Trump: "Mai chiesto a Comey di fermare le indagini su Flynn"

Il presidente degli Stati Uniti interviene su Twitter sul caso che coinvolge l’ex consigliere per la sicurezza nazionale
AP

Donald Trump ha smentito ancora una volta di aver chiesto all’ex capo dell’Fbi, James Comey, di interrompere le indagini sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale, Micheal Flinn, che venerd" è stato incriminato dall’Fbi per aver mentito nell’inchiesta speciale sull’ingerenza della Russia nelle ultime elezioni presidenziali americane.

Il presidente statunitense ha infatti twittato: "Non ho mai chiesto a Comey di fermare le indagini su Flynn. Sono solo altre fake news per coprire un'altra bugia di Comey". A distanza di qualche ora un altro cinguettio ha preso di mira l’attuale situazione del bureau investigativo: "Dopo anni di Comey e la disonesta indagine su Clinton, la reputazione dell'Fbi è a pezzi, la peggiore nella storia. Ma non temete, la riporteremo al suo splendore".

Subito dopo è arrivato anche il terzo tweet contro l’Fbi: "Un agente dell'Fbi anti-Trump ha guidato le indagini su Clinton. Ora tutto inizia ad aver senso". Il riferimento è all'agente dello staff del procuratore speciale, nominato per il Russiagate e recentemente allontanato per possibili messaggi anti-Trump. "Il corrotto agente dell'Fbi che ha avuto un ruolo nell'indagine sulla Clinton è ora sotto esame", ha scritto ancora il presidente americano.

Ma non è tutto perché l’immobiliarista di New York ha anche suggerito agli americani un’azione legale contro Abc: "Molti dovrebbero considerare di far causa ad Abc per i danni causati con le false e disoneste informazioni di Brian Ross che hanno fatto perdere ai mercati azionari 350 punti e causato danni per molti milioni di dollari".

Venerdì il giornalista investigativo della rete televisiva, Brian Ross, ha infatti riportato che Flynn era pronto a testimoniare contro Trump sostenendo che il tycoon gli avesse ordinato, da candidato, di mettersi in contatto con i russi. Abc ha successivamente corretto il tiro e sospeso il giornalista, precisando che le direttive del presidente sarebbero arrivate dopo l'elezione del novembre del 2016 e non durante la campagna elettorale. Le due ricostruzioni cambiano di molto la posizione di Trump e se nel primo caso mettono in evidenza possibili azioni illegali da parte dell’inquilino della Casa Bianca, nel secondo rappresentano una prassi comune per un presidente appena eletto.

In ogni caso, con questa ennesima serie di commenti appare chiara l’intenzione di Trump di attaccare in maniera diretta l’Fbi e il Dipartimento di Giustizia americano. Allo stesso modo è evidente la volontà di difendere se stesso dalle accuse che gli sono state mosse in questi mesi su possibili coinvolgimenti in prima persona nel Russiagate.

A prescindere dall’eventualità di un ruolo diretto di Trump, c’è chi non è affatto convinto che Flynn abbia agito in totale solitudine. A sostenere questa tesi è il New York Times che in un lungo articolo spiega di essere a conoscenza di alcune mail - note anche all’Fbi - che suggeriscono che Flynn non ha agito da solo. Questo nonostante la Casa Bianca lo fece passare per un traditore che aveva deliberatamente intrattenuto conversazioni con rappresentati russi,  durante la transizione dall’amministrazione Obama a quella di Trum,  mentendo poi ai suoi colleghi sul motivo di quegli incontri.

Tra le mail citate c’è quella del 29 dicembre scritta da K. T. McFarland, un'importante funzionaria che ha avuto un ruolo primario nella transizione, a una collega.  In quella corrispondenza McFarland ha sostenuto che le sanzioni contro la Russia, approvate dall’allora presidente Obama (l’espulsione dagli Usa di 35 diplomatici russi), avrebbero complicato i rapporti che Trump intendeva avere con Mosca.

Secondo quanto riporta il giornale di New York la funzionarie scrisse che Flynn - all’epoca dei fatti un privato cittadino senza alcun ruolo governativo - avrebbe parlato con l’ambasciatore russo Sergei Kislyak. In aggiunta, lo stesso articolo spiega che la funzionaria inoltrò almeno altre mail ad almeno sei collaboratori di Trump (tra cui l'allora capo dello staff Reince Priebus, il capo stratega Stephen K. Bannon e il portavoce Sean Spicer). Per cui, sebbene non ci siano prove del fatto che Trump fosse a conoscenza di cosa si dissero Flynn e Kislyak in quegli incontri, ci sono diverse evidenze che fanno pensare che il consigliere alla sicurezza non ha agito da solo e che diversi funzionari sapessero delle sue attività con i russi.

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Ge: 12mila esuberi nella divisione Power

Obiettivo: tagliare i costi di un miliardo di dollari nel 2018

La divisione di General Electric dedicata alle attività energetiche intende tagliare 12.000 posti di lavoro, di cui 1.100 nel Regno Unito, con l'intento di ridurre i costi di un miliardo di dollari nel 2018. La decisione della conglomerata americana, che secondo gli analisti era da tempo necessaria, colpirà professionisti e addetti alla produzione. Il numero di esuberi corrisponde al 20% circa della forza lavoro della divisione che produce turbine per impianti energetici a carbone e a gas.

Lo spettro di molestie sessuali arriva anche a Wall Street

Morgan Stanley licenzia un advisor, ex deputato a Washington, per "condotta inopportuna" nei confronti di una donna. Si tratta di Harold Ford Jr
iStock

Dopo Hollywood, Capitol Hill e la Silicon Valley, anche a Wall Street si solleva lo spettro di molestie sessuali. Morgan Stanley ha subito licenziato un advisor di alto livello dopo che una donna si è lamentata di una sua condotta inappropriata e giudicata dalla banca come "non in linea ai nostri valori e in violazione delle nostre politiche.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Trump Jr. chiese a un'avvocata russa le prove contro la fondazione Clinton

La legale, Natalia Veselnitskaya, lo ha detto alla commissione Giustizia del Senato. Negli Stati Uniti, sono in corso le indagini sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami tra Mosca e lo staff di Donald Trump

L'avvocata russa presente all'incontro alla Trump Tower, il 9 giugno 2016, con i massimi responsabili della campagna elettorale del candidato repubblicano ha dichiarato che il figlio dell'attuale presidente statunitense, Donald Trump Jr., le chiese se avesse le prove di donazioni illegali alla Clinton Foundation. L'avvocata, riporta Nbc News, ha risposto alle domande che la commissione Giustizia del Senato le ha presentato per iscritto.

Trump Jr. agli investigatori: "Non parlo della conversazione con mio padre"

In commissione Intelligence della Camera, ha invocato il diritto alla riservatezza garantito nel rapporto tra cliente e avvocato, visto che parteciparono, oltre a padre e figlio, anche i rispettivi legali
AP

Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente statunitense Donald Trump, si è rifiutato di discutere con gli investigatori del Congresso di una conversazione con il padre, a proposito delle rivelazioni sul suo incontro con un'avvocata russa durante la scorsa campagna elettorale. Lo hanno riferito alcune fonti al Wall Street Journal.

Da gennaio Trump tornerà a promuovere piano infrastrutturale

Prevede 200 miliardi di dollari di fondi federali e 800 miliardi di investimenti privati su scala statale e municipale
iStock

Non ha ancora portato a casa la riforma fiscale, che già Donald Trump pensa a rilanciare un piano infrastrutturale promesso ancora prima della sua vittoria alle elezioni presidenziali del novembre 2016. Lo riferisce la stampa americana citando funzionari della Casa Bianca; la proposta dovrebbe prevedere spese federali per 200 miliardi di dollari, pensate per innescare investimenti da parte del settore privato a livello statale e municipale per altri 800 miliardi di dollari. Il valore complessivo da mille miliardi di dollari è quello che Trump, già da candidato, disse che avrebbe realizzato nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Così non è stato, visto che poi il Gop si è concentrato (inutilmente) sull'abrograzione della riforma sanitaria voluta da Barack Obama e ora è alle prese con una riforma fiscale che spera di realizzare entro Natale.