Trump incontra i parlamentari Usa per un compromesso sui Dreamers

La decisione del presidente statunitense di porre fine al Daca, il programma voluto da Obama, interessa 800.000 persone; gli ultimi permessi scadranno nel settembre 2019
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, incontrerà oggi una delegazione di parlamentari repubblicani e democratici per cercare di trovare un compromesso sull'immigrazione, in particolare sulla protezione di centinaia di migliaia di persone che, entrate illegalmente da bambini, rischiano di dover presto abbandonare il Paese.

La necessità di un accordo non solo è dettata dalle vicende di persone che da decenni vivono negli Stati Uniti, i cosiddetti Dreamers, ma dalle elezioni di metà mandato di novembre, su cui potrebbero pesare le mosse di repubblicani e democratici sulla questione. Trump, apparentemente, non ha intenzione di tornare indietro dalla sua proposta: permettere ai Dreamers di restare, in cambio di fondi per la costruzione del muro con il Messico e del rafforzamento delle regole e dei controlli alle frontiere. "Costruiremo il muro" ha ribadito Trump ieri pomeriggio a Nashville, in Tennessee, dove ha parlato davanti agli agricoltori.

I democratici vogliono trovare una soluzione per i Dreamers, ma non hanno intenzione di permettere a Trump di mantenere una delle sue promesse più importanti fatte in campagna elettorale. Dalla Casa Bianca, scrivono i media statunitensi, fanno sapere che "la posizione dell'amministrazione è chiara, e lo è abbastanza anche la loro, ma vogliamo vedere se c'è spazio per una negoziazione".

All'incontro non parteciperanno i leader dei due partiti in Congresso, ma i parlamentari coinvolti nel dibattito sull'immigrazione, come i senatori repubblicani John Cornyn e Tom Cotton, e il senatore democratico Dick Durbin.

Nel settembre scorso, Trump ha deciso di cancellare il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile. Trump ha dato 6 mesi di tempo al Congresso, fino al 5 marzo, per trovare una soluzione appropriata per le quasi 800.000 persone interessate dal provvedimento. Tutti i permessi Daca scadranno entro la fine del settembre 2019.

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

Wall Street verso nuovi record

Dopo quelli di ieri, i mercati sembrano non volersi fermare
AP

Trump promette agli agricoltori Usa un Nafta migliore ma negoziati "non facili"

A fine mese nuovo round di trattative a Montreal. Il presidente promette di portare la banda larga nelle aree rurali della nazione

Il presidente americano ha usato il suo discorso di ieri agli agricoltori americani per ribadire la sua intenzione di migliorare l'accordo di libero scambio tra Usa, Messico e Canada, per sottolineare ancora una volta i benefici della riforma fiscale da lui firmata prima di Natale, per vantare la sua opera di deregulation e per promettere l'accesso alla banda larga anche nelle aree più rurali dell'America.

La Casa Bianca non accetta le scuse di Bannon

L'ex stratega di Trump aveva definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro alla Trump Tower tra russi e (fra gli altri) il figlio del presidente americano
AP

Avrà fatto anche retromarcia, "pentendosi" di avere aspettato giorni prima di chiarire cosa davvero intendesse con le sue dichiarazioni rilasciate all'autore del controverso libro che ha fatto infuriare Donald Trump. Ma per la Casa Bianca, "a questo punto, non c'è alcuna possibilità di ritorno per [Steve] Bannon", cacciato lo scorso agosto dal civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington dove era stato stratega e scomunicato a inizio mese dopo le prime indiscrezioni riguardanti il contenuto de 'Fire and Fury': Inside the Trump White House'.

Russiagate: il procuratore speciale vuole interrogare Trump

I legali del presidente studiano come evitare un incontro faccia a faccia e se imporre delle limitazioni
AP

Anche se secondo lui è una "caccia alle streghe", il Russiagate continua a perseguitare Donald Trump. Mentre il 45esimo presidente americano sembra credere che non siano sufficienti le scuse e le precisazioni arrivate dal suo ex stratega Steve Bannon, che ha rilasciate dichiarazioni controverse all'autore del libro "Fire and Fury", il procuratore speciale che sta indagando sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali Usa del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi vorrebbe sentire il leader Usa. Lo scrive il Washington Post citando due fonti anonime.

Il 2017 è l'anno più costoso nella storia Usa a causa di uragani e incendi

I disastri naturali hanno provocato danni per 306 miliardi di dollari

Il 2017 è stato l'anno più costoso nella storia degli Stati Uniti per via dei disastri naturali, da una serie di incendi a uragani arrivati a costare 306 miliardi di dollari. Lo ha detto la National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) in un rapporto. Stando al rapporto, 16 eventi separati sono costati più di un miliardo l'uno.

Da sinistra, Dmitry Medvedev, Silvio Berlusconi e Vladimir Putin vicino a Sochi, Russia, il 3 dicembre 2010 AP

Spunta anche il nome di Silvio Berlusconi nel libro controverso che ha fatto infuriare Donald Trump tanto da portarlo a scomunicare il suo ex stratega Steven Bannon (costretto a fare marcia indietro).

AP

Oprah Winfrey candidata alla presidenza degli Stati Uniti? E' quello che l'America si stanno domandando dopo il discorso appassionato che nella notte la regina afroamericana dei talk show Usa ha tenuto durante la cerimonia della 75esima edizione dei Golden Globe. Secondo fonti di Cnn a lei vicine, "sta attivamente" pensando a una discesa in campo.