Trump non nominerà John Ratcliffe a capo dell'Intelligence

Sulla decisione del tycoon hanno pesato le critiche di Repubblicani e Democratici che hanno accusato il deputato repubblicano di aver gonfiato il proprio curriculum

Donald Trump ha annunciato che non nominerà John Ratcliffe come direttore dell'Intelligence americana al posto di Dan Coats, che invece lascerà il posto il 15 agosto prossimo dopo numerose divergenze con il presidente statunitense. Strenuo sostenitore di Trump, Ratcliffe è un deputato della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Texas nonché membro della commissione Giustizia della Camera. Come sottolinea un articolo del Wall Street Journale, recentemente si è distinto per la difesa di Trump durante la deposizione del procuratore speciale Robert Mueller.

Differentemente da quanto aveva dichiarato in precedenza, Trump ha dovuto rinunciare alla sua nomina a capo degli 007 dopo le numerose critiche ricevute soprattutto dai Democratici che considerano Ratcliffe "persona di parte e senza esperienza nel settore". Come sottolinea il New York Times sono stati diversi i senatori, tanto tra i repubblicani che tra i democratici, che nell'ultima settimana hanno puntato il dito contro le sue scarse competenze accusandolo addirittura di aver inserito informazioni false nel suo curriculum.

Il passo indietro di Trump è arrivato, inevitabilmente, attraverso una dichiarazione via Twitter: "Il nostro grande deputato John Ratcliffe è stato trattato molto ingiustamente dai media, sarebbe andato incontro a mesi di calunnie e diffamazioni, sarebbe stato avvilente per lui e la sua famiglia trattare con queste persone", ha cinguettato l’inquilino della Casa Bianca. "John ha quindi deciso di stare in Congresso dove ha fatto uno straordinario lavoro rappresentando la gente del Texas e il nostro Paese", ha aggiunto Trump che nei prossimi giorni (o ore) dovrebbe dare l’annuncio della nuova nomina.

Subito dopo la notizia diffusa da Trump sono arrivate le parole del diretto interessato. "Anche se sono e rimarrò molto grato al Presidente per la sua intenzione di nominarmi direttore della National Intelligence, sto ritirando la mia candidatura. Sono stato onorato che il Presidente volesse affidarsi a me per guidare le operazioni di intelligence della nostra Nazione e resto convinto che, una volta confermato, l'avrei fatto con l'obiettività, l'equità e l'integrità di cui le nostre agenzie di intelligence hanno bisogno e meritano", si legge nella nota diffusa da Ratcliffe.

"Tuttavia, non desidero che un dibattito sulla sicurezza e l'intelligence nazionale intorno alla mia conferma, per quanto falso, diventi una questione puramente politica e di parte. Il paese che amiamo merita che sia trattato come una questione americana. Di conseguenza, ho chiesto al Presidente di nominare qualcuno diverso da me per questa posizione", ha aggiunto Ratcliffe.

Altri Servizi
iStock

HP dice addio a colui che era suo Ceo dal 2015, quando la vecchia Hewlett-Packard fu scorporata in due aziende (l'altra si chiama Hewlett Packard Enterprise e offre servizi IT e vende server).

Hasbro compra il proprietario di Peppa Pig per 4 miliardi di dollari

Il produttore di giocattoli si rafforza con Entertainment One, con quartier generale a Toronto ma quotato a Londra. Dividendo intatto. Stop al buyback
Entertainment One

Il produttore americano di giocattoli Hasbro ha trovato un accordo per comprare Entertainment One, gruppo quotato a Londra che produce contenuti per bambini e adulti, per 3,3 miliardi di sterline. Monopoly, Play-Doh, Power Rangers e Transformers accolgono quindi sotto il loro tetto Peppa Pig, PJ Masks e Ricky Zoom.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Wall Street, attesa per il summit della Fed a Jackson Hole

Il governatore Jerome Powell parlerà domani
AP

Scomparso Andrea Zamperoni, capo chef di Cipriani Dolci a New York

 L'uomo, italiano, 33 anni, è irrintracciabile da sabato notte

Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Wall Street rimbalza con il settore retail

Le minute della Fed: rotta tassi non è predefinita
AP