Trump inizia l'epurazione. Silurato il segretario alla Giustizia ad interim contrario al bando agli ingressi Usa

Yates sostituita per avere scritto agli avvocati del ministero di non difendere in tribunale l'ordine esecutivo. Per lei non è legale. Per la Casa Bianca sì. Controlli più stringenti? "Non è una cosa estrema ma necessaria". Obama: in gioco i valori Usa

Che Donald Trump amasse i fedelissimi, era diventato chiaro subito dopo la sua vittoria elettorale. In vista del suo arrivo alla Casa Bianca, il miliardario di New York si era voluto circondare delle persone che non avevano mai smesso di credere in lui persino nei giorni più bui della sua campagna elettorale. Che non voglia intorno chi non sta dalla sua parte, è diventato palese esattamenre dieci giorni il suo arrivo alla Casa Bianca da presidente degli Stati Uniti, quando ha silurato il suo primo nemico.

La mossa simbolica punita come un tradimento
Si è trattato di Sally Q. Yates, segretario alla Giustizia teoricamente in carica fino alla conferma della nomina di Jeff Sessions da parte del Senato (attesa da lì a poco). La sua colpa? Avere scritto a tutti gli avvocati del dipartimento di Giustizia di non difendere in tribunale la decisione di Trump sulla sospensione agli ingressi di rifugiati e cittadini in arrivo da sette Paesi prevalentemente musulmani. La sua mossa, lei che era una obamiana, era totalmente simbolica ma sintomatica delle divisioni all'interno non solo del suo ministero ma anche di chi lavora nel settore pubblico in generale e che si è ritrovato a seguire direttive controverse, al limite della legalità, se non illecite.

L'avvertimento della Casa Bianca: con noi o contro di noi
Un nutrito gruppo di diplomatici statunitensi sta per esempio preparando un documento con cui esprimere il proprio dissenso per l'ordine esecutivo controverso, quello firmato da Trump venerdì 27 gennaio e che già nelle ore successive creò il caos negli aeroporti, spinse la gente a protestare e una fetta crescente della Corporate America a criticarlo, dalla Silicon Valley a Wall Street passando per Detroit (con Ford). Peccato che il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, abbia fatto capire la linea della nuova amministrazione: "Chi non è d'accordo, lasci". Insomma, o con Trump o contro Trump. Yates non si è fatta intimidire e, pur sapendo che nel giro di qualche giorno, avrebbe passato l'incarico al senatore Sessions, ha comunicato la sua posizione.

La linea obamiana
"Sono responsabile nel garantire che le posizioni che prendiamo in tribunale restino in linea con l'obbligo solenne di questa istituzione di perseguire sempre la giustizia e stare dalla parte di ciò che è giusto", aveva scritto Yates ai colleghi. "Al momento, non sono convinta che la difesa dell'ordine esecutivo sia in linea con queste responsabilità né sono convinta che questo ordine esecutivo sia legale".

Le sue parole sono arrivate dopo quelle di Barack Obama, che attraverso un portavoce ha espresso la sua contrarietà alla misura voluta da Trump in tema di immigrazione. Il 44esimo inquilino della Casa Bianca si è detto "rincuorato" da come il Paese ha reagito all'ordine esecutivo con i cittadini che hanno esercitato i loro diritti costituzionali facendo "sentire la loro voce". Perché "in gioco ci sono i valori americani". Peccato che l'amministrazione Trump si ostini a difendersi dicendo che in gioco c'è la sicurezza degli Usa. America first, per dirla come il 45esimo presidente Usa. L'America prima di tutto, anche della legalità, delle alleanze, della pietà nei confronti di chi fuggendo dalla disperazione dei conflitti ed avendo superato 18-24 mesi di controlli sperava di trovare nell'America un Paese in cui voltare pagina.

Controlli più severi? Per Trump sono necessari
Per la Casa Bianca, Yates "ha tradito il dipartimento di Giustizia rifiutandosi di mettere in atto un ordine legale pensato per proteggere i cittadini Usa". L'amministrazione Trump non ha mancato di insultare la diretta interessata: "E' stata scelta dall'amministrazione Obama", ovviamente un peccato agli occhi del nuovo governo, ed è "debole sui confini e molto debole sull'immigrazione illegale". La retorica populista che Trump ha sfoggiato in campagna elettorale non è finita: "E' ora di diventare seri nel proteggere la nostra nazione. Premere per controlli più severi per le persone che viaggiano da sette posti pericolosi non è una cosa estrema. E' ragionevole e necessaria per proteggere il Paese".

Il quesito: cosa farà Sessions?
Ecco che allora Trump ha fatto fuori chi non la pensa come lui optando per Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia chiamata a prendere le redini della Giustizia Usa fino all'arrivo di Sessions. Lei ha subito mostrato la sua volontà ad ubbidire: dicendosi "onorata", ha promesso di "difendere e mettere in atto le leggi del nostro Paese per garantire che il nostro popolo e la nostra nazione siano protetti". Trump ha avuto da ridire anche sui democratici al Senato che "ingiustamente" non hanno ancora confermato la nomina di Sessions per ragioni "prettamente politiche". Non resta che vedere cosa farà lui, un uomo accusato di essere razzista (accusa da lui respinta) e che durante un'audizione al Congresso disse che non avrebbe sostenuto "una legge che vieti ai musulmani di venire in America".

Altri Servizi

Wall Street, pesa la volatilità del petrolio

Attesa per il dato sull'inflazione
iStock

Elezioni Usa, vittoria democratica più netta a una settimana dal voto

Il conteggio va avanti ed è sempre più favorevole ai democratici. Il Congresso diviso, però, sarà un'arma in più per il presidente Trump
Ap

Non è stata un'onda blu, ma a una settimana dalle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (qui il pezzo sui risultati parziali; questo il commento, il giorno dopo), i contorni del risultato dei democratici si fanno più nitidi, mentre si continuano a contare i voti ed emergono i vincitori.

Amazon

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme. Amazon ha scelto di dividere tra due città il suo secondo quartier generale. Dopo quello di Seattle (nello Stato di Washington) il colosso americano del commercio elettronico investirà 5 miliardi di dollari creando oltre 50mila posti di lavoro tra New York City (a Long Island City, la località del Queens separata da Manhattan dall'East River) e Arlington (Virginia).

Elezioni di Midterm, in Florida si ricontano i voti

Ancora in bilico le sfide per le nomine del governatore e al Senato

A oltre quattro giorni dalla chiusura dei seggi in Florida e dopo le accuse reciproche di frode tra democratici e repubblicani è stato ordinato un riconteggio dei voti. La decisione è stata presa dal segretario di stato della Florida, Ken Detzner, quando nel Sunshine State l’assegnazione della poltrona da senatore e la carica di governatore sono ancora in ballo con margini davvero ristretti tra i vari candidati.

California, sale a 25 il bilancio dei morti oltre 250mila persone evacuate

Quasi 7000 le abitazioni distrutte mentre i roghi continuano a minacciare l'area di Malibù

È salito a 25 il bilancio dei morti in California a causa degli incendi che da giorni stanno mettendo in ginocchio il "Golden State". Il tutto mentre le fiamme continuano a minacciare l’area intorno alla capitale dello stato, Sacramento. Come riporta Bbc, ai nove morti degli scori giorni si sono aggiunte altre 14 persone i cui corpi sono stati trovati a Paradise, cittadina nel nord dello Stato, mentre altre due persone sono state trovate senza vita nell’area di Malibù.

"Presidential Medal of Freedom", Trump nomina Elvis, Babe Ruth e Antonin Scalia

Si tratta della più alta onorificenza civile che un presidente Usa può assegnare. Assieme a loro anche altre quattro personalità

Il prossimo 16 novembre Donald Trump conferirà a sette persone la "Presidential Medal Freedom" la più alta onorificenza civile che un presidente degli Stati Uniti può assegnare a un cittadino americano. Tra le sette personalità che verranno insignite quest’anno ci sono quattro assegnazioni postume: il Re del Rock’n Roll Elvis Presley, il campione di baseball e icona dello sport americano, Babe Ruth, conosciuto come "The Great Bambino", il celebre giudice della Corte Suprema, Antonin Scalia, scomparso due anni fa, e Miriam Adelson, moglie del miliardario Sheldon, finanziatori del partito repubblicano.

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Afghanistan, anno record per bombe lanciate dagli Usa

Tra gennaio e settembre, lanciati 5.213 ordigni; superato il record di 5.101 del 2010. Con Tump, cambiate le regole d'ingaggio

Gli Stati Uniti non hanno mai lanciato così tante bombe sull'Afghanistan com nel 2018. È quanto emerge dai dati resi noti dallo U.S. Air Forces Central Command, ripresi da Forbes. Diciassette anni dopo la presa di Kabul da parte delle forze statunitensi e alleate, metà dell'Afghanistan è sotto il controllo dei talebani e la guerra è ancora lontana da una conclusione, con 14.000 soldati statunitensi ancora nel Paese.

Dopo Parigi Trump tornerà in Usa, improbabile che sia a conferenza su Libia

Il premier Conte, a fine luglio, aveva incassato dal presidente Usa il ricnoscimento della leadership dell'Italia nella stabilizzazione della nazione africana
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sabato e domenica prossimi sarà a Parigi per partecipare alle celebrazioni del centesimo anniversario dell'armistizio che ha messo fine alla Prima guerra mondiale. Già domenica il leader Usa rientrerà negli Stati Uniti, proprio alla vigilia della conferenza internazionale sulla Libia di Palermo, a cui dunque non dovrebbe partecipare.