Trump ignora le critiche: Gerusalemme è capitale d'Israele

Ribaltato lo status quo. Ordinato l'inizio dei lavori per il trasferimento dell'ambasciata da Tel Aviv. Duro colpo per le speranze in un processo di pace. Soluzione dei due Stati in bilico. Netanyahu esulta. Hamas: aperte "le porte dell'inferno"

Non importa cosa pensa la comunità internazionale, dal mondo arabo all'Europa (Italia inclusa) passando per Papa Francesco. Donald Trump ha deciso di fare di testa sua, ignorando per altro il consiglio del capo della diplomazia americana Rex Tillerson. Il 45esimo presidente Usa ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele e ha ordinato al dipartimento di Stato di iniziare i lavori (che richiederanno anni) per il trasferimento nella città dell'ambasciata statunitense, ora a Tel Aviv.

Nessun'altra nazione al mondo ha una ambasciata a Gerusalemme. Non a caso. Lo status della città contesa è al centro di un processo di pace, da tempo in stallo e ora ancora più difficile, tra lo stato ebraico e i palestinesi. Se Israele considera Gerusalemme come la sua capitale e ha pretese sovrane sulla sua interezza, i palestinesi a loro volta vogliono che quella città sia la capitale di un loro futuro Stato; la comunità internazionale dal canto suo vede Gerusalemme Est come un territorio occupato da Israele.

Il ragionamento di Trump è così semplice da lasciare sbigottiti molti: siccome a Gerusalemme ha sede la Corte Suprema, la banca centrale, il Knesset, i ministeri e il primo ministro israeliani, è logico che la capitale dello Stato ebraico sia proprio lì. Prendendo atto di questa "realtà", ha detto Trump dalla Casa Bianca, "è arrivato il momento" di una scelta che i presidenti - democratici e repubblicani - prima di lui evitarono di fare firmando di sei mesi in sei mesi una deroga per non riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele (cosa chiesta dal Congresso americano per legge nel 1995).

La convinzione dell'immobiliarista di New York diventato leader Usa è che serve rompere con il passato. Se fino ad ora non ci sono stati passi avanti per portare la pace in Medio Oriente, è la tesi, che senso ha ripetere le stesse scelte? "Dopo oltre due decenni di deroghe, non siamo affatto più vicini a un processo di pace duraturo tra Israele e palestinesi. Sarebbe una follia pensare che ripetere la stessa identica formula produrrebbe ora un risultato diverso o migliore", ha affermato Trump.

Ecco allora che ha optato per quella che David S. Rohde, analista di Cnn e direttore della versione online del New Yorker, ha definito una mossa "per niente necessaria". Così l'inquilino della Casa Bianca mantiene "la promessa semplicistica" fatta in campagna elettorale, che come la costruzione del muro lungo il confine tra Usa e Messico, non porterà ad alcun risultato concreto se non al compiacimento della sua base elettorale.

Anche per Martin Indyk, ex inviato speciale dgli Usa per la pace tra Israele e Palestina e ora alla Brookings Institution, Trump sta cercando di soddisfare i suoi elettori più fedeli ma "non comprendendo l'importanza di Gerusalemme, sta giocando con il fuoco".

Come ha detto ai media Usa Daniel C. Kurtzer, ambasciatore americano in Israele dal 2001 al 2005, la credibilità di Washington è stata compromessa e "ci vorrà molto tempo per riconquistarla".

Basti notare le pesanti critiche giunte da tutte le parti. La Turchia - membro Nato e uno dei due Stati arabi che hanno relazioni diplomatiche formali con Israele (l'altro è la Giordania) - ha parlato di una decisione "irresponsabile e illegale". Amman ha denunciato come "violazione del diritto internazionale" l'annuncio del leader Usa. L'Egitto ha condannato la scelta di Trump. L'Iran ha avvertito sul rischio che si scateni una nuova Intifada. Per il presidente palestinese Abu Mazen si tratta di "misure deplorevoli e inaccettabili" che minano ogni sforzo per la pace. Stando ad Hamas, il movimento islamista che controlla la Striscia di Gaza, ora si aprono "le porte dell'inferno". L'Organizzazione di Liberazione della Palestina sostiene che Trump abbia "distrutto" la soluzione dei Stati a cui, secondo l'Onu, "non c'è un'alternativa".

Su questo, Trump ha scaricato le responsabilità alle parti coinvolte: "Gli Stati Uniti sosterranno una soluzione dei due Stati se loro sono d'accordo". E se il presidente Usa ha invocato il mantenimento dello status quo nei luoghi sacri di Gerusalemme onorati da ebrei, cristiani e musulmani (citando solo il Monte del Tempio), ci si domanda a che titolo gli Usa si possano ricandidare per guidare il processo di pace. Trump ha detto che gli Usa "non stanno prendendo una posizione su nessuna questione finale, inclusi i confini di Israele a Gerusalemme o quelli contesi". Di nuovo, sono noccioli duri che spetta a israeliani e palestinesi risolvere. Peccato che per il successore di Barack Obama "Israele è una nazione sovrana che ha il diritto come ogni altra nazione sovrana di determinare la sua capitale. Riconoscere questo come un fatto è una condizione necessaria per raggiungere la pace".

Ora però lo spettro di nuove tensioni si fa più reale. E per Abu Mazen, gli Usa non possono più svolgere il ruolo di mediatori. Trump invierà nei giorni a venire il vicepresidente Mike Pence nella Regione per fare capire che Washington "resta impegnata a lavorare con i suoi partner nel Medio Oriente", anche per "sconfiggere il radicalismo che minaccia le speranze e i sogni delle generazioni future". Con Trump, però, il sogno di una pace in Medio Oriente - per chi davvero la vuole - sembra diventato irrealizzabile. L'unico a festeggiare è il premier israeliano Benjamin Netanyahu: per lui quello odierno è un "giorno storico".

Altri Servizi

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia

La Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha votato per l'eliminazione delle regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un internet a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più. In commissione, il voto ha seguito la divisione tra partiti: i tre repubblicani hanno votato a favore dell'eliminazione, i due democratici contro.

Fed verso la terza stretta del 2017. Yellen se ne va a pieni voti

Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%. Sondaggio Wsj: il 60% degli economisti dà al governatore uscente il giudizio migliore, più del 34% del predecessore Bernanke a fine mandato
AP

Gli investitori non hanno dubbi: domani la Federal Reserve alzerà i tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. La banca centrale americana, per un paio di mesi guidata ancora da Janet Yellen, ha segnalato una tale mossa in più occasioni. E' da un anno che dice che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti del costo del denaro; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre scorso, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine".

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

E' ufficiale. I leader repubblicani di Camera e Senato hanno trovato un accordo di principio sul testo finale della riforma fiscale. Di conseguenza, l'approvazione della maggiore riforma del fisco in Usa dal 1986 si fa un passo più vicina.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

La Nba vuole una squadra della sua G League a Città del Messico, forse già dalla prossima stagione. Lo ha affermato il Commissioner della lega di basket professionistico del Nordamerica, Adam Silver.

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

NY Times: cambio generazionale al vertice, editore passa il testimone al figlio 37enne

Arthur Ochs Sulzberger Jr cede il suo ruolo a Arthur Gregg Sulzberger

Cambio generazionale al vertice della New York Times Company. Dal primo gennaio 2018 il nuovo editore del gruppo sarà il 37enne Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'attuale numero uno Arthur Ochs Sulzberger Jr e già suo vice.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.