Trump: è la Cina, non noi, a essere sotto pressione per trovare un accordo

Washington ha invitato Pechino a un nuovo round di trattative. La nazione asiatica ha dato il benvenuto alla mossa

Gli Stati Uniti non sono sottopressione per raggiungere un accordo commerciale con la Cina. Lo ha scritto su Twitter il presidente americano, Donald Trump, smentendo quanto sostenuto dal Wall Street Journal.

Secondo il Commander in chief, il giornale parte della galassia di Rupert Murdoch "si sbaglia. Non siamo sotto pressione per siglare un accordo con la Cina. Sono loro [i cinesi] a essere sotto pressioni per raggiungere un'intesa con noi. I nostri mercati [azionari] stanno salendo, i loro stanno collassando. Presto incasseremo miliardi [di dollari attraverso l'imposizione di] dazi e producendo prodotti a casa".

Ieri è emerso che Washington ha invitato Pechino a un nuovo round di trattative, il quinto dopo quello di agosto svoltosi nella capitale americana senza progressi. L'idea è cercare di ottenere concessioni dalla nazione asiatica prima di decidere se imporre i già ventilati dazi su importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari.

La Cina ha dato il benvenuto alla mossa americana ma i dettagli di un incontro sono ancora in via di definizione. In una intervista a Fox News, ieri Larry Kudlow, il consigliere economico di Trump, aveva detto che "in gran parte dei casi parlare è meglio di non parlare quindi vedo questo come un plus".

Tra luglio e agosto gli Usa hanno fatto scattare dazi su 50 miliardi di dollari di import cinese, a cui Pechino ha risposto con contromisure di uguale valore che sono finite per colpire anche la soia americana. Venerdì scorso Trump ha minacciato tariffe doganali per 267 miliardi in aggiunta a quelle da 200 miliardi allo studio. C'è chi comunque resta cauto, convinto che la Cina preferisca temporeggiare aspettando di vedere l'esito delle elezioni di metà mandato del prossimo novembre. Se, come sembra, il partito del presidente (quello repubblicano) perderà il controllo della Camera, Pechino potrebbe sentirsi avvantaggiata. Intanto la nazione asiatica rassicura le aziende americane, alcune delle quali si sono unite lanciando una campagna contro i dazi di Trump.

Altri Servizi
Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock