una questione aperta con gli Usa che ancora devono prendere una decisione sugli accordi di Parigi. Trump solleva venti di guerra commerciale con la Germania
Palazzo Chigi

Una determinazione comune contro il terrorismo, espressione della vicinanza al Regno Unito che lunedì 22 maggio è stato colpito dal peggiore attacco dal 2005. Ma sulle questioni commerciali si continua a lavorare e sul clima si resta in sospeso con gli Usa che ancora devono decidere se aderire o meno agli accordi di Parigi. Si è conclusa così la prima sessione del G7 di Taormina (Sicilia) presieduto dall'Italia. A detta del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, la discussione è stata "diretta e sincera" con punti di convergenza sulla crisi siriana, su quella libica e la Corea del Nord, nazione contro cui Usa e Giappone si preparano a imporre sanzioni più stringenti. Un po' di distrazione l'hanno causata gli strascichi di quanto detto alla vigilia dal presidente americano Donald Trump sulla Germania, cosa che solleva i venti di una guerra commerciale contro una nazione criticata per l'ennesima volta per il suo avanzo commerciale.

Zuckerberg ad Harvard torna a parlare di politica

Riceve la laurea dall'università che lo cacciò. Le "sfide dei nostri giorni"? Per il fondatore di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo

Mark Zuckerberg ha le idee molto chiare su quali siano le "sfide dei nostri giorni": per il fondatore e amministratore delegato di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo, nel tentativo di arrivare a una società più equa e connessa. Per la seconda volta in pochi mesi Zuckerberg ha descritto la sua agenda politica. Questa volta l'occasione è arrivata nel corso del suo discorso ad Harvard, dove ha ricevuto la laurea, dopo che era stato cacciato dall'università per aver creato il predecessore di Facebook, FaceMash.

G7, fonti dell'Eliseo: Macron rassicurerà Trump sull'accordo di Parigi

Il summit iniziato a Taormina; il presidente statunitense non ha ancora preso una decisione sull'intesa in difesa del clima
AP

Il presidente francese, Emmanuel Macron, "spiegherà a Donald Trump perché l'accordo di Parigi sul clima è così importante", "non solo per la lotta ai cambiamenti climatici ma anche per occupazione e sviluppo della società". È quanto hanno riferito fonti dell'Eliseo a margine del G7 di Taormina, a proposito delle discussioni tra i capi di Stato e di governo sul difficile tema ambientale.

G7, consigliere di Trump: "Ascolterà le posizioni europee sul clima"

In gioco c'è l'accordo di Parigi. Il presidente Usa non ha ancora deciso se rispettarlo o abbandonarlo
ap

"Credo che [il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump] sia incline a comprendere la posizione europea sul clima". Lo ha detto il direttore del Consiglio economico nazionale, Gary Cohn, a margine del G7 di Taormina, dove la questione dei cambiamenti climatici è uno dei dossier più delicati. "Il presidente vuole avere un dialogo aperto", ma "ci sono opinioni molto ferme su entrambi i fronti".

Rivisto al rialzo Pil Usa primo trimestre, bene investimenti e consumi

E' cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel primo trimestre a passo più sostenuto rispetto a quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura intermedia del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%. Il Pil era salito del 2,1% nel quarto trimestre 2016.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP