Trump: "Mai chiesto a Comey di fermare le indagini su Flynn"

Il presidente degli Stati Uniti interviene su Twitter sul caso che coinvolge l’ex consigliere per la sicurezza nazionale
AP

Donald Trump ha smentito ancora una volta di aver chiesto all’ex capo dell’Fbi, James Comey, di interrompere le indagini sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale, Micheal Flinn, che venerd" è stato incriminato dall’Fbi per aver mentito nell’inchiesta speciale sull’ingerenza della Russia nelle ultime elezioni presidenziali americane.

Il presidente statunitense ha infatti twittato: "Non ho mai chiesto a Comey di fermare le indagini su Flynn. Sono solo altre fake news per coprire un'altra bugia di Comey". A distanza di qualche ora un altro cinguettio ha preso di mira l’attuale situazione del bureau investigativo: "Dopo anni di Comey e la disonesta indagine su Clinton, la reputazione dell'Fbi è a pezzi, la peggiore nella storia. Ma non temete, la riporteremo al suo splendore".

Subito dopo è arrivato anche il terzo tweet contro l’Fbi: "Un agente dell'Fbi anti-Trump ha guidato le indagini su Clinton. Ora tutto inizia ad aver senso". Il riferimento è all'agente dello staff del procuratore speciale, nominato per il Russiagate e recentemente allontanato per possibili messaggi anti-Trump. "Il corrotto agente dell'Fbi che ha avuto un ruolo nell'indagine sulla Clinton è ora sotto esame", ha scritto ancora il presidente americano.

Ma non è tutto perché l’immobiliarista di New York ha anche suggerito agli americani un’azione legale contro Abc: "Molti dovrebbero considerare di far causa ad Abc per i danni causati con le false e disoneste informazioni di Brian Ross che hanno fatto perdere ai mercati azionari 350 punti e causato danni per molti milioni di dollari".

Venerdì il giornalista investigativo della rete televisiva, Brian Ross, ha infatti riportato che Flynn era pronto a testimoniare contro Trump sostenendo che il tycoon gli avesse ordinato, da candidato, di mettersi in contatto con i russi. Abc ha successivamente corretto il tiro e sospeso il giornalista, precisando che le direttive del presidente sarebbero arrivate dopo l'elezione del novembre del 2016 e non durante la campagna elettorale. Le due ricostruzioni cambiano di molto la posizione di Trump e se nel primo caso mettono in evidenza possibili azioni illegali da parte dell’inquilino della Casa Bianca, nel secondo rappresentano una prassi comune per un presidente appena eletto.

In ogni caso, con questa ennesima serie di commenti appare chiara l’intenzione di Trump di attaccare in maniera diretta l’Fbi e il Dipartimento di Giustizia americano. Allo stesso modo è evidente la volontà di difendere se stesso dalle accuse che gli sono state mosse in questi mesi su possibili coinvolgimenti in prima persona nel Russiagate.

A prescindere dall’eventualità di un ruolo diretto di Trump, c’è chi non è affatto convinto che Flynn abbia agito in totale solitudine. A sostenere questa tesi è il New York Times che in un lungo articolo spiega di essere a conoscenza di alcune mail - note anche all’Fbi - che suggeriscono che Flynn non ha agito da solo. Questo nonostante la Casa Bianca lo fece passare per un traditore che aveva deliberatamente intrattenuto conversazioni con rappresentati russi,  durante la transizione dall’amministrazione Obama a quella di Trum,  mentendo poi ai suoi colleghi sul motivo di quegli incontri.

Tra le mail citate c’è quella del 29 dicembre scritta da K. T. McFarland, un'importante funzionaria che ha avuto un ruolo primario nella transizione, a una collega.  In quella corrispondenza McFarland ha sostenuto che le sanzioni contro la Russia, approvate dall’allora presidente Obama (l’espulsione dagli Usa di 35 diplomatici russi), avrebbero complicato i rapporti che Trump intendeva avere con Mosca.

Secondo quanto riporta il giornale di New York la funzionarie scrisse che Flynn - all’epoca dei fatti un privato cittadino senza alcun ruolo governativo - avrebbe parlato con l’ambasciatore russo Sergei Kislyak. In aggiunta, lo stesso articolo spiega che la funzionaria inoltrò almeno altre mail ad almeno sei collaboratori di Trump (tra cui l'allora capo dello staff Reince Priebus, il capo stratega Stephen K. Bannon e il portavoce Sean Spicer). Per cui, sebbene non ci siano prove del fatto che Trump fosse a conoscenza di cosa si dissero Flynn e Kislyak in quegli incontri, ci sono diverse evidenze che fanno pensare che il consigliere alla sicurezza non ha agito da solo e che diversi funzionari sapessero delle sue attività con i russi.

Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Melania torna a casa dopo l'intervento, Trump l’accoglie sbagliando il suo nome su Twitter

Il presidente americano la chiama Melanie. L’errore, subito corretto, non è passato inosservato agli utenti della rete

Un errore dovuto, molto probabilmente, ad una disattenzione nella digitazione. Fatto sta che il benvenuto di Donald Trump alla moglie Melania, rientrata a casa dopo il ricovero ospedaliero, è stato preda di sfottò e battute varie ai danni del presidente americano che su Twitter ha sbagliato il nome della First Lady chiamandola "Melanie".

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street, investitori innervositi da Trump

Il presidente Usa non contento delle trattative commerciali con la Cina. Possibile un rinvio del summit con Kim
iStock

Musk promette corse da 1 dollaro alla velocità di 160 km/h nei tunnel Loop

L'uomo a capo di Booring Company, oltre che di Tesla e SpaceX, cerca il sostegno della comunità di Los Angeles

Mentre vuole rivoluzionare il settore auto con una vettura elettrica a marchio Tesla pensata per il mercato di massa (la Model 3) e mentre vuole portare in orbita gli esseri umani entro l'anno con la sua SpaceX, Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli di un altro progetto - a dir poco ambizioso - legato a un'altra azienda di sua proprietà, la Boring Company. Il miliardario vuole creare tunnel sotterranei a Los Angeles per risolvere il problema del traffico nella città californiana.