Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

La tesi, condivisa anche dall'opposizione democratica al Congresso Usa, è che gli Stati Uniti abbiano fatto troppe concessioni alla Corea del Nord, a cominciare dall'alt alle esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud tanto criticate da Kim. Non è un caso che il settore della difesa a Wall Street abbia sofferto. Trump è sembrato anche disposto a un ritiro dei soldati Usa piazzati a Seul, cosa che non può che piacere a Pechino. Essendo il principale partner commerciale di Pyongyang, inoltre, la Cina spinge per una rimozione delle sanzioni internazionali sulla Corea del Nord. Su questo, però, l'amministrazione Trump non cambia idea: restano in vigore fino a quando la denuclearizzazione non sarà completata.

La dichiarazione congiunta sottoscritta dai due leader è stata criticata da più parti perché priva di dettagli, rimandando a un futuro probabilmente lontano per la loro definizione a cominciare da cosa esattamente le parti intendano con "denuclearizzazione" ed entro quale arco temporale realizzarla.

Mentre per alcuni Trump ha garantito a Kim una vittoria propagandistica enorme, per altri il leader Usa ha fatto la storia diventando il primo presidente Usa in carica ad avere incontrato un leader nordcoreano. Inoltre, il lavoro negoziale dell'amministrazione Trump ha portato comunque a un alt dei test missilistici e nucleari di Pyongyang e a una retorica funesta con cui l'estate scorsa Trump aveva promesso a Kim "fuoco e furia".

Ora spetta al segretario di Stato, Mike Pompeo, rassicurare le controparti sudcoreane e giapponesi. Per questo mercoledì 13 giugno volerà a Seul. Perché è vero che la linea della Casa Bianca è sostenere che il summit è solo l'inizio di un processo ma è anche vero che nella dichiarazione congiunta non si è parlato di come e quando raggiungere una "denuclearizzazione completa, verificabile e irreversibile". Qualcosa su cui Tokyo conta così come Seul, apparentemente presa alla sprovvista dalle parole di Trump sulla fine dei cosiddetti "war games". Pompeo andrà poi a Pechino, per garantirsi che il pressing su Pyongyang non venga meno. A Washington, intanto, i legislatori repubblicani brindano al loro presidente pur temendo che gli impegni di Kim siano solo un bluff. La Russia nel frattempo monitora la situazione consapevole che "il diavolo sta nei dettagli".

Di seguito una raccolta di commenti fatta dal sito Axios.

Richard Haas, presidente del Council on Foreign Relations, ha scritto per Axios: "La buona notizia è che il summit di Singapore ha dato inizio a un processo diplomatico che ha il potenziale per contribuire alla stabilità e alla pace. La guerra sembra molto più distante rispetto solo a mesi fa. La cattiva notizia è che qui si parla appunto di 'potenziale', partiamo in modo sbilanciato".

Michael Hayden, ex direttore della Cia, ha detto alla Cnn: "I nordcoreani non sono venuti con nulla di nuovo. Il nuovo elemento è che noi abbiamo accordato di fermare le nostre esercitazioni annuali con gli alleati sudcoreani. Direi che è una concessione piuttosto significativa".

Bruce Klinger, dell'Heritage Foundation, ha scritto su Twitter: "È molto insoddisfacente. Ognuno dei quattro punti principali era nei precedenti documenti con la Corea del Nord, alcuni in forma più forte e onnicomprensiva. Il punto della denuclearizzazione è più debole, rispetto ai colloqui a Sei (le due Coree, Usa, Giappone, Cina e Russia, nel primo decennio del secolo, ndr). E non si parla di una completa, verificabile e irreversibile denuclearizzazione, e nemmeno di diritti umani".

Ian Bremmer, presidente e fondatore dell'Eurasia Group, ha detto alla Cbs: "I nordcoreani fermano i loro test missilistici e nucleari e gli americani sospendono le esercitazioni militari con i sudcoreani. È esattamente quello che i cinesi hanno chiesto nell'ultimo anno e noi abbiamo detto 'assolutamente no'. Credo che il successo maggiore sia che ora è quasi inconcepibile il rischio di un conflitto militare nel breve termine".

Lawrence Freedman, del King's College London, ha commentato su Twitter: "C'è un forte senso di déjà vu: cordiali dichiarazioni su un futuro non nucleare, senza alcun chiaro passo che mostri come raggiungerlo. La differenza con gli accordi passati è che la Corea del Nord ha usato questo tempo per diventare una potenza nucleare".

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.