Trump incassa la prima vittoria: approvata la riforma sanitaria

217 a favore, 213 contrari; e la riforma sanitaria passa l'esame della Camera. Trump festeggia e si dice fiducioso, ma resta da affrontare lo scoglio del Senato
AP

L’American Health Care Act è realtà. Dopo aver collezionato due fallimenti consecutivi i repubblicani sono riusciti a far passare la legge al voto della Camera, seppure con una maggioranza rosicata. I ‘sì' sono stati 217, i ‘no’ 213; tutti contrari i democratici. Il presidente Donald Trump ha cos" potuto festeggiare la sua prima vera vittoria, e lo ha fatto convocando una conferenza stampa nel Girdino ele Rose della Casa Bianca. “Parliamo di quanto sia grandiosa questa riforma - ha detto, ricordando quelli che ritiene essere i pregi di questo disegno di legge - perché che questa è stata una vittoria incredibile lo sappiamo già tutti”.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Era un Donald Trump sorridente e rilassato quello visto ieri a Washington, sopratutto un Trump vittorioso. Fino a pochi giorni fa però spirava un’aria ben diversa nello studio ovale. Il traguardo dei primi 100 giorni di presidenza aveva sottolineato tutti fallimenti e gli errori della nuova amministrazione, passi falsi che i ‘Comedy Show’ statunitensi non avevano mancato di sottolineare. Su tutti ha colpito nel segno Steve Colbert, il conduttore del ‘Late Night Show’ della Cbs, la cui satira - a tratti davvero molto spinta - ha tenuto incollati allo schermo 5 milioni di americani ed è costata al comico dure critiche. Ma alla fine, potrebbe aver pensato oggi Trump, ride bene chi ride ultimo.

E’ ancora presto però per brindare alla vittoria. Trump ha ottenuto s" il suo primo vero successo politico in Congresso, ma ora l’ultima parola spetta al Senato e l’esito del voto non è affatto scontato. I democratici - e anche diversi repubblicani - si dicono scettici sopratttutto sulle misure proposte per tutelare le persone affette da malattie preesistenti, che rischiano di veder aumentati di molto i loro premi assicurativi. A prescindere da quello che il futuro riserverà a Trump però una cosa è certa: questa vittoria gli dà ora la forza di portare avanti gli altri progetti di riforma, come quello fiscale e quello sulle infrastrutture. Soprattutto però Trump potrebbe aver compiuto ieri un ulteriore passo avanti nel suo percorso di ‘apprendistato’, per trasformarsi dal businessman allo statista che gli viene richiesto di essere nello studio ovale. La sua prima vittoria politica infatti gli ha insegnato come funzionano le cose a Washington; sono la pazienza, il dialogo e la discussione gli strumenti necessari a conseguire i risultati, non certo l’impulsività e l’irascibilità con cui si è fino ad ora rapportato con il Congresso.


Canzone del girono: Bob Dylan - Paths Of Victory

Altri Servizi

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Nfl, tornano le proteste e la crociata di Trump contro gli atleti

Atleti 'contro' l'inno nazionale, Trump:"Protestate in altro modo". Il primo fu Kaepernick, rimasto senza squadra. Lega e associazione giocatori in trattativa per evitare lo scontro in tribunale sull'obbligo di seguire in piedi 'The Star-Spangled Banner'

Insieme alla Nfl, è tornata la crociata del presidente statunitense Donald Trump contro le proteste durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Ieri sera, diversi giocatori hanno poggiato un ginocchio a terra o hanno alzato un pugno durante 'The Star-Spangled Banner', prima di alcune partite amichevoli in vista del prossimo campionato di football, per protestare contro la brutalità della polizia, la diseguaglianza razziale e l'ingiustizia sociale.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock