Trump inizia l'epurazione. Silurato il segretario alla Giustizia ad interim contrario al bando agli ingressi Usa

Yates sostituita per avere scritto agli avvocati del ministero di non difendere in tribunale l'ordine esecutivo. Per lei non è legale. Per la Casa Bianca sì. Controlli più stringenti? "Non è una cosa estrema ma necessaria". Obama: in gioco i valori Usa

Che Donald Trump amasse i fedelissimi, era diventato chiaro subito dopo la sua vittoria elettorale. In vista del suo arrivo alla Casa Bianca, il miliardario di New York si era voluto circondare delle persone che non avevano mai smesso di credere in lui persino nei giorni più bui della sua campagna elettorale. Che non voglia intorno chi non sta dalla sua parte, è diventato palese esattamenre dieci giorni il suo arrivo alla Casa Bianca da presidente degli Stati Uniti, quando ha silurato il suo primo nemico.

La mossa simbolica punita come un tradimento
Si è trattato di Sally Q. Yates, segretario alla Giustizia teoricamente in carica fino alla conferma della nomina di Jeff Sessions da parte del Senato (attesa da lì a poco). La sua colpa? Avere scritto a tutti gli avvocati del dipartimento di Giustizia di non difendere in tribunale la decisione di Trump sulla sospensione agli ingressi di rifugiati e cittadini in arrivo da sette Paesi prevalentemente musulmani. La sua mossa, lei che era una obamiana, era totalmente simbolica ma sintomatica delle divisioni all'interno non solo del suo ministero ma anche di chi lavora nel settore pubblico in generale e che si è ritrovato a seguire direttive controverse, al limite della legalità, se non illecite.

L'avvertimento della Casa Bianca: con noi o contro di noi
Un nutrito gruppo di diplomatici statunitensi sta per esempio preparando un documento con cui esprimere il proprio dissenso per l'ordine esecutivo controverso, quello firmato da Trump venerdì 27 gennaio e che già nelle ore successive creò il caos negli aeroporti, spinse la gente a protestare e una fetta crescente della Corporate America a criticarlo, dalla Silicon Valley a Wall Street passando per Detroit (con Ford). Peccato che il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, abbia fatto capire la linea della nuova amministrazione: "Chi non è d'accordo, lasci". Insomma, o con Trump o contro Trump. Yates non si è fatta intimidire e, pur sapendo che nel giro di qualche giorno, avrebbe passato l'incarico al senatore Sessions, ha comunicato la sua posizione.

La linea obamiana
"Sono responsabile nel garantire che le posizioni che prendiamo in tribunale restino in linea con l'obbligo solenne di questa istituzione di perseguire sempre la giustizia e stare dalla parte di ciò che è giusto", aveva scritto Yates ai colleghi. "Al momento, non sono convinta che la difesa dell'ordine esecutivo sia in linea con queste responsabilità né sono convinta che questo ordine esecutivo sia legale".

Le sue parole sono arrivate dopo quelle di Barack Obama, che attraverso un portavoce ha espresso la sua contrarietà alla misura voluta da Trump in tema di immigrazione. Il 44esimo inquilino della Casa Bianca si è detto "rincuorato" da come il Paese ha reagito all'ordine esecutivo con i cittadini che hanno esercitato i loro diritti costituzionali facendo "sentire la loro voce". Perché "in gioco ci sono i valori americani". Peccato che l'amministrazione Trump si ostini a difendersi dicendo che in gioco c'è la sicurezza degli Usa. America first, per dirla come il 45esimo presidente Usa. L'America prima di tutto, anche della legalità, delle alleanze, della pietà nei confronti di chi fuggendo dalla disperazione dei conflitti ed avendo superato 18-24 mesi di controlli sperava di trovare nell'America un Paese in cui voltare pagina.

Controlli più severi? Per Trump sono necessari
Per la Casa Bianca, Yates "ha tradito il dipartimento di Giustizia rifiutandosi di mettere in atto un ordine legale pensato per proteggere i cittadini Usa". L'amministrazione Trump non ha mancato di insultare la diretta interessata: "E' stata scelta dall'amministrazione Obama", ovviamente un peccato agli occhi del nuovo governo, ed è "debole sui confini e molto debole sull'immigrazione illegale". La retorica populista che Trump ha sfoggiato in campagna elettorale non è finita: "E' ora di diventare seri nel proteggere la nostra nazione. Premere per controlli più severi per le persone che viaggiano da sette posti pericolosi non è una cosa estrema. E' ragionevole e necessaria per proteggere il Paese".

Il quesito: cosa farà Sessions?
Ecco che allora Trump ha fatto fuori chi non la pensa come lui optando per Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia chiamata a prendere le redini della Giustizia Usa fino all'arrivo di Sessions. Lei ha subito mostrato la sua volontà ad ubbidire: dicendosi "onorata", ha promesso di "difendere e mettere in atto le leggi del nostro Paese per garantire che il nostro popolo e la nostra nazione siano protetti". Trump ha avuto da ridire anche sui democratici al Senato che "ingiustamente" non hanno ancora confermato la nomina di Sessions per ragioni "prettamente politiche". Non resta che vedere cosa farà lui, un uomo accusato di essere razzista (accusa da lui respinta) e che durante un'audizione al Congresso disse che non avrebbe sostenuto "una legge che vieti ai musulmani di venire in America".

Altri Servizi

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.