Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

La tesi, condivisa anche dall'opposizione democratica al Congresso Usa, è che gli Stati Uniti abbiano fatto troppe concessioni alla Corea del Nord, a cominciare dall'alt alle esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud tanto criticate da Kim. Non è un caso che il settore della difesa a Wall Street abbia sofferto. Trump è sembrato anche disposto a un ritiro dei soldati Usa piazzati a Seul, cosa che non può che piacere a Pechino. Essendo il principale partner commerciale di Pyongyang, inoltre, la Cina spinge per una rimozione delle sanzioni internazionali sulla Corea del Nord. Su questo, però, l'amministrazione Trump non cambia idea: restano in vigore fino a quando la denuclearizzazione non sarà completata.

La dichiarazione congiunta sottoscritta dai due leader è stata criticata da più parti perché priva di dettagli, rimandando a un futuro probabilmente lontano per la loro definizione a cominciare da cosa esattamente le parti intendano con "denuclearizzazione" ed entro quale arco temporale realizzarla.

Mentre per alcuni Trump ha garantito a Kim una vittoria propagandistica enorme, per altri il leader Usa ha fatto la storia diventando il primo presidente Usa in carica ad avere incontrato un leader nordcoreano. Inoltre, il lavoro negoziale dell'amministrazione Trump ha portato comunque a un alt dei test missilistici e nucleari di Pyongyang e a una retorica funesta con cui l'estate scorsa Trump aveva promesso a Kim "fuoco e furia".

Ora spetta al segretario di Stato, Mike Pompeo, rassicurare le controparti sudcoreane e giapponesi. Per questo mercoledì 13 giugno volerà a Seul. Perché è vero che la linea della Casa Bianca è sostenere che il summit è solo l'inizio di un processo ma è anche vero che nella dichiarazione congiunta non si è parlato di come e quando raggiungere una "denuclearizzazione completa, verificabile e irreversibile". Qualcosa su cui Tokyo conta così come Seul, apparentemente presa alla sprovvista dalle parole di Trump sulla fine dei cosiddetti "war games". Pompeo andrà poi a Pechino, per garantirsi che il pressing su Pyongyang non venga meno. A Washington, intanto, i legislatori repubblicani brindano al loro presidente pur temendo che gli impegni di Kim siano solo un bluff. La Russia nel frattempo monitora la situazione consapevole che "il diavolo sta nei dettagli".

Di seguito una raccolta di commenti fatta dal sito Axios.

Richard Haas, presidente del Council on Foreign Relations, ha scritto per Axios: "La buona notizia è che il summit di Singapore ha dato inizio a un processo diplomatico che ha il potenziale per contribuire alla stabilità e alla pace. La guerra sembra molto più distante rispetto solo a mesi fa. La cattiva notizia è che qui si parla appunto di 'potenziale', partiamo in modo sbilanciato".

Michael Hayden, ex direttore della Cia, ha detto alla Cnn: "I nordcoreani non sono venuti con nulla di nuovo. Il nuovo elemento è che noi abbiamo accordato di fermare le nostre esercitazioni annuali con gli alleati sudcoreani. Direi che è una concessione piuttosto significativa".

Bruce Klinger, dell'Heritage Foundation, ha scritto su Twitter: "È molto insoddisfacente. Ognuno dei quattro punti principali era nei precedenti documenti con la Corea del Nord, alcuni in forma più forte e onnicomprensiva. Il punto della denuclearizzazione è più debole, rispetto ai colloqui a Sei (le due Coree, Usa, Giappone, Cina e Russia, nel primo decennio del secolo, ndr). E non si parla di una completa, verificabile e irreversibile denuclearizzazione, e nemmeno di diritti umani".

Ian Bremmer, presidente e fondatore dell'Eurasia Group, ha detto alla Cbs: "I nordcoreani fermano i loro test missilistici e nucleari e gli americani sospendono le esercitazioni militari con i sudcoreani. È esattamente quello che i cinesi hanno chiesto nell'ultimo anno e noi abbiamo detto 'assolutamente no'. Credo che il successo maggiore sia che ora è quasi inconcepibile il rischio di un conflitto militare nel breve termine".

Lawrence Freedman, del King's College London, ha commentato su Twitter: "C'è un forte senso di déjà vu: cordiali dichiarazioni su un futuro non nucleare, senza alcun chiaro passo che mostri come raggiungerlo. La differenza con gli accordi passati è che la Corea del Nord ha usato questo tempo per diventare una potenza nucleare".

Altri Servizi

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.