Trump a Gentiloni, Europa forte è importante. In Libia nessun ruolo

Con Italia "amici e partner vitali". Sì a relazioni commerciali "equilibrate, reciproche, eque e a beneficio di ambo i Paesi". Il presidente del consiglio ribadisce impegno finanziario verso la Nato

Un'Europa forte "è importante per gli Stati Uniti", che in Libia non sembrano volere alcun ruolo se non quello di sconfiggere il terrorismo. Sono questi alcuni dei messaggi lanciati da Donald Trump nella conferenza stampa congiunta con Paolo Gentiloni.

Con Italia rapporti commerciali reciproci
Alla Casa Bianca, il presidente americano ha accolto il presidente del consiglio, che ha subito ringraziato per il ruolo di "partner chiave" nella lotta al terrorismo e per la "leadership dimostrata per ottenere la stabilizzazione in Libia". Definendo gli Usa e il nostro Paese come "amici e partner vitali", Trump ha voluto ricordare al pubblico riunito nella East Room della Casa Bianca che l'Italia "è uno dei partner commerciali più grandi per l'America". E che con l'Italia, lui punta ad avere relazioni commerciali che sono "equilibrate, reciproche, eque e a beneficio di ambo i Paesi". E' anche "nell'interesse di tutti" che l'Europa sia forte: "La aiuteremo a esserlo", ha aggiunto il leader Usa che in campagna elettorale aveva lodato la Brexit.

Libia? Nessun ruolo Usa, dice Trump
Quanto al ruolo degli Usa in Libia, Trump ha spiegato di "non vederne alcuno. Credo che ne abbiamo abbastanza. Vedo tuttavia un ruolo nell'eliminare l'Isis; su questo siamo stati molto efficaci". Per Washington, dunque, la priorità resta la sconfitta del terrorismo, "che sia esso in Iraq, Libia o altrove". Gentiloni aveva appena finito di dire che "il ruolo Usa è cruciale" per ottenere una Libia "stabile e unita" e aveva ricordato il successo di operazioni contro Daesh sostenute dagli Usa nella città libica di Sirte (ma i raid aerei contro l'organizzazione terroristica là li aveva ordinati Barack Obama). Forse Trump intendeva che nella nazione nordafricana non intende inviare soldati sul campo.

Nato: l'Italia ribadisce il suo impegno finanziario
In conferenza stampa si è parlato anche di Nato, non più considerata "obsoleta" da Trump come invece aveva detto in campagna elettorale e dopo la sua vittoria politica. E' stato Gentiloni a rispondere a un giornalista americano dicendo che l'Italia si è impegnata ad arrivare a investire il 2% del Pil nella difesa (una richiesta pressante da parte dell'amministrazione Usa): "Siamo abituati a rispettare i nostri impegni. Sappiamo che sarà un processo graduale; è già iniziato. E sappiamo che l'Italia ha certi limiti sul fronte del bilancio ma nonostante ciò il nostro impegno per una difesa comune è molto chiaro".

Cavalcando i ringraziamenti fatti da Trump per il fatto che il nostro Paese "è il secondo [dopo gli Usa] a fornire soldati in Iraq e Afghanistan", Gentiloni ha fatto notare "l'orgoglio non solo per i progressi fatti sull'impegno finanziario" nell'ambito della Nato ma anche per il contributo dato in termini di sicurezza all'Alleanza "in così tante parti del mondo", anche nei Balcani e nel Mar Baltico. Sul fronte Siria, dove l'Italia non è direttamente coinvolta nelle operazioni militari, Gentiloni ha spiegato che "non è il nostro piano cambiare approccio". Anche perché, aveva già detto a un think tank nella mattinata americana, a Damasco serve una soluzione politica.

Prossimo appuntamento al G7
Ora Trump e Gentiloni si rivedranno in Italia, "un posto spettacolare", ha detto il leader Usa. L'appuntamento sarà il G7 di Taormina (Sicilia), dove il miliardario di New York "non vede l'ora di essere mentre puntiamo ad alimentare la cooperazione non solo in tema di sicurezza ma anche di scienza, commercio, sanità e tecnologia". A un Gentiloni che accogliendo Shinzo Abe a Roma a fine marzo aveva invitato le principali sei economie al mondo a rifiutare ogni forma di protezionismo, che la nuova Casa Bianca sembra invece preferire, Trump ha detto: "I nostri due Paesi hanno interessi e valori comuni e ognuno di noi può dare enormi contributi all'altro". 

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto