Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Il presidente americano ha deciso per la terza volta di estendere il congelamento di sanzioni draconiane contro l'Iran salvando per ora  lo storico accordo sul nucleare siglato nell'estate 2015 tra Teheran e le principali potenze mondiali, Usa inclusi. Tuttavia, Donald Trump ha avvertito i partner europei di volere migliorare l'accordo, che per lui "è il peggiore di sempre" ma che per Bruxelles sta funzionando nel rispetto delle regole. A loro ha dato un ultimatum: "Questa è l'ultima chance. In caso di un mancato raggiungimento di un'intesa, gli Usa non confermeranno di nuovo il congelamento delle sanzioni per stare nell'accordo nucleare. E se in qualsiasi momento riterrò che una simile intesa non sia a portata di mano, ritirerò immediatamente [gli Usa] dall'accordo".

Rischiando di intensificare le tensioni diplomatiche sull'asse Washinton-Bruxelles, ha dato ai partner Ue solo 120 giorni di tempo per rivedere l'intesa altrimenti gli Usa se ne tireranno fuori. Non solo. Washington ha annunciato sanzioni contro 14 entità incluso il capo della magistratura irananiana, visto come il responsabile di una repressione violenta delle manifestazioni anti-governative che ci sono state in varie città iraniane nelle ultime settimane.

E' la prima volta che Donald Trump ha deciso di non reintrodurre sanzioni da quando lo scorso ottobre disse al Congresso Usa che lo storico accordo sul nucleare non è più nell'interesse nazionale degli Stati Uniti. "La decisione dell presidente è di tenere sospese ancora una volta le sanzioni" contro Teheran, ha spiegato un funzionario della Casa Bianca durante una call con la stampa durante la quale ha aggiunto: "Questa sarà l'ultima volta che lo farà" a meno che non ottenga quello che desidera. Lo stesso funzionario ha spiegato che "Trump intende lavorare con i partner europei su un accordo supplementare, già in discussione". Ieri in una riunione capitanata dall'alto rappresentante Ue per la Politica estera e di Sicurezza, Federica Mogherini, è emersa la linea europea secondo cui "non c'è un'alternativa" all'accordo; inoltre Teheran ha spesso detto che l'intesa non si cambia.

"Trump spera ancora di ottenere delle modifiche all'accordo nucleare relative alla partecipazione degli Usa all'accordo stesso", ha continuato un altro funzionario facendo capire che Washingon vuole dal Congresso quattro cose: l'Iran deve permettere "ispezioni veloci, sufficienti e immediate in tutti i siti agli ispettori" internazionali; l'Iran "non deve arrivare al punto da essere vicino ad ottenere armi nucleari", cosa che nemmeno Barack Obama voleva e per questo è stato siglato un accordo; gli Usa devono potere reintrodurre le sanzioni nucleari "senza scadenza" se Teheran non rispetta nuovi criteri; la legislazione Usa "per la prima volta deve contenere e dire esplicitamente che consideriamo i programmi nucleare e missilistico di lungo raggio iraniani come inseparabili".

La scelta di Trump rischia di creare tensioni diplomatiche con Francia, Germania e Regno Unito e la Ue in generale, a cui ha dato 120 giorni di tempo per ritoccare l'accordo sul nucleare o raggiungerne uno separato che includa le condizioni in cui le sanzioni riscatterebbero se l'Iran non le rispettasse. Trump - che è chiamato a decidere se reintrodurre sanzioni nucleari contro l'Iran ogni 120-180 giorni - la settimana prossima dovrebbe rifiutarsi di certificare come fece a ottonre l'intesa nucleare (su cui deve pronunciarsi ogni 90 giorni). In autunno disse che "nel caso in cui non saremo in grado di raggiungere una soluzione con il Congresso e i nostri alleati, allora l'accordo sarà terminato". Con quelle parole e quel gesto diede ai legislatori Usa 60 giorni per introdurre una nuova norma ad hoc. I repubblicani al Congresso hanno scritto una bozza di legislatura che cambierebbe l'intesa eliminando le cosiddette "sunset provision", che permettono a Teheran di riprendere varie attività come l'arricchimento dell'uranio. Ma quella bozza non è andata da nessuna parte. Ora resta da vedere se e come Ue e Iran andranno avanti da soli senza gli Usa.

Washington dal canto suo crede di avere inviato un messaggio politico forte a Teheran con le sanzioni annunciate contro  14 tra individui ed entità; sono accusati di avere violato diritti umani in Iran e di aver sostenuto il programma missilistico di Teheran. Tra di loro, come detto, c'è Sadeq Larijani, l'uomo a capo della magistratura del Paese e stretto alleato dell'ayatollah Khamenei. Su questo fronte un funzionario ha spiegato: "Sappiamo che queste sanzioni avranno un impatto politico serio, che si farà sentire fino al vertice del regime".

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.