Trump inasprisce la retorica contro la Corea del Nord

L'avvertimento "fuoco e furia" forse non è stato abbastanza per il presidente, che è tornato a minacciare Pyongyang. Secondo lui, Usa e alleati sono al sicuro. Attacco preventivo? No comment

Poco importa che la sua retorica tagliente sia stata vista da molti esperti e storici come priva di precedenti nella storia moderna degli Stati Uniti. Se marted" aveva promesso "fuoco e furia" alla Corea del Nord nel caso di altre minacce, oggi Donald Trump ha detto che "forse" quelle parole "non sono state abbastanza forti". Il duello verbale tra lui e il regime di Kim Jon Un è tornato ad intensificarsi. I due giocano a chi fa la voce più grossa visto che la nazione più isolata al mondo ore prima era tornata a minacciare dicendo di avere piani per lanciare missili nelle acque al largo di Guam, un'isola nel Pacifico occidentale nonché territorio americano.

Parlando da Bedminster, New Jersey, nel suo Golf Club, il leader americano non ha usato mezzi termini. La Corea del Nord farebbe bene ad aggiustare il tiro, ossia a fermare i suoi programmi nucleare e missilistico, altrimenti finirà nei guai "come poche nazioni hanno visto" (riferimento al Giappone colpito dalle bombe atomiche Usa?). "Gli succederanno cose che non hanno mai pensato sarebbero state possibili", ha continuato Trump che però non ha voluto commentare se Washington stia prendendo in considerazione un attacco preventivo: "Non parliamo di queste cose. Non lo facciamo mai".

L'inquilino della Casa Bianca ha usato il bastone e la carota. Pur usando parole dure, si è detto aperto a negoziati (a cui però luned" Pyongyang aveva detto di non essere disposta "in nessuna circostanza"). E mentre Rex Tillerson - il segretario di Stato che ieri aveva tranquillizzato dicendo che si possono "dormire sonni tranquilli" - continua a massaggiare le relazioni con la Russia e la Cina per trovare una soluzione diplomatica, a Trump non è restato altro che minacciare e criticare. Anche le amministrazioni passate come quelle di Bill Clinton ("debole e inefficace") e di Barack Obama, che di Corea del Nord "no voleva nemmeno parlarne". E velatamente alla Cina ha fatto capire che può fare di più sul caso visto che è il principale partner commerciale di Pyongyang.

A parte le parole dure - e "prive di senso", secondo Kim - la linea americana non è cambiata. Lo ha confermato la Casa Bianca e anche il dipartimento di Stato. Ora si aspetta il vertice con i consiglieri per la sicurezza nazionale a cui parteciperà anche John Kelly, l'ex generale diventato capo di gabinetto per riportare ordine al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington. E si spera nella politica estera americana nelle mani (anche) del capo del Pentagono, il "cane matto" Jim Mattis. Trump ha negato che ci siano "messaggi contrastanti" in arrivo dalla sua amministrazione e ha garantito che "l'esercito è al 100% con lui". Su una cosa è in linea con Tillerson: gli "Usa e i suoi alleati sono al sicuro".

Altri Servizi

Google lancia Oreo, ultima versione del sistema operativo Android

Come da tradizione, il nome si ispira a un dolce. La vera sfida del gruppo è aumentare il numero di utenti che la utilizza visto che ancora dominano quelle vecchie
Google

Camminare inviando sms? Multe in arrivo in parti degli Usa

Honolulu ha approvato una norma apposita, altre città potrebbero seguire l'esempio

Nafta: finito il primo round di negoziati, si continua a settembre

L'amministrazione Trump vuole che le auto abbiano un maggiore contenuto Usa
iStock

Trump, nuova strategia in Afghanistan per battere i terroristi

L'annuncio sarà dato in diretta tv. Il Pentagono ha già ricevuto l'approvazione per l'invio di altri 3.900 soldati

Wall Street, preoccupa la situazione nella penisola coreana

Le esercitazioni annuali di Stati Uniti e Corea del Sud rischiano di aggravare le tensioni con il Nord
AP

Trovato il relitto dell'Uss Indianapolis: trasportò l'uranio per la bomba atomica lanciata su Hiroshima

Fu affondata il 30 luglio 1945 da un sottomarino giapponese, dopo la consegna top secret

Mattis: "Trump ha deciso la nuova strategia in Afghanistan"

Il segretario alla Difesa ha poi detto che sarà il presidente ad annunciarla. Possibile un aumento fino a 5.000 unità dei soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001

Kaepernick senza squadra, gli Stati Uniti si dividono (anche) sul football

La sua protesta contro l'inno, giustificata "dall'oppressione delle minoranze", non piace alla Nfl, un fortino di miliardari bianchi e conservatori. Spike Lee guida la protesta: "Una squadra per Colin o boicottiamo il campionato"

Uber, il prossimo Ceo potrebbe essere Immelt (General Electric)

Il nuovo amministratore delegato dovrà risollevare la società, dopo gli scandali degli ultimi mesi e la fuga di diversi top manager