Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

Kim è atterrato a Singapore dopo avere viaggiato a bordo di un aereo della compagnia Air China; Trump è arrivato sull'Air Force One dal Canada, dove con un colpo di scena finale non ha firmato il comunicato congiunto del G7, ha minacciato dazi sulle auto e ha attaccato il premier canadese Justin Trudeau definendolo "debole".

Il faccia a faccia tra Trump e Kim ci sarà martedì 12 giugno quando in Italia saranno le 3 di notte. Stando alle indiscrezioni del Wall Street Journal, il leader nordcoreano partirà per tornare a casa solo cinque ore dopo l'orario previsto per l'inizio dell'incontro. Il presidente Usa dovrebbe invece ripartire mercoledì nella mattinana di Singapore.

In vista dell'appuntamento su cui punta da mesi, Trump ha cercato di contenere le aspettative. Parlando alla stampa riunita a Charlevoix per il G7, lui aveva affermato: "Ci vorrà tempo" prima di raggiungere un accordo. "Almeno, credo, ci saremo visti", aveva detto il presidente americano parlando alla stampa. "Si spera che ci saremo piaciuti a vicenda e che inizieremo un processo".

Trump aveva aggiunto che secondo lui, Kim "vuole qualcosa di bello per il suo popolo e ha l'opportunità di farlo. Non l'avrà di nuovo". L'inquilino della Casa Bianca ha messo le mani avanti: "C'è una buona possibilità che [l'incontro con Kim] non vada bene. C'è probabilmente una chance ancora maggiore che ci vorrà tempo" per raggiungere un accordo. E con la sua solita spavalderia, Trump ha detto che lui saprà "nel giro del primo minuto" di faccia a faccia con Kim se quest'ultimo è "serio".

Anche i funzionari dell'amministrazione Trump sono cauti: difficilmente al primo incontro si arriverà alla fine formale della Guerra di Corea combattuta tra il 1950 e il 1953 e successivamente alla quale è stato firmato solo un armistizio. "A un trattato di pace ci si arriva molto più avanti nel tempo", ha detto una fonte al Wsj.

Di certo, l'autore de "The Art of the Deal" cercherà di convincere Kim di mettere fine al suo programma nucleare in cambio di aiuti economici e di una riapertura ufficiale dei rapporti diplomatici tra Usa e Corea del Nord. Resta da vedere chi tra i due risulterà più categorico: un Kim che sembra disposto alla denuclearizzazione ma solo in modo graduale e in cambio di concessioni da parte degli Usa o un Trump che vuole una nazione senza più armi nucleari. 

In attesa di capire se il summit sarà più simbolico che altro, il primo passo in un lungo periodo di negoziati, Kim in un certo senso ha già vinto. Forte delle armi nucleari e dei missili su cui Pyongyang ha lavorato per anni, si ritroverà a fianco del leader della prima potenza economica al mondo. E lo sarà diventando protagonista sul palcoscenico internazionale. C'è il rischio che la Corea del Nord voglia essere riconosciuta come uno Stato con capacità nucleari come lo sono, per esempio, India e Pakistan.

Altri Servizi

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Coca-Cola ha deciso di comprare una quota in BodyArmor, una start-up di bevande sportive tra i cui sostenitori figurano la stella americana del basket Kobe Bryant e altri atleti. Così facendo il colosso delle bibite punta a sfidare (e magari vincere contro) Gatorade, la bevanda per sportivi di proprietà di PepsiCo che domina il mercato di riferimento.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media