Trump in Congresso: la fotografia di un cambiamento radicale

Primo di scorso del presidente alle Camere riunite, in cui ha ribadito i temi e i concetti espressi fino ad ora. A colpire è però proprio la sua presenza sul pulpito del Campidoglio, la prova visiva del cambiamento in corso.
AP

Debutto in Congresso per Donald Trump. Il presidente ha parlato per la prima volta di fronte al parlamento americano riunito in seduta plenaria, a cui ha esposto la sua valutazione sullo stato della nazione e ha ribadito i suoi progetti per il futuro. Nel corso di un intervento durato oltre un’ora ha toccato moltissimi temi, dalla riduzione delle tasse agli investimenti sulle infrastrutture, passando per il rilancio della spesa militare e la necessità di proteggere i confini americani. Tanto dagli immigrati illegali quanto da quel commercio che Trump definisce ‘unfair’, iniquo e illegale.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Al di là delle singole tematiche, su cui il presidente si era in fondo già espresso più volte, a lasciare il segno è stata proprio la sua presenza nell’aula gremita della Camera. Veder parlare Trump di fronte al Congresso è stata la prova, la fotografia di un cambiamento radicale. Un cambiamento che proprio in Trump ha trovato la sua massima espressione. Il nuovo presidente rappresenta infatti un nuovo corso storico, un nuovo atteggiamento degli Stati Uniti che si riverbera sul sistema del multilateralismo e sul sul dialogo internazionale, sul piano dell'economia e anche su quello dei diritti. Trump però è solo la punta più avanzata di questa ‘rivoluzione’: una buona parte degli americani lo sta infatti seguendo fiduciosa, esasperata dello status quo.

All’orizzonte si profila dunque un’America nuova. Un paese che appare persino più diverso se lo si paragona con quello del passato, con le persone e i protagonisti che ne hanno scritto le pagine di storia fino ad oggi. Per un capitolo che si chiude ce ne è però un altro che si apre, e gli Stati Uniti si preparano ad affrontare il futuro e ad esplorare una nuova frontiera. In avanti dovrà ora guardare anche Trump, dovrà capire che non si vive di sola campagna elettorale. Anche lui in fondo sarà costretto a mutare il proprio atteggiamento e i propri toni nel corso dei prossimi anni alla Casa Bianca. Dovrà infatti spogliarsi degli abiti del businessman e indossare quelli del leader del mondo Occidentale.

Di cambiamento - e di amore - parla anche la Canzone del giorno di oggi, scritta ed interpretata proprio da Mario Platero.

Mario Platero - Chi se ne frega

Altri Servizi

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto