Trump ignora le critiche: Gerusalemme è capitale d'Israele

Ribaltato lo status quo. Ordinato l'inizio dei lavori per il trasferimento dell'ambasciata da Tel Aviv. Duro colpo per le speranze in un processo di pace. Soluzione dei due Stati in bilico. Netanyahu esulta. Hamas: aperte "le porte dell'inferno"

Non importa cosa pensa la comunità internazionale, dal mondo arabo all'Europa (Italia inclusa) passando per Papa Francesco. Donald Trump ha deciso di fare di testa sua, ignorando per altro il consiglio del capo della diplomazia americana Rex Tillerson. Il 45esimo presidente Usa ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele e ha ordinato al dipartimento di Stato di iniziare i lavori (che richiederanno anni) per il trasferimento nella città dell'ambasciata statunitense, ora a Tel Aviv.

Nessun'altra nazione al mondo ha una ambasciata a Gerusalemme. Non a caso. Lo status della città contesa è al centro di un processo di pace, da tempo in stallo e ora ancora più difficile, tra lo stato ebraico e i palestinesi. Se Israele considera Gerusalemme come la sua capitale e ha pretese sovrane sulla sua interezza, i palestinesi a loro volta vogliono che quella città sia la capitale di un loro futuro Stato; la comunità internazionale dal canto suo vede Gerusalemme Est come un territorio occupato da Israele.

Il ragionamento di Trump è così semplice da lasciare sbigottiti molti: siccome a Gerusalemme ha sede la Corte Suprema, la banca centrale, il Knesset, i ministeri e il primo ministro israeliani, è logico che la capitale dello Stato ebraico sia proprio lì. Prendendo atto di questa "realtà", ha detto Trump dalla Casa Bianca, "è arrivato il momento" di una scelta che i presidenti - democratici e repubblicani - prima di lui evitarono di fare firmando di sei mesi in sei mesi una deroga per non riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele (cosa chiesta dal Congresso americano per legge nel 1995).

La convinzione dell'immobiliarista di New York diventato leader Usa è che serve rompere con il passato. Se fino ad ora non ci sono stati passi avanti per portare la pace in Medio Oriente, è la tesi, che senso ha ripetere le stesse scelte? "Dopo oltre due decenni di deroghe, non siamo affatto più vicini a un processo di pace duraturo tra Israele e palestinesi. Sarebbe una follia pensare che ripetere la stessa identica formula produrrebbe ora un risultato diverso o migliore", ha affermato Trump.

Ecco allora che ha optato per quella che David S. Rohde, analista di Cnn e direttore della versione online del New Yorker, ha definito una mossa "per niente necessaria". Così l'inquilino della Casa Bianca mantiene "la promessa semplicistica" fatta in campagna elettorale, che come la costruzione del muro lungo il confine tra Usa e Messico, non porterà ad alcun risultato concreto se non al compiacimento della sua base elettorale.

Anche per Martin Indyk, ex inviato speciale dgli Usa per la pace tra Israele e Palestina e ora alla Brookings Institution, Trump sta cercando di soddisfare i suoi elettori più fedeli ma "non comprendendo l'importanza di Gerusalemme, sta giocando con il fuoco".

Come ha detto ai media Usa Daniel C. Kurtzer, ambasciatore americano in Israele dal 2001 al 2005, la credibilità di Washington è stata compromessa e "ci vorrà molto tempo per riconquistarla".

Basti notare le pesanti critiche giunte da tutte le parti. La Turchia - membro Nato e uno dei due Stati arabi che hanno relazioni diplomatiche formali con Israele (l'altro è la Giordania) - ha parlato di una decisione "irresponsabile e illegale". Amman ha denunciato come "violazione del diritto internazionale" l'annuncio del leader Usa. L'Egitto ha condannato la scelta di Trump. L'Iran ha avvertito sul rischio che si scateni una nuova Intifada. Per il presidente palestinese Abu Mazen si tratta di "misure deplorevoli e inaccettabili" che minano ogni sforzo per la pace. Stando ad Hamas, il movimento islamista che controlla la Striscia di Gaza, ora si aprono "le porte dell'inferno". L'Organizzazione di Liberazione della Palestina sostiene che Trump abbia "distrutto" la soluzione dei Stati a cui, secondo l'Onu, "non c'è un'alternativa".

Su questo, Trump ha scaricato le responsabilità alle parti coinvolte: "Gli Stati Uniti sosterranno una soluzione dei due Stati se loro sono d'accordo". E se il presidente Usa ha invocato il mantenimento dello status quo nei luoghi sacri di Gerusalemme onorati da ebrei, cristiani e musulmani (citando solo il Monte del Tempio), ci si domanda a che titolo gli Usa si possano ricandidare per guidare il processo di pace. Trump ha detto che gli Usa "non stanno prendendo una posizione su nessuna questione finale, inclusi i confini di Israele a Gerusalemme o quelli contesi". Di nuovo, sono noccioli duri che spetta a israeliani e palestinesi risolvere. Peccato che per il successore di Barack Obama "Israele è una nazione sovrana che ha il diritto come ogni altra nazione sovrana di determinare la sua capitale. Riconoscere questo come un fatto è una condizione necessaria per raggiungere la pace".

Ora però lo spettro di nuove tensioni si fa più reale. E per Abu Mazen, gli Usa non possono più svolgere il ruolo di mediatori. Trump invierà nei giorni a venire il vicepresidente Mike Pence nella Regione per fare capire che Washington "resta impegnata a lavorare con i suoi partner nel Medio Oriente", anche per "sconfiggere il radicalismo che minaccia le speranze e i sogni delle generazioni future". Con Trump, però, il sogno di una pace in Medio Oriente - per chi davvero la vuole - sembra diventato irrealizzabile. L'unico a festeggiare è il premier israeliano Benjamin Netanyahu: per lui quello odierno è un "giorno storico".

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.