Trump introduce dazi ma offre esenzioni ai "veri amici" degli Usa

Il presidente: "grande flessibilità e cooperazione" ad alcuni. Canada e Messico esclusi ma non cedono sui negoziati Nafta. La Ue sperava nell'esenzione: chiede chiarezza
White House

A partire dal prossimo 23 marzo l'alluminio e l'acciaio in arrivo in Usa subirà dazi, rispettivamente del 10% e del 25%. La misura, formalizzata dal leader americano con due proclamazioni presidenziali, varrà "per tutti i Paesi fatta eccezione per il Messico e il Canada". L'Unione europea non ha ottenuto una esenzione, che però potrebbe essere ancora negoziata.

Trump più soft del previsto
La decisione di Donald Trump è destinata ad alimentare ulteriormente le polemiche ma è migliore del piano originario che non prevedeva alcuna esenzione e nessuno spazio di manovra. Per questo Wall Street ha saputo risollevarsi così come hanno fatto il peso messicano e il dollaro canadese. E non a caso i titoli dei produttori americani di acciaio e alluminio hanno perso vistosamente quota; la loro speranza era in un Trump più severo.

Anche se ha ignorato le minacce di ritorsione in arrivo da più parti, come l'Unione europea, e anche se si è infischiato dell'appello lanciato il giorno precedente da 107 deputati repubblicani, il leader americano ha promesso "grande flessibilità e cooperazione a coloro che sono davvero nostri amici". Questo significa che ora partiranno intensi negoziati. Nelle proclamazioni infatti si legge che "qualsiasi Paese con cui abbiamo una relazione per la sicurezza è benvenuto a discutere con gli Usa modalità alternative per affrontare" il caso. Una nazione dovrà dimostrare che la vendita di alluminio e acciaio in Usa "non pone più" rischi alla sicurezza nazionale della prima economia al mondo. Se "alternative soddisfacenti" verranno trovate, allora il 45esimo americano potrà "rimuovere o modificare" le restrizioni imposte ed eventualmente aggiustare le tariffe su altri Paesi.

Canada e Messico "casi speciali" ma non si fanno ricattare sul Nafta
Il Canada e il Messico vengono considerati "casi speciali" e per questo verranno esonerati dalle tariffe a tempo indeterminato. Si tratta di una vittoria per le due nazioni che con gli Usa siglarono nel 1994 il North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio su cui stanno trattando per una riscrittura. Nelle proclamazioni non si fa cenno esplicito del Nafta, ma di fatto l'amministrazione Trump spera che una soluzione venga raggiunta nell'ambito di quei negoziati in corso. Una scadenza però non è stata data. Il documento si è limitato a dire che "per via della prossimità fisica delle nostre rispettive basi industriali, dell'integrazione economica robusta tra le nostre nazioni, delle esportazioni di alluminio prodotto in Usa verso il Canada e il Messico e per via della relazione stretta tra il benessere economico Usa e la nostra sicurezza nazionale", è meglio continuare a negoziare ed "esentare" i due vicini, "almeno in questo momento". Trump ha sottoscritto un documento in cui ha detto di aspettarsi che Canada e Messico "prevengano il trasbordo di alluminio e acciaio" destinato agli Usa attraverso i loro territori.

Il riferimento è alle tattiche che, secondo gli Usa, la Cina sta utilizzando per fare "dumping" indiretto di acciaio e alluminio in Usa passando attraverso altri Paesi. E' per questo, ha spiegato nel tardo pomeriggio americano il segretario americano al Commercio Wilbur Ross, che i dazi non sono stati imposti solo su Pechino. Per lui, la flessibilità mostrata da Trump rappresenta un "incentivo" per Canada e Messico a trovare un accordo commerciale "giusto".

Le reazioni di Canada, Messico e Ue
Per la ministra canadese degli Esteri, Chrystia Freeland, l'esenzione rappresenta "un passo avanti" ma che non cambia il suo approccio nei negoziati sul Nafta.

Cauta è stata la reazione dell'Unione europea, che sperava in una esenzione per tutti i 28 Paesi membri. La commissaria per il commercio Cecilia Malmstrom ha ribadito che la Ue, in quanto "stretta alleata degli Usa", dovrebbe essere esclusa dai dazi. Su Twitter ha promesso di volere ottenere "più chiarezza sulla questione nei giorni a venire". Malmstrom il 7 marzo aveva paventato il ricorso alla World Trade Organization e allo stesso tempo l'adozione di misure che rispettino il WTO ma che fungano da ritorsione alle tariffe su alluminio e acciaio volute da Trump. La lista di prodotti va dal burro di arachidi alle motociclette Harley-Davidson e ai jeans Levi's. Lei, il rappresentante commerciale degli Usa Robert Lighthizer e l'equivalente giapponese si vedranno a Bruxelles sabato 10 marzo per discutere dei dazi nuovi e di come l'alleanza a tre può contrastatare le politiche economiche della Cina.

Repubblicani al Congresso contro Trump
Intanto in Usa non si placano le polemiche legati ai dazi. Paul Ryan, lo speaker repubblicano alla Camera, è tornato a criticare il presidente dicendo di "temere le conseguenze indesiderate" delle sue mosse. Lui ha promesso di "continuare a fare pressione sull'amministrazione per aggiustare la sua politica in modo che si focalizzi solo su quei Paesi e su quelle pratiche che violano le leggi commerciali". Jeff Flake, repubblicano dell'Arizona, ha detto invece di essere già al lavoro su una legislazione - vista come simbolica - che annulli la misura di Trump. "Le guerre commerciali non si vincono, si perdono solamente", ha detto echeggiando la posizione del Fondo monetario internazionale. Per lui "il Congresso non può essere complice di un'amministrazione che porta al disastro economico". La linea dei repubblicani a Capitol Hill - che per altro temono un aumento dei prezzi sui consumatori finali, cosa che potrebbe aumentare le pressioni inflative tanto temute dai mercati per le loro conseguenze sulle mosse della Federal Reserve - è stata riassunta da Ryan: "La nostra economia e la nostra sicurezza nazionale sono rafforzate alimentandoo un libero commercio con i nostri alleati e promuovendo lo stato di diritto". Su questo la Ue è certamente d'accordo.

Altri Servizi

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. E' il Wall Street Journal a riferirlo, secondo cui la mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley
ICE

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.