Trump firma la legge per i fondi alla Nasa: l'obiettivo è andare su Marte

Pacchetto da 19,5 miliardi di dollari; per la prima volta, citato l'obiettivo della colonizzazione del Pianeta Rosso. Per il budget del prossimo anno, il presidente prevede 19,1 miliardi

Circondato da alcuni parlamentari repubblicani e democratici, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato la legge per finanziare i progetti della Nasa. Tra i maggiori obiettivi a lungo termine dell'agenzia spaziale, per la prima volta, è stata menzionata la colonizzazione di Marte.

Il pacchetto da 19,5 miliardi di dollari, il Nasa Transition Authorization Act, garantisce continuità alla Nasa almeno per l'anno in corso, nonostante la volontà del presidente Donald Trump di cambiare profondamente il budget a disposizione dell'agenzia e le sue priorità. Trump ha definito gli astronauti "eroici" e "straordinari", compresi quelli che "hanno perso la vita" nel corso dei decenni, e ha garantito "l'impegno nazionale nell'esplorazione dello spazio". Nella proposta per il budget del prossimo anno, sbilanciato a favore della difesa e della sicurezza interna, Trump ha leggermente ridotto i fondi alla Nasa a 19,1 miliardi di dollari. Secondo i sostenitori del provvedimento, la stabilità nel breve periodo permetterà alla Casa Bianca e al nuovo amministratore della Nasa, che deve essere ancora nominato, di avere tempo per dare un nuovo corso all'agenzia nei prossimi anni.

L'intento della proposta di legge, inizialmente preparata prima delle elezioni di novembre, era di impedire alla nuova amministrazione di stravolgere gli attuali progetti di esplorazione, compreso l'obiettivo della National Aeronautics and Space Administration di mandare degli astronauti sul Pianeta Rosso entro la metà degli anni '30. In questi mesi, i leader di Camera e Senato si sono poi trovati d'accordo con vari gruppi d'interesse per salvaguardare i maggiori programmi della Nasa; la proposta finale non ha nemmeno tagliato in modo significativo i programmi che mirano allo studio del cambiamento climatico.

Secondo il senatore repubblicano Ted Cruz, che ha guidato la sottocommissione che ha lavorato al compromesso con la Camera, la legge non solo fornisce "continuità e stabilità", ma apre la strada potenzialmente a "investimenti persino maggiori nell'esplorazione spaziale". La legge chiede inoltre alla Nasa di studiare formalmente la possibilità di mantenere in orbita la Stazione spaziale internazionale (Iss) fino al 2028, ovvero quattro anni dopo l'attuale scadenza.

Le novità più importanti riguardano Marte. I membri delle due Camere hanno chiesto alla Nasa di fornire un piano più dettagliato per l'esplorazione dello spazio profondo con missioni umane. Inoltre, hanno identificato nella volontà di portare degli astronauti su Marte la missione più importante dei prossimi due decenni. Dopo il passaggio alla Camera, il repubblicano Lamar Smith, a capo della commissione di Scienza, Spazio e Tecnologia, ha dichiarato che la legge "indica alla Nasa di creare una road map per l'esplorazione umana e indirizza il futuro percorso di esplorazione per i decenni a venire". Alla cerimonia era presente anche il senatore democratico Bill Nelson, ex astronauta, che ha dichiarato: "Andremo su Marte".

Altri Servizi

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Su Facebook un mercato parallelo di oppiacei vietati in Usa

Lo rivela una inchiesta di Cnbc. Questo mentre Zuckerberg ha detto di essere rimasto impressionato dalla grandezza del fenomeno dell'abuso di questi farmaci

L'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha detto che la cosa che lo ha più sorpreso nel corso del suo tour negli Stati Uniti è la grandezza della crisi degli oppiacei, che da tempo sta distruggendo piccole comunità rurali degli Stati Uniti. Tuttavia sul social network esiste un mercato parallelo per la sponsorizzazione di questi prodotti, e spesso sono venditori internazionali che fanno pubblicità, visto che alcune medicinali sono vietati negli Usa.

Steven Mnuchin: "Non pensavo che quelle foto diventassero virali"

Il segretario al Tesoro americano ha commentato gli scatti che lo ritraggono con la moglie mentre tiene in mano le nuove banconote da un dollaro
Ap

Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha affermato di non aver realizzato che la foto di lui e sua moglie, l’attrice Louise Linton, con in mano un foglio di banconote da un dollaro appena stampato sarebbe diventata pubblica, né tanto meno virale. Ad immortalare la coppia è stata la fotografa di Ap, Jacquelyn Martin, che ha scattato la foto nel Bureau of Engraving and Printing, l’agenzia governativa incaricata di stampare ed emettere le banconote sul mercato.

Riforma fiscale: maggioranza degli americani contrari agli sforzi dei repubblicani

Oggi si vota la bozza del Gop alla Camera. Un primo senatore conservatore contro la proposta del Senato

Gli sforzi del partito repubblicano per approvare entro fine anno una riforma fiscale stanno incontrando ostacoli non solo al Congresso ma anche nell'opinione pubblica.

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.

Corea del Nord, John Hyten: "Se Trump ordinerà un attacco nucleare disobbedirò"

La dichiarazione del Generale responsabile del comando strategico americano intervenuto a un forum sulla sicurezza a Nova Scotia in Canada

Un attacco nucleare alla Corea del Nord è uno scenario non del tutto escluso visto l’escalation di minacce tra il presidente americano Donald Trump e quello nordcoreano Kim Jong Un. Eppure l’uomo che materialmente dovrebbe premere il bottone in caso di attacco statunitense ha dichiarato che disobbedirebbe all’ordine del tycoon.

Molestie alle Olimpiadi: oltre 290 coach e dirigenti americani accusati di condotta sessuale inappropriata

Un'inchiesta del Washington Post mette in luce un problema sistemico che va avanti dal 1982: otto molestie l'anno, una ogni sei settimane
Ap

Continua ad allargarsi lo scandalo sessuale nel mondo dello sport olimpico americano. Ci sono state infatti oltre 290 persone, tra allenatori e dirigenti sportivi legati a organizzazioni olimpiche, accusate pubblicamente di molestie o di condotte sessuali inappropriate. È questo il risultato dell’inchiesta del Washington Post che prende in considerazione il periodo che va dal 1982 ad oggi.

L'era Yellen nella Fed finirà con l'arrivo del suo successore

Oltre a cedere il testimone di governatore, l'economista sceglie di non continuare a fare parte del board della banca centrale Usa (un mandato che sarebbe scaduto nel 2024). Loda un sistema finanziario "molto più forte"
AP

L'estensione dell'oleodotto Keystone XL ottiene un importante via libera

Superato l'ultimo grande ostacolo regolatorio: il Nebraska dà l'ok al progetto. La canadese TransCanada, che dovrebbe costruirlo, analizza costi e tempisitiche. Possibili nuovi ostacoli legali
AP