Trump: "Le Guardie della Rivoluzione iraniane sono un gruppo terroristico"

Per la prima volta, un'entità di uno Stato straniero è stata inserita nella lista nera. Il segretario di Stato, Pompeo: "L'uso del terrorismo è centrale per la politica estera del regime iraniano"
Ap

L'amministrazione Trump ha inserito le Guardie della Rivoluzione iraniane nella lista delle organizzazioni terroristiche straniere. Lo ha appena comunicato la Casa Bianca, confermando le indiscrezioni degli ultimi giorni. Per la prima volta, un'entità di uno Stato straniero è ufficialmente designata come organizzazione terroristica.

"Questa mossa manda un chiaro messaggio a Teheran: il suo sostegno al terrorismo ha serie conseguenze. Continueremo ad aumentare la pressione finanziaria e ad aumentare i costi per il regime iraniano, visto il suo sostegno alle attività terroristiche, finché non abbandonerà questo comportamento maligno e fuorilegge". Questo il commento del presidente statunitense, Donald Trump, nel comunicato stampa con cui l'amministrazione ha comunicato la sua decisione. "L'Iran non solo è uno Stato sponsor del terrorismo, ma anche che le Guardie della Rivoluzione iraniane partecipano attivamente, finanziano e promuovono il terrorismo come strumento per governare" ha detto Trump in una nota. Secondo Washington, esse sono il mezzo principale con cui il governo di Teheran "dirige e attua la campagna globale terroristica".

La mossa ha l'obiettivo di bloccare gli affari in Europa e altrove delle Guardie rivoluzionarie e di limitare la loro presenza militare in Medio Oriente. Le Guardie rivoluzionarie sono una componente delle forze armate iraniane molto vicina al governo e hanno accumulato un vasto potere economico nel Paese negli ultimi decenni. Hanno 100.000 soldati per la difesa nazionale e sono responsabili del programma missilistico iraniano; sono coinvolte nel programma nucleare e hanno avuto un ruolo fondamentale nella repressione della dissidenza. Le forze Quds, una divisione d'élite delle Guardie, si occupano di aiutare le milizie filoiraniane in Siria, Iraq e nel resto del Medio Oriente.

La decisione di Washington è stata poi commentata dal segretario di Stato, Mike Pompeo. "L'uso del terrorismo è centrale per la politica estera del regime iraniano. La designazione [come organizzazione terroristica] delle Guardie della Rivoluzione, incluse le forse Quds, aiuterà a privare il regime delle risorse per eseguire la loro distruttiva politica. La massima pressione sarà inarrestabile finché il regime iraniano non abbandonerà le sue ambizioni letali". Per Pompeo, la designazione, che entrerà in vigore tra una settimana, è "giusta". "Doveva essere fatta molto tempo fa" ha aggiunto. Il segretario di Stato ha poi dichiarato, in conferenza stampa, che "le aziende e le banche di tutto il mondo" devono tagliare i ponti con le Guardie della Rivoluzione iraniane. Teheran, ha spiegato, non è considerata più come una "sostenitrice del terrorismo", ma come una protagonista di atti terroristici.

Poi, Pompeo ha risposto a una domanda su cosa succederà alle esenzioni concesse, lo scorso novembre, dagli Stati Uniti a sette Stati (più Taiwan, non riconosciuto come tale), tra cui l'Italia, a cui è stato permesso temporaneamente di continuare ad acquistare petrolio iraniano anche dopo l'imposizione di nuove sanzioni contro Teheran. "Prenderemo una decisione a tempo debito, quando ci avvicineremo al 2 maggio". 

In una call con la stampa a commento delle relazioni tra Washington e Bruxelles, dopo l'annuncio dell'inserimento delle Guardie della Rivoluzione iraniane nella lista delle organizzazioni terroristiche, un alto funzionario statunitense ha detto: "Non è un segreto che l'Europa e gli Stati Uniti non la pensino allo stesso modo sul Jcpoa", il Joint Comprehensive Plan of Action, ovvero l'accordo sul nucleare iraniano firmato dalle principali potenze mondiali nell'estate del 2015, che l'amministrazione Trump ha deciso di abbandonare. Nonostante il differente approccio tra Ue e Usa, lo stesso funzionario ha aggiunto: "Abbiamo interessi condivisi con i nostri alleati europei, per esempio di impedire all'Iran di sostenere il terrorismo nel mondo". Secondo il funzionario, "dovremmo essere tutti d'accordo sul fatto che gli sponsor principali del terrorismo non dovrebbero essere in grado di usare il suolo europeo per le loro campagne terroristiche".

La decisione dell'amministrazione è stata fortemente sostenuta dal consigliere per la Sicurezza nazionale, John Bolton, e dal segretario di Stato, Mike Pompeo; al Pentagono, invece, c'è chi ha messo in guardia dal prendere questa decisione, come il generale dei Marine Joe Dunford, il capo dello stato maggiore congiunto delle forze armate statunitensi; il timore è che possano esserci ripercussioni negative per le forze statunitensi nella regione, senza che siano inflitti danni reali all'economia iraniana. Anche la Cia, secondo le fonti del Wall Street Journal, avrebbe espresso le proprie perplessità.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di dati e trimestrali

Attesi i dati sui sussidi e sulle vendite al dettaglio. Tra i conti, quelli di American Express
AP
AP

Nel primo trimestre del 2019, Netflix ha saputo attrarre un numero record di abbonati paganti ma le previsioni per i tre mesi in corso sono risultate deboli.

De Niro ancora contro Trump: "Abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca"

L’attore americano ha parlato al The Late Show dove ha nuovamente puntato il dito contro il presidente americano

Continua lo scontro a distanza tra Robert De Niro e Donald Trump. Ospite del The Late Show condotto da Steven Colbert, il leggendario attore newyorchese ha definito il presidente degli Stati Uniti "un aspirante gangster", "un totale perdente" e un "fesso". L’intervista, andata in onda venerdì sera, è stata in realtà registrata martedì, dunque due giorni prima della pubblicazione del rapporto sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller.

Car2go sospende il servizio a Chicago: troppi furti e frodi

Oltre 100 auto rubate nell’ultima settimana, 21 persone denunciate dalla polizia

Car2Go ha sospeso il suo servizio di car sharing a Chicago dopo aver subito il furto di decine di auto nell’ultima settimana. L’azienda ha annunciato che la sospensione è temporanea e che sta collaborando con la polizia per risolvere la questione. Come riporta il Washington Post, oltre 100 vetture sono state rubate grazie a delle iscrizioni fasulle all’app di Car2Go, fatte utilizzando carte di identità falsi associate a carte di credito rubate.

La rivista Time: Salvini tra le 100 persone più influenti al mondo

Presenti altri due italiani: lo chef Massimo Bottura e il direttore creativo della maison Valentino, Pierpaolo Piccioli. Per le sei copertine, scelti Taylor Swift, Dwayne Johnson, Sandra Oh, Nancy Pelosi, Gayle King e Mohamed Salah
AP

La cantante Taylor Swift, l'attore e wrestler Dwayne Johnson, l'attrice Sandra Oh, la speaker della Camera statunitense Nancy Pelosi, la giornalista Gayle King e il calciatore egiziano del Liverpool Mohamed Salah sono le persone scelte dalla rivista statunitense Time per le sei copertine del numero dedicato alle cento persone più influenti al mondo. La lista, stilata annualmente, comprende tre italiani: il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, inserito tra i 26 leader più influenti al mondo; lo chef Massimo Bottura, inserito tra i pionieri, e Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino, tra le icone.

Columbine, 20 anni fa la strage del liceo di Littleton

Gli Stati Uniti ricordano le vittime mentre i Dem chiedono leggi per il controllo sulle armi

Sono passati 20 anni dalla strage di Columbine, ancora oggi ricordata come uno dei più sanguinosi massacri mai avvenuti in una scuola degli Stati Uniti. Era infatti il 20 aprile 1999 quando Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 anni, entrarono nel loro liceo di Littleton - piccolo sobborgo di Denver, in Colorado - armati di pistole, fucili e bombe artigianali, e aprirono il fuoco contro i loro compagni e professori. In 23 minuti uccisero 12 studenti e un insegnante ferendo 24 persone. Poi si tolsero la vita.

Trump deride ex membri del suo staff: dichiarazioni a Mueller sono "totali stronzate"

Il presidente attacca coloro che alla fine lo hanno salvato dall'accusa di ostruzione alla giustizia (ignorando i suoi ordini). Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto Mueller completo entro l'1 maggio
Ap

All'indomani della pubblicazione del rapporto con cui, dopo 22 mesi, il procuratore speciale Robert Mueller ha messo fine al suo lavoro di inchiesta sul cosiddetto Russiagate, Donald Trump è tornato alla carica. Dopo avere festeggiato per non essere stato accusato di collusione con Mosca e di ostruzione alla giustizia, il 45esimo presidente americano ha definito "pazzo" il rapporto stesso e "totali stronzate" alcune dichiarazioni fornite a Mueller da vari testimoni.

Apple e Qualcomm mettono fine alla guerra sulle royalties: c'è accordo

Il titolo del produttore di microprocessori scatta al rialzo: il produttore dell'iPhone verserà denaro. Siglata intesa di licenza di sei anni

E' finita con un patteggiamento la sfida legale da 30 miliardi di dollari tra Apple e Qualcomm. All'indomani dell'inizio di un processo che sarebbe dovuto durare quattro settimane in un tribunale di San Diego (California), le due aziende hanno trovato un'intesa. 

Joe Biden, il vice presidente di Barack Obama, annuncerà la sua candidatura alle elezioni presidenziali americane del 2020 il prossimo mercoledì 24 aprile. E lo farà con un video. Ad anticiparlo sono state alcune fonti alla rivista The Atlantic.

Poco importa che sia disponibile gratuitamente online. Alcuni gruppi editoriali hanno deciso di pubblicare in formato libro il rapporto da 448 pagine che da ieri, 18 aprile, è disponibile in Pdf per tutti seppure con omissis. E Amazon ha deciso di lanciare un audiolibro a un prezzo ispirato a "1984", il celebre romanzo distopico di George Orwell.