Trump firma una legge per il diritto di accesso alle sperimentazioni per i malati terminali

La legge, sbandierata come un grande successo dell'amministrazione, cambia in realtà poco: la Fda già accordava l'accesso alle terapie non approvate nel 99,4% dei casi

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha promulgato una legge che garantisce ai malati terminali il diritto di accesso ai trattamenti sperimentali non ancora approvati dal governo federale. I pazienti, finora, potevano fare richiesta alla Food and Drug Administration (Fda) per accedere alle terapie non ancora approvate e, nella quasi totalità dei casi, ottenevano il via libera, solitamente nel giro di pochi giorni. Ora, ciascun paziente potrà accedere alle cure senza passare per l'agenzia federale, ma ottenendo semplicemente il consenso del proprio medico e della casa farmaceutica. La nuova legge protegge aziende e medici da possibili rischi legali, a meno che non sia provata la loro volontà di nuocere al paziente.

Resta in vigore, prima di sperimentare le terapie non approvate, l'obbligo di aver già effettuato tutti i trattamenti autorizzati dalla Fda. Nel discorso sullo stato dell'Unione, a gennaio, Trump aveva chiesto al Congresso di approvare la legge, la 'Right to Try Law', "perché i malati terminali dovrebbero avere accesso a trattamenti sperimentali in modo immediato" e "non dovrebbero andare da Paese a Paese in cerca di una cura".

Il capo della Fda, Scott Gottlieb, sopravvissuto al cancro, aveva espresso le proprie preoccupazioni al Congresso, lo scorso anno, definendo "fondamentale" il processo degli studi clinici. Dopo la firma, Trump ha espresso la propria soddisfazione su Twitter: "Orgoglioso di aver mantenuto un'altra promessa [...] I pazienti [...] potranno finalmente avere accesso a trattamenti sperimentali che potrebbero migliorare o persino curare le loro malattie".

In un approfondito articolo del sito The Conversation, è spiegato che nessun vero diritto sarà garantito ai pazienti, visto che le case farmaceutiche non saranno obbligate a fornire i trattamenti e che l'accesso a cure sperimentali ha costi molti alti che quasi nessuna assicurazione sanitaria sostiene; l'accesso, quindi, sarà quasi esclusivamente garantito a persone molto facoltose.

Inoltre, l'impatto reale sarà minimo perché la Fda aveva già un programma in vigore, conosciuto come 'compassionate use program', che garantiva l'accesso ai trattamenti non autorizzati dopo l'approvazione di un comitato di esperti. Dal 2009, dati della Fda alla mano, sono state autorizzate 5.816 su 5.849 richieste (99,4%). Cambierà davvero poco, quindi, per i malati terminali; per gli oppositori, oltretutto, la legge potrebbe dare false speranze ai malati.

Altri Servizi

Scontro Boeing-Airbus, vittoria Usa (Politico). Parte un nuovo fronte della guerra dei dazi?

La Wto avrebbe dato ragione agli Stati Uniti sui sussidi illegali al colosso aerospaziale europeo. I dazi Usa colpirebbero anche l'export italiano
iStock

La decisione non è ancora pubblica, ma se le indiscrezioni si rivelassero corrette, si tratterebbe di un'importante vittoria per gli Stati Uniti, che potrebbe però aprire un duro scontro commerciale con l'Unione europea. Secondo Politico, che ha parlato con quattro funzionari dell'Unione europea, Washington ha vinto la disputa sui sussidi al gigante aerospaziale europeo Airbus e potrà colpire l'Unione europea con miliardi di dollari in dazi punitivi.

Trump: "Hamza bin Laden ucciso in un'operazione Usa"

Il presidente conferma la morte del figlio ed erede del leader di al Qaida e il coinvolgimento statunitense
Ap

Hamza bin Laden, come il padre Osama, è stato ucciso dagli Stati Uniti. A confermare la notizia della sua morte e del coinvolgimento statunitense è stato il presidente Donald Trump. "Hamza Bin Laden, alto responsabile di al Qaida e figlio di Osama Bin Laden, è stato ucciso in un'operazione antiterrorismo compiuta dagli Stati Uniti nella regione dell'Afghanistan/Pakistan" ha dichiarato il presidente, in un comunicato.

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP

Attacchi agli impianti sauditi, produzione petrolifera dimezzata. Gli Usa sicuri: "È stato l'Iran"

L'attacco con i droni rivendicato dai ribelli yemeniti, ma per Washington è stata Teheran. Attese ripercussioni sui mercati

Gli Stati Uniti hanno accusato l'Iran per l'attacco con i droni agli impianti petroliferi in Arabia Saudita. Il segretario di Stato, Mike Pompeo, considera non veritiera la rivendicazione dei ribelli yemeniti Houthi - sostenuti dall'Iran - dell'attacco alle due strutture, gestite dalla compagnia pubblica Aramco.

Disney e Apple rivali sullo streaming, Iger lascia il board di Cupertino

A novembre, le due società lanceranno i rispettivi cataloghi, creando un possibile conflitto d'interesse per il Ceo dell'azienda di intrattenimento
Ap

L'amministratore delegato di Walt Disney Co., Robert Iger, si è dimesso dal Board of Directors di Apple. Lo ha reso noto la società di Cupertino, recidendo il legame tra le due aziende, che si preparano a lanciare i propri servizi di video-streming. Iger, che guida Disney dal 2005 e faceva parte del board di Apple dal 2012, aveva un rapporto stretto con il fondatore di Apple, Steve Jobs, nato nel 2006 con la vendita di Pixar Animation Studios, di cui Jobs era presidente, alla Disney.

Wall Street, attesa per l'evento Apple

Ottimismo per i negoziati Usa-Cina
AP

Wall Street, l'attenzione resta su Usa-Cina

Il prossimo mese attese le trattative ad alto livello; intanto, calano vistosamente le esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti
AP

Mondiali di basket, peggior risultato di sempre per gli Usa. Ma Popovich difende la squadra

Il coach contro l'arroganza in patria, dopo il settimo posto ai campionati iridati: "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci, ma non è scritto nella pietra che gli Usa debbano vincere"
Ap

Gli Stati Uniti hanno chiuso i Mondiali di basket al settimo posto, battendo la Polonia 87-74. Guai, però, a parlare di spedizione cinese fallimentare - come fatto da tutti i media statunitensi, e non solo - secondo l'allenatore Gregg Popovich. "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci perché non abbiamo vinto la medaglia d'oro. Questo è un atteggiamento ridicolo, immaturo, arrogante, che mostra mancanza di rispetto per le altre squadre e per questi ragazzi, che hanno dato il massimo". Gli Stati Uniti hanno perso nei quarti di finale contro la Francia (89-79), perdendo poi (94-89) contro la Serbia - altra delusa del Mondiale in Cina - nella partita per l'accesso alla finale per il quinto posto.  "Ci sono molte grandi squadre al mondo. Non è scritto nella pietra che gli Stati Uniti debbano vincere" ha aggiunto Popovich, l'allenatore con più partite vinte nella storia della Nba, il massimo campionato professionistico nordamericano. 

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap