Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Accogliendo Moon Jae-in alla Casa Bianca, il leader Usa ha nuovamente sparigliato le carte. Forse per fare capire a Pyongyang che non vuole farsi prendere in giro, Trump ha detto che ci sono "considerevoli possibilità" che l'incontro storico con Kim Jong Un non si verifichi nella tempistica prevista. "Questo non significa che la cosa non funzionerà in un certo arco temporale". Insomma, il 45esimo Commander in chief potrebbe prendere tempo anche perché esige il rispetto di "determinate condizioni" per il summit. Se l'incontro non ci sarà il 12 giugno, "potrebbe esserci più avanti".

L'autore de "The Art of the Deal" - un libro scritto negli anni '80 - ha però teso la mano a Kim. A lui ha promesso protezione in cambio di una denuclearizzazione del suo Paese, che "sarebbe meglio" se si verificasse in un "colpo solo". Peccato che Pyongyang abbia bocciato un "abbandono nucleare unilaterale", figuriamoci un modello libico della denuclearizzazione ventilato dal 'falco' Jon Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale di Trump. Per questo Trump ha fatto capire che Kim sarà al sicuro e non farà la fine di Muammar Gheddafi.

Facendo eco al motto della sua campagna elettorale (Make America Great Again), Trump ha affermato che tra 25 anni Kim sarà "molto orgoglioso" di quanto fatto per il suo Paese se alla fine un accordo verrà siglato. E solleticando il forte bisogno di finanziamenti in una Corea del Nord messa in ginocchio dalle sanzioni internazionali, Trump ha spiegato che "Corea del Sud, Cina e Giappone sono disposti ad aiutare e, credo, a investire un ammontare molto alto di denaro per rendere la Corea del Nord grandiosa". Il suo Paese, ha continuato facendo riferimento a Kim, "sarà ricco".

Il fatto che Trump abbia messo in dubbio la tempistica del suo vertice con Kim contrasta non solo con quanto detto ore prima da Chung Eui-yong, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente sudcoreano ("Crediamo che al 99,9%" il summit Trump-Kim ci sarà) ma anche con quanto fatto capire fino ad ora dalla Casa Bianca. Almeno formalmente.

Il presidente americano è tornato a insinuare che il presidente cinese Xi Jinping - un "player di poker di prima classe" - abbia avuto un ruolo nel ritorno di Pyongyang a una retorica dura. "Non posso dire di essere contento" del secondo incontro in due mesi avvenuto in Cina l'8 maggio scorso tra Kim e il presidente cinese Xi Jinping. "Forse nulla è successo. Forse fare le stesse cose se fossi Xi", ha detto il leader Usa. Eppure Trump crede che il leader nordcoreano sia "serio" sul summit in via di definizione. Lo dimostra il fatto che abbia liberato tre cittadini Usa.

Dopo l'avvertimento arrivato da Washington a Pyongyang, il lavoro diplomatico torna nelle mani di Moon, da sempre disposto a una riappacificazione tra le due Coree. Stando a quanto detto da Trump, lui e Kim si incontreranno presto dopo il loro incontro storico di fine aprile. "Sta a loro" discutere di una potenziale riunificazione delle due Coree ma per il presidente Usa i colloqui su questo tema potranno avvenire in futuro, "non ora".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Dimissioni o licenziamento. Per ora, i media statunitensi non concordano sul modo, ma a quanto pare solo sul risultato: Rod Rosenstein non sarà più il vicesegretario alla Giustizia statunitense. Ore dopo indiscrezioni contrastanti, è arrivata la notizia che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, incontrerà Rosenstein, giovedì, a Washington. Lo ha reso noto la Casa Bianca. 

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Le accuse contro il giudice Brett Kavanaugh sono "totalmente politiche". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando dell'uomo da lui nominato per la Corte Suprema, accusato di tentato stupro da una donna e ora anche di molestie da un'altra donna.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

L'idea del governo è di "fare una manovra per favorire la crescita del Paese" mantenendo "una traiettoria discendente del debito". Ne è convinto il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, escludendo che siano "mai state sollevate minacce al ministero dell'Economia" e chiedendo alla Ue un maggiore impegno sia in tema di migranti sia di Libia.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap