Trump inizia l'epurazione. Silurato il segretario alla Giustizia ad interim contrario al bando agli ingressi Usa

Yates sostituita per avere scritto agli avvocati del ministero di non difendere in tribunale l'ordine esecutivo. Per lei non è legale. Per la Casa Bianca sì. Controlli più stringenti? "Non è una cosa estrema ma necessaria". Obama: in gioco i valori Usa

Che Donald Trump amasse i fedelissimi, era diventato chiaro subito dopo la sua vittoria elettorale. In vista del suo arrivo alla Casa Bianca, il miliardario di New York si era voluto circondare delle persone che non avevano mai smesso di credere in lui persino nei giorni più bui della sua campagna elettorale. Che non voglia intorno chi non sta dalla sua parte, è diventato palese esattamenre dieci giorni il suo arrivo alla Casa Bianca da presidente degli Stati Uniti, quando ha silurato il suo primo nemico.

La mossa simbolica punita come un tradimento
Si è trattato di Sally Q. Yates, segretario alla Giustizia teoricamente in carica fino alla conferma della nomina di Jeff Sessions da parte del Senato (attesa da lì a poco). La sua colpa? Avere scritto a tutti gli avvocati del dipartimento di Giustizia di non difendere in tribunale la decisione di Trump sulla sospensione agli ingressi di rifugiati e cittadini in arrivo da sette Paesi prevalentemente musulmani. La sua mossa, lei che era una obamiana, era totalmente simbolica ma sintomatica delle divisioni all'interno non solo del suo ministero ma anche di chi lavora nel settore pubblico in generale e che si è ritrovato a seguire direttive controverse, al limite della legalità, se non illecite.

L'avvertimento della Casa Bianca: con noi o contro di noi
Un nutrito gruppo di diplomatici statunitensi sta per esempio preparando un documento con cui esprimere il proprio dissenso per l'ordine esecutivo controverso, quello firmato da Trump venerdì 27 gennaio e che già nelle ore successive creò il caos negli aeroporti, spinse la gente a protestare e una fetta crescente della Corporate America a criticarlo, dalla Silicon Valley a Wall Street passando per Detroit (con Ford). Peccato che il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, abbia fatto capire la linea della nuova amministrazione: "Chi non è d'accordo, lasci". Insomma, o con Trump o contro Trump. Yates non si è fatta intimidire e, pur sapendo che nel giro di qualche giorno, avrebbe passato l'incarico al senatore Sessions, ha comunicato la sua posizione.

La linea obamiana
"Sono responsabile nel garantire che le posizioni che prendiamo in tribunale restino in linea con l'obbligo solenne di questa istituzione di perseguire sempre la giustizia e stare dalla parte di ciò che è giusto", aveva scritto Yates ai colleghi. "Al momento, non sono convinta che la difesa dell'ordine esecutivo sia in linea con queste responsabilità né sono convinta che questo ordine esecutivo sia legale".

Le sue parole sono arrivate dopo quelle di Barack Obama, che attraverso un portavoce ha espresso la sua contrarietà alla misura voluta da Trump in tema di immigrazione. Il 44esimo inquilino della Casa Bianca si è detto "rincuorato" da come il Paese ha reagito all'ordine esecutivo con i cittadini che hanno esercitato i loro diritti costituzionali facendo "sentire la loro voce". Perché "in gioco ci sono i valori americani". Peccato che l'amministrazione Trump si ostini a difendersi dicendo che in gioco c'è la sicurezza degli Usa. America first, per dirla come il 45esimo presidente Usa. L'America prima di tutto, anche della legalità, delle alleanze, della pietà nei confronti di chi fuggendo dalla disperazione dei conflitti ed avendo superato 18-24 mesi di controlli sperava di trovare nell'America un Paese in cui voltare pagina.

Controlli più severi? Per Trump sono necessari
Per la Casa Bianca, Yates "ha tradito il dipartimento di Giustizia rifiutandosi di mettere in atto un ordine legale pensato per proteggere i cittadini Usa". L'amministrazione Trump non ha mancato di insultare la diretta interessata: "E' stata scelta dall'amministrazione Obama", ovviamente un peccato agli occhi del nuovo governo, ed è "debole sui confini e molto debole sull'immigrazione illegale". La retorica populista che Trump ha sfoggiato in campagna elettorale non è finita: "E' ora di diventare seri nel proteggere la nostra nazione. Premere per controlli più severi per le persone che viaggiano da sette posti pericolosi non è una cosa estrema. E' ragionevole e necessaria per proteggere il Paese".

Il quesito: cosa farà Sessions?
Ecco che allora Trump ha fatto fuori chi non la pensa come lui optando per Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia chiamata a prendere le redini della Giustizia Usa fino all'arrivo di Sessions. Lei ha subito mostrato la sua volontà ad ubbidire: dicendosi "onorata", ha promesso di "difendere e mettere in atto le leggi del nostro Paese per garantire che il nostro popolo e la nostra nazione siano protetti". Trump ha avuto da ridire anche sui democratici al Senato che "ingiustamente" non hanno ancora confermato la nomina di Sessions per ragioni "prettamente politiche". Non resta che vedere cosa farà lui, un uomo accusato di essere razzista (accusa da lui respinta) e che durante un'audizione al Congresso disse che non avrebbe sostenuto "una legge che vieti ai musulmani di venire in America".

Altri Servizi

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock