Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

"Non andremo lì il 12 giugno per firmare qualcosa...daremo inizio a un processo" ha detto Trump ai giornalisti, spiegando che per raggiungere un accordo sulla denuclearizzazione serviranno diversi incontri. Si tratta di un netto cambiamento in corsa per il presidente, che più volte aveva detto di pretendere la totale rinuncia al nucleare di Pyongyang in tempi rapidi per alleviare le sanzioni contro il Paese. Gli analisti della società di consulenza politica Eurasia Group, in una nota, hanno scritto che l'abbandono della linea dura "alimenta preoccupazioni sulla possibilità che Trump non faccia abbastanza pressioni a Singapore per ottenere una chiara promessa da Kim per una denuclearizzazione completa, verificabile e irreversibile in un breve periodo di tempo".

Trump ha anche rinunciato a usare la "massima pressione" su Pyongyang, ovvero una politica caratterizzata da dure sanzioni, azioni diplomatiche e minacce militari, che a lungo ha rappresentato la pietra angolare della sua politica sulla Corea del Nord. Per Tom Collina, della fondazione contro le armi nucleari Ploughshares Fund, "Trump sta ancora facendo pressioni per la denuclearizzazione, ma ora ha un'aspettativa più realistica su quanto ci vorrà" ha detto alla Cnbc. "A condizione che la Corea del Nord non conduca test missilistici e nucleari, non c'è fretta" ha aggiunto.

Il nuovo approccio di Trump è in linea con le preferenze di Kim, che vuole un processo di denuclearizzazione lungo e graduale, a cui accompagnare delle concessioni come l'allentamento delle sanzioni e garanzie per la sicurezza del Paese e del regime. Secondo Eurasia Group, il summit del 12 giugno non servirà a produrre un accordo concreto, ma preparerà il terreno per "un lungo processo, passo per passo, per negoziare ed eseguire le promesse di entrambe le parti verso la denuclearizzazione della Corea del Nord, che risulti nella cessione di alcune, non certamente tutte, capacità nucleari da parte di Kim". Il rischio è che Trump possa poi stancarsi di un processo senza grandi risultati nell'immediato e che decida di far saltare i negoziati, nel timore di essere preso in giro da Kim.

Per Bruce Jones, vicepresidente del think tank Brookings Institution, "molto può ancora andare storto", aggiungendo che "i rischi di una guerra sono maggiori ora rispetto a prima della volontà di dar vita a un summit". "Accordo o guerra", il pericoloso bivio a cui potrebbe arrivare Trump.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.