Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Accogliendo Moon Jae-in alla Casa Bianca, il leader Usa ha nuovamente sparigliato le carte. Forse per fare capire a Pyongyang che non vuole farsi prendere in giro, Trump ha detto che ci sono "considerevoli possibilità" che l'incontro storico con Kim Jong Un non si verifichi nella tempistica prevista. "Questo non significa che la cosa non funzionerà in un certo arco temporale". Insomma, il 45esimo Commander in chief potrebbe prendere tempo anche perché esige il rispetto di "determinate condizioni" per il summit. Se l'incontro non ci sarà il 12 giugno, "potrebbe esserci più avanti".

L'autore de "The Art of the Deal" - un libro scritto negli anni '80 - ha però teso la mano a Kim. A lui ha promesso protezione in cambio di una denuclearizzazione del suo Paese, che "sarebbe meglio" se si verificasse in un "colpo solo". Peccato che Pyongyang abbia bocciato un "abbandono nucleare unilaterale", figuriamoci un modello libico della denuclearizzazione ventilato dal 'falco' Jon Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale di Trump. Per questo Trump ha fatto capire che Kim sarà al sicuro e non farà la fine di Muammar Gheddafi.

Facendo eco al motto della sua campagna elettorale (Make America Great Again), Trump ha affermato che tra 25 anni Kim sarà "molto orgoglioso" di quanto fatto per il suo Paese se alla fine un accordo verrà siglato. E solleticando il forte bisogno di finanziamenti in una Corea del Nord messa in ginocchio dalle sanzioni internazionali, Trump ha spiegato che "Corea del Sud, Cina e Giappone sono disposti ad aiutare e, credo, a investire un ammontare molto alto di denaro per rendere la Corea del Nord grandiosa". Il suo Paese, ha continuato facendo riferimento a Kim, "sarà ricco".

Il fatto che Trump abbia messo in dubbio la tempistica del suo vertice con Kim contrasta non solo con quanto detto ore prima da Chung Eui-yong, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente sudcoreano ("Crediamo che al 99,9%" il summit Trump-Kim ci sarà) ma anche con quanto fatto capire fino ad ora dalla Casa Bianca. Almeno formalmente.

Il presidente americano è tornato a insinuare che il presidente cinese Xi Jinping - un "player di poker di prima classe" - abbia avuto un ruolo nel ritorno di Pyongyang a una retorica dura. "Non posso dire di essere contento" del secondo incontro in due mesi avvenuto in Cina l'8 maggio scorso tra Kim e il presidente cinese Xi Jinping. "Forse nulla è successo. Forse fare le stesse cose se fossi Xi", ha detto il leader Usa. Eppure Trump crede che il leader nordcoreano sia "serio" sul summit in via di definizione. Lo dimostra il fatto che abbia liberato tre cittadini Usa.

Dopo l'avvertimento arrivato da Washington a Pyongyang, il lavoro diplomatico torna nelle mani di Moon, da sempre disposto a una riappacificazione tra le due Coree. Stando a quanto detto da Trump, lui e Kim si incontreranno presto dopo il loro incontro storico di fine aprile. "Sta a loro" discutere di una potenziale riunificazione delle due Coree ma per il presidente Usa i colloqui su questo tema potranno avvenire in futuro, "non ora".

Altri Servizi

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones chiude l'ottava seduta in perdita
iStock

Pompeo avverte l'Iran sul nucleare: "Speriamo che la forza militare non sia mai necessaria"

Gli Stati Uniti, che hanno abbandonato l'accordo sul nucleare firmato da Obama, continuano a minacciare Teheran: "A prescindere dal destino dell'intesa, non sarebbe nel loro interesse sviluppare armi nucleari"
Ap

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Corte Suprema Usa: serve un mandato per 'seguire' i telefoni cellulari

Vittoria per i difensori della privacy. Il massimo tribunale, chiamato a esprimersi sul caso di un uomo condannato grazie alle informazioni sulle celle telefoniche, ha deciso che è necessario l'ok di un giudice per poter 'spiare' per un lungo periodo

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock