Trump firma controvoglia nuove sanzioni contro la Russia

Il presidente critica il testo approvato dal Congresso perché limita il suo potere di azione. Si difende: l'ho fatto per l'unità nazionale. Spera nella cooperazione con Mosca

Come anticipato nei giorni precedenti, (controvoglia) il presidente americano Donald Trump ha firmato - rendendolo legge - il testo che impone nuove sanzioni contro la Russia per la sua presunta interferenza nelle elezioni presidenziali 2016 (negata da Mosca e su cui il miliardario di New York ha espresso scetticismo); anche l'Iran e la Corea del Nord vengono punite dalla misura.

Per il leader Usa si tratta di una sconfitta. Non a caso ha rilasciato un commento in cui precisa che il testo stesso è "seriamente imperfetto". E ha attaccatto il Congresso. Chiaramente all'inquilino della Casa Bianca non piace il fatto che le misure approvate a Capitol Hill gli impediscano di rimuovere sanzioni esistenti senza prima avere consultato i legislatori; una tale soluzione è stata adottata da senatori e deputati una settimana fa alla luce del fatto che l'amministrazione Trump aveva segnalato la speranza di allentare le tensioni con Mosca.

Con un colpo al cerchio e l'altro alla botte, Trump ha fatto s" riferimento alle interferenze in salsa russa ma ha anche detto che lui, e non il Congresso, ha la capacità di trovare soluzioni con Paesi stranieri: "L'America non tollererà interferenze nel nostro processo democratico e saremo al fianco dei nostri alleati e amici contro la destabilizzazione e la sovversione della Russia". Il presidente Usa sperava tuttavia di essere libero di gestire la partita russa come gli pareva, specialmente ora che il presidente russo Vladimir Putin ha risposto alla nuove sanzioni approvate dal Congresso con una richiesta che, a detta del segretario di Stato Rex Tillerson "ci complica la vita": oltre 700 diplomatici americani devono lasciare la Russia.

Trump ha ricordato i dubbi espressi al Congresso per come le misure da esso adottate limitino il "potere esecutivo, svantaggino le aziende Usa e ledano gli interessi dei nostri alleati europei". Trump si è pure difeso dicendo che "la mia amministrazione ha tentato di lavorare con il Congresso per rendere il testo [delle sanzioni] migliore".

Pur sostenendo che il linguaggio è stato migliorato, tenendo anche conto del feedback di alleati europei, Trump resta convinto che il testo stesso limiti la flessibilità di lui stesso e della sua squadra di governo di negoziare. E attaccando il Congresso, ha tuonato: "non può nemmeno negoziare su una riforma della sanità di cui si parla da sette anni" (riferimento al fatto che i senatori repubblicani non sono riusciti ad abrogare l'Obamacare nonostante siano numericamente superiori ai democratici).

Il risultato secondo Trump? "Per gli Usa sarà più difficile siglare accordi buoni per il popolo americano portando Cina, Russia e Corea del Nord più vicini gli uni agli altri". Il 45esimo Commander in chief ha concluso spiegando di avere comunque promulgato le nuove sanzioni "per il bene dell'unità nazionale". Esse "rappresentano il desiderio degli americani di vedere una Russia che fa passi per migliorare le relazioni con gli Usa. Speriamo ci sia cooperazione tra i nostri due Paesi su questioni di carattere globale in modo tale che queste sanzioni non saranno più necessarie".

E vantandosi per l'ennesima volta dei suoi (discutibili) successi imprenditoriali, Trump ha detto: "Ho costruito una grande azienda che vale miliardi di dollari. Quella è stata la ragione principale per cui sono stato eletto. Come presidente, possono siglare accordi con Paesi stranieri molto migliori [di quelli che potrebbe siglare] il Congresso". Intanto Tillerson si prepara a nuovi incontri con il collega Sergey Lavrov. Come spiegato ieri in una conferenza dal capo della diplomazia Us, "il popolo Usa non vuole una cattiva relazione con una potenza nucleare [come la Russia]".

Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP