Trump inasprisce la retorica contro la Corea del Nord

L'avvertimento "fuoco e furia" forse non è stato abbastanza per il presidente, che è tornato a minacciare Pyongyang. Secondo lui, Usa e alleati sono al sicuro. Attacco preventivo? No comment

Poco importa che la sua retorica tagliente sia stata vista da molti esperti e storici come priva di precedenti nella storia moderna degli Stati Uniti. Se marted" aveva promesso "fuoco e furia" alla Corea del Nord nel caso di altre minacce, oggi Donald Trump ha detto che "forse" quelle parole "non sono state abbastanza forti". Il duello verbale tra lui e il regime di Kim Jon Un è tornato ad intensificarsi. I due giocano a chi fa la voce più grossa visto che la nazione più isolata al mondo ore prima era tornata a minacciare dicendo di avere piani per lanciare missili nelle acque al largo di Guam, un'isola nel Pacifico occidentale nonché territorio americano.

Parlando da Bedminster, New Jersey, nel suo Golf Club, il leader americano non ha usato mezzi termini. La Corea del Nord farebbe bene ad aggiustare il tiro, ossia a fermare i suoi programmi nucleare e missilistico, altrimenti finirà nei guai "come poche nazioni hanno visto" (riferimento al Giappone colpito dalle bombe atomiche Usa?). "Gli succederanno cose che non hanno mai pensato sarebbero state possibili", ha continuato Trump che però non ha voluto commentare se Washington stia prendendo in considerazione un attacco preventivo: "Non parliamo di queste cose. Non lo facciamo mai".

L'inquilino della Casa Bianca ha usato il bastone e la carota. Pur usando parole dure, si è detto aperto a negoziati (a cui però luned" Pyongyang aveva detto di non essere disposta "in nessuna circostanza"). E mentre Rex Tillerson - il segretario di Stato che ieri aveva tranquillizzato dicendo che si possono "dormire sonni tranquilli" - continua a massaggiare le relazioni con la Russia e la Cina per trovare una soluzione diplomatica, a Trump non è restato altro che minacciare e criticare. Anche le amministrazioni passate come quelle di Bill Clinton ("debole e inefficace") e di Barack Obama, che di Corea del Nord "no voleva nemmeno parlarne". E velatamente alla Cina ha fatto capire che può fare di più sul caso visto che è il principale partner commerciale di Pyongyang.

A parte le parole dure - e "prive di senso", secondo Kim - la linea americana non è cambiata. Lo ha confermato la Casa Bianca e anche il dipartimento di Stato. Ora si aspetta il vertice con i consiglieri per la sicurezza nazionale a cui parteciperà anche John Kelly, l'ex generale diventato capo di gabinetto per riportare ordine al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington. E si spera nella politica estera americana nelle mani (anche) del capo del Pentagono, il "cane matto" Jim Mattis. Trump ha negato che ci siano "messaggi contrastanti" in arrivo dalla sua amministrazione e ha garantito che "l'esercito è al 100% con lui". Su una cosa è in linea con Tillerson: gli "Usa e i suoi alleati sono al sicuro".

Altri Servizi

Trump irritato dai ritardi sull'abrogazione dell'Obamcare, si rivolge direttamente ai democratici

Il presidente ha teso la mano ai democratici, sentendo direttamente il leader di minoranza al Senato, Charles Schumer, per capire se e che tipo di disponibilità ci sia a trattare e collaborare.
White House

Google al lavoro per riportare servizi internet e cellulari a Porto Rico

La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite da Maria.
AP

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Autogrill festeggia in Usa il suo 40esimo anniversario, premiato Gilberto Benetton

Il Ceo Tondato ha partecipato a TechFest del New Yorker
Da sinista, Armando Varrichio (ambasciatore), Gilberto Benetton (presidente di Autogrill) e Lucio Caputo (Gei) Gei

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

Media Usa: Ivanka e Donald Trump Jr. furono vicini a essere incriminati per frode

Lo riporta un'indagine di Pro Publica, New Yorker e Wnyc. Decisivo l'intervento dell'avvocato personale del 45esimo presidente
AP