Trump: "non sono pronto" a un accordo con Cina. Fed tagli i tassi dell'1%

Non è escluso che il round di negoziati previsto a Washington a inizio settembre sia cancellato
Ap

Il presidente americano ha sferzato un doppio colpo che ha mandato in tilt i mercati finanziari. Donald Trump ha detto di non essere pronto a siglare un accordo commerciale con la Cina. Ed è tornato a criticare la Federal Reserve per "ammanettare" l'economia americana, chiedendo un taglio dei tassi di un punto percentuale.

Parlando alla stampa prima di lasciare la Casa Bianca per recarsi negli Hamptons, la località esclusiva di mare di New York dove è prevista una raccolta fondi, il leader Usa ha detto: "Non sono pronto" a un accordo.

"E' ora che qualcuno faccia qualcosa" per fermare le pratiche sbagliate della nazione asiatica, nuovamente accusata di svalutare la sua divisa per avvantaggiarsi nei confronti dei partner commerciali.

Trump ha rivendicato la bontà dei dazi imposti contro la Cina, fino ad ora pari al 25% su 250 miliardi di dollari di importazioni cinesi. "I dazi sono fantastici. Abbiamo guadagnato miliardi di dollari. Stiamo riportando ordine nel sistema. Noi stiamo andando bene".

Secondo Trump, le trattative procedono ma sono gli Usa a essere in una posizione di vantaggio. Il presidente ha lasciato intendere che il prossimo round di negoziati previsto nella capitale americana a inizio settembre potrebbe essere cancellato. Quello precedente c'è stato a Shanghai il 30-31 luglio scorso ma per Trump non ha portato ai progressi sperati visto che l'1 agosto ha annunciato nuovi dazi del 10% su 300 miliardi di dollari. Entreranno in vigore l'1 settembre. E quando il 6 agosto lo yuan è sceso sui minimi del 2008 contro il dollaro, Washington ha bollato Pechino come un "manipolatore di valuta".

Trump ha confermato che gli Usa non faranno business con Huawei ma le cose potrebbero cambiare nel caso di un accordo commerciale con la Cina.

Altri Servizi

Wall Street, i riflettori restano sull'accordo Usa-Cina

Segnali contrastanti, ma c'è chi assicura che ci sarà un'intesa prima di Natale
AP

L’Italia è nuovamente protagonista della 39esima edizione del Private Label Trade Show che si tiene dal 18 al 19 novembre 2019 presso il Donald E. Stephens Convention Center di Rosemont, alla periferia di Chicago, nell’Illinois. La manifestazione, conosciuta anche come PLMA, dal nome dell’associazione che la organizza, è dedicata ai prodotti a marchio privato, o private label, ed è la più grande nel suo genere negli Stati Uniti.

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.

Impeachment Trump, in settimana attesa l'udienza di Sondland

Il presidente Usa su Twitter: "Considererò l'ipotesi di testimoniare" presentata dalla speaker Pelosi
Ap

Otto funzionari statunitensi testimonieranno pubblicamente, questa settimana, davanti alla commissione Intelligence della Camera, nell'ambito delle indagini che potrebbero condurre all'impeachment del presidente Donald Trump. La più attesa della seconda settimana di udienza pubbliche è quella di Gordon Sondland, ricco donatore di Trump divenuto ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, che risponderà alle domande dei membri della commissione mercoledì 20 novembre.

Fed, Trump: incontro "molto buono e cordiale" con Powell

Presidente Usa e governatore Fed hanno parlato alla Casa Bianca
AP

Si è appena concluso, alla Casa Bianca, un incontro tra Donald Trump e il governatore della Fed, Jerome Powell, definito dal presidente degli Stati Uniti "molto buono e cordiale". Su Twitter, Trump ha scritto che al centro del dialogo ci sono stati "i tassi d'interesse, la bassa inflazione, la forza del dollaro, il commercio con la Cina e l'Unione europea".

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP

‘Tutto molto bene’. Trump rassicura sul suo stato di salute dopo la visita all’ospedale

Presidente si era recato ieri all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center, per esami medici "di routine".
Ap

‘Tutto molto bene’. Cosi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto rassicurare gli americani sulle sue condizioni di salute dopo una visita a sorpresa all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".