Trump irritato dai ritardi sull'abrogazione dell'Obamcare, si rivolge direttamente ai democratici

Il presidente ha teso la mano ai democratici, sentendo direttamente il leader di minoranza al Senato, Charles Schumer, per capire se e che tipo di disponibilità ci sia a trattare e collaborare.

Le divisioni dei repubblicani e l'incapacità di trovare una quadra sull'abrogazione dell'Obamacare non piace a Donald Trump. Per questo il presidente americano ha deciso di impegnarsi fin da subito in prima persona per superare lo stallo che crea imbarazzo alla sua amministrazione: il presidente americano aveva infatti promesso una rapida cancellazione e sostituzione della riforma della sanità voluta da Barack Obama, ma, così come sul fronte fiscale, non è ancora riuscito a produrre risultati.

Per questo Trump ha teso la mano ai democratici, sentendo direttamente il leader di minoranza al Senato, Charles Schumer, per capire se e che tipo di disponibilità ci sia a trattare e collaborare. Apparentemente, come ha scritto il presidente su Twitter, i suoi sforzi non sono stati del tutto vani: "Ho chiamato Chuck Schumer per vedere se i democratici siano disponibili a varare una grande legge sulla sanità. L'Obamacare non funziona assolutamente, i premi sono salati. Chi lo sa!", ha scritto, lasciando intendere appunto di avere riscontrato una certa apertura alla trattativa.

Dal canto suo il leader democratico ha detto di essere disponibile a lavorare con Trump per "migliorare il sistema sanitario esistente", ma di non volere sentire parlare di "abrogazione e sostituzione dell'Affordable Care Act", appunto la legge firmata da Obama nel 2010. "Il presidente vuole fare un altro tentativo di abrogare e sostituire la legge e gli ho detto che questo è escluso", ha detto Schumer in una nota, spiegando che "se trump vuole collaborare per migliorare il sistema esistente, i democratici sono aperti ai suoi suggerimenti".

Un buon punto di partenza, ha detto il leader democratico, "potrebbe essere lavorare per stabilizzare il sistema e per abbassare i costi". Il riferimento di Schumer à alla proposta dei senatori Lamar Alexander e Patty Murray, un repubblicano e una democratica, che hanno criticato le ultime norme varate dall'amministrazione Trump, che ha ridotto le coperture per la contraccezione (i datori di lavoro potranno rifiutarsi di fornire alle dipendenti coperture assicurative che comprendono gli anticoncezionali, se considerati in contrasto con i valori etici o religiosi dell'azienda).

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento