Trump: "È il momento di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele"

Il presidente Usa ha detto che è necessario un nuovo approccio e "riconoscere la realtà". "Lavoreremo per la pace e sosterremo la soluzione a due Stati, se israeliani e palestinesi la vorranno" ha aggiunto

"È il momento di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come capitale d'Israele". Lo ha annunciato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante l'atteso discorso dalla Casa Bianca. "Non possiamo risolvere i problemi ripetendo le strategie del passato, servono nuovi approcci. Nel 1995 il Congresso votò una legge per riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele. Per oltre 20 anni, tutti i miei predecessori hanno esercitato una deroga, rifiutandosi di riconoscere Gerusalemme come capitale e di spostare l'ambasciata. Lo hanno fatto credendo che sarebbe servito per la pace. Invece non siamo nemmeno vicini a un accordo di pace e sarebbe sbagliato ripetere sempre la stessa formula".

"Chiedo al dipartimento di Stato - ha aggiunto Trump - di far partire il processo per lo spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, immediatamente". "Gerusalemme non è solo il cuore di tre religioni, ma di una delle democrazie più importanti al mondo. Gli israeliani hanno costruito un Paese dove tutti sono liberi di professare la loro religione. Gerusalemme è e deve restare un posto dove tutti possono pregare". "Oggi riconosciamo l'ovvio: Gerusalemme è la capitale d'Israele. È il riconoscimento della realtà, niente di più".

"Restiamo impegnati profondamente nel tentativo di aiutare le parti in causa a raggiungere un accordo di pace accettabile per tutti" ha dichiarato Trump. Gli Stati Uniti sono pronti a sostenere "una soluzione a due Stati, se accettata da entrambe le parti".

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, sarà in Medio Oriente nei prossimi giorni per "riaffermare il nostro impegno a lavorare con i partner del Medio Oriente per sconfiggere il radicalismo che minaccia le speranze e i sogni delle generazioni future".

Secondo il piano già noto da tempo, Pence incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, a Gerusalemme, e il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, a Ramallah. Inoltre, sarà al Cairo, dove incontrerà il presidente Abdel Fattah al-Sisi.

 

Il provvedimento del 1995

Trump ha fatto riferimento al Jerusalem Embassy Act, approvato nel 1995 dal 104esimo Congresso, a maggioranza repubblicana, ma mai attuato, vista l'opposizione dei presidenti Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama, secondo cui il Congresso, con il provvedimento, avrebbe violato l'autorità dell'esecutivo sulla politica estera. Nello specifico, la legge aveva l'esplicito obiettivo di finanziare lo spostamento dell'ambasciata statunitense da Tel Aviv e Gerusalemme entro il 31 maggio 1999. La legge inoltre riaffermava Gerusalemme come città indivisibile e capitale dello Stato d'Israele. La legge fu approvata con 93 voti a favore e 5 contrari in Senato e con 374 voti a favore e 37 contrari alla Camera. Da allora, ogni sei mesi i presidenti statunitensi hanno fatto valere il loro potere di rimandare l'attuazione, citando gli interessi di sicurezza nazionali.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP