Trump inasprisce la retorica contro la Corea del Nord

L'avvertimento "fuoco e furia" forse non è stato abbastanza per il presidente, che è tornato a minacciare Pyongyang. Secondo lui, Usa e alleati sono al sicuro. Attacco preventivo? No comment

Poco importa che la sua retorica tagliente sia stata vista da molti esperti e storici come priva di precedenti nella storia moderna degli Stati Uniti. Se marted" aveva promesso "fuoco e furia" alla Corea del Nord nel caso di altre minacce, oggi Donald Trump ha detto che "forse" quelle parole "non sono state abbastanza forti". Il duello verbale tra lui e il regime di Kim Jon Un è tornato ad intensificarsi. I due giocano a chi fa la voce più grossa visto che la nazione più isolata al mondo ore prima era tornata a minacciare dicendo di avere piani per lanciare missili nelle acque al largo di Guam, un'isola nel Pacifico occidentale nonché territorio americano.

Parlando da Bedminster, New Jersey, nel suo Golf Club, il leader americano non ha usato mezzi termini. La Corea del Nord farebbe bene ad aggiustare il tiro, ossia a fermare i suoi programmi nucleare e missilistico, altrimenti finirà nei guai "come poche nazioni hanno visto" (riferimento al Giappone colpito dalle bombe atomiche Usa?). "Gli succederanno cose che non hanno mai pensato sarebbero state possibili", ha continuato Trump che però non ha voluto commentare se Washington stia prendendo in considerazione un attacco preventivo: "Non parliamo di queste cose. Non lo facciamo mai".

L'inquilino della Casa Bianca ha usato il bastone e la carota. Pur usando parole dure, si è detto aperto a negoziati (a cui però luned" Pyongyang aveva detto di non essere disposta "in nessuna circostanza"). E mentre Rex Tillerson - il segretario di Stato che ieri aveva tranquillizzato dicendo che si possono "dormire sonni tranquilli" - continua a massaggiare le relazioni con la Russia e la Cina per trovare una soluzione diplomatica, a Trump non è restato altro che minacciare e criticare. Anche le amministrazioni passate come quelle di Bill Clinton ("debole e inefficace") e di Barack Obama, che di Corea del Nord "no voleva nemmeno parlarne". E velatamente alla Cina ha fatto capire che può fare di più sul caso visto che è il principale partner commerciale di Pyongyang.

A parte le parole dure - e "prive di senso", secondo Kim - la linea americana non è cambiata. Lo ha confermato la Casa Bianca e anche il dipartimento di Stato. Ora si aspetta il vertice con i consiglieri per la sicurezza nazionale a cui parteciperà anche John Kelly, l'ex generale diventato capo di gabinetto per riportare ordine al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington. E si spera nella politica estera americana nelle mani (anche) del capo del Pentagono, il "cane matto" Jim Mattis. Trump ha negato che ci siano "messaggi contrastanti" in arrivo dalla sua amministrazione e ha garantito che "l'esercito è al 100% con lui". Su una cosa è in linea con Tillerson: gli "Usa e i suoi alleati sono al sicuro".

Altri Servizi

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

Usa sanzionano 11 soggetti: aiutano programma missilistico iraniano

Sono accusati anche di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. Trump rispetta (per ora) lo storico accordo sul nucleare

L'amministrazione Trump ha imposto nuove sanzioni contro 11 tra aziende e persone accusate di contribuire al programma missilistico balistico dell'Iran, di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. La mossa del Tesoro Usa è arrivata mentre il presidente americano si preparava ad estendere l'esenzione delle sanzioni contro l'Iran che gli Usa si erano impegnati a fare venire meno dell'ambito dello storico accordo sul nucleare siglato tra Teheran e cinque principali potenze mondiali tra cui Washington. Quell'accordo fu sottoscritto nell'estate 2015 (quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama) ed entrò in vigore nel gennaio successivo.

I redditi delle famiglie Usa a livelli record nel 2016

Superato il massimo del 1999. Tasso di povertà sceso sui livelli del 2007, l'anno precedente all'ultima recessione

I redditi delle famiglie americane hanno superato nel 2016 il record messo a segno nel 1999. Stando all'ufficio del censimento Usa, il Census Bureau, lo scorso anno le famiglie Usa hanno registrato redditi per 59.039 dollari contro i 57.230 dollari del 2015; si tratta di un rialzo del 3,2%, tenuto conto della variazione dell'inflazione. L'incremento c'è stato per il secondo anno di fila.

Wall Street, timori per il nuovo missile nordcoreano

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump: "Nessun accordo sul Daca", che protegge i giovani immigrati. Smentiti i leader democratici

Schumer e Pelosi avevano dichiarato di aver raggiunto un'intesa con il presidente per proteggere gli illegali arrivati da bambini
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scritto su Twitter che "nessun accordo è stato trovato la scorsa notte sul Daca", il programma voluto da Barack Obama per consentire ai giovani immigrati, arrivati illegalmente da bambini, di restare con un permesso biennale e rinnovabile per studiare e lavorare, che sarà cancellato tra meno di sei mesi. "

Altro missile nordcoreano sorvola il Giappone, Usa chiedono "azioni dirette" a Russia e Cina

Per Tokyo, provocazione "inaccetabile". Seul avverte contro altre forme di minacce. Trump informato. Il segretario al Tesoro: risoluzioni Onu non sono il tetto di quel che si può fare contro il regime di Kim
AP

Dopo avere minacciato di distruggere il Giappone con armi nucleari e di ridurre in "cenere" gli Stati Uniti, la Corea del Nord ha lanciato un altro missile. Lo ha fatto in risposta al nuovo round di sanzioni Onu deciso l'11 settembre e che insieme alle precedenti misure mettono il 90% dell'export nordcoreano sotto embargo. Come quello del 29 agosto scorso, il missile odierno ha sorvolato l'isola giapponese di Hokkaido per poi schiantarsi nel Pacifico; è stata la seconda volta dal 1998 che un missile ha sorvolato il territorio nipponico. Secondo il Pentagono, quello che sembra un missile balistico a raggio intermedio è stato lanciato dalle vicinanze dell'aeroporto di Pyongyang alle 6.27 ora locale.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

Bridgewater Associates punta a creare un maxi fondo di investimento in Cina, cosa che darebbe al fondatore Ray Dalio un margine di manovra nel Paese asiatico che molte altre società occidentali del settore finanziario non hanno.

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.