Trump presenta la settimana del "Made in America"

Eventi e conferenze alla Casa Bianca anche se la maggior parte dei suoi marchi producono all'estero

Il presidente americano Donald Trump ha appena presentato la settimana "Made in America" alla Casa Bianca per promuovere prodotti realizzati negli Stati Uniti. Questo anche se la maggior parte della sue aziende producono all'estero. Seguendo le promesse fatte nel corso della campagna elettorale, l'amministrazione metterà in evidenza la produzione americana.

Si inizia lunedì con una esposizione di prodotti in Made in America, dall'artigianato a oggetti creati in ognuno dei 50 stati. Il presidente prevede di rilasciare una dichiarazione mercoledì e di fornire osservazioni sull'importanza di produrre negli Stati Uniti. Sabato invece Trump si reca a Norfolk, in Virginia, per assistere al varo del USS Gerald R. Ford, una nave di nuova generazione a motore nucleare.

"Questa settimana l'amministrazione Trump onorerà gli incredibili lavoratori americani e le aziende che producono in America", ha detto il direttore dei rapporti con i media della Casa Bianca, Helen Ferre, aggiungendo che l'America imposta "lo standard mondiale per la qualità e l'artigianalità".

Ma, fa notare il Washingon Post che già venerdì aveva pubblicato un lungo reportage su come le aziende di Ivanka Trump producessero quasi solo all'estero, Trump ha fatto una fortuna producendo fuori dafli Stati Uniti. Per anni il suo impero ha fatto affidamento su aziende ricollegabili a una decina di paesi, tra cui il Bangladesh, la Cina e il Messico, per produrre i suoi vestiti e gli atri accessori. 

I giornalisti presenti alla presentazione del programma di Made in America hanno chiesto a Ferre se in qualche modo Trump e sua figlia si impegnaranno a produrre di più negli Stati Uniti. "ve lo faremo sapere", ha risposto Ferre.

Altri Servizi

Google licenzia dipendente sessista, WikiLeaks gli offre un lavoro

Per il fondatore del sito, Julian Assange, "La censura è per perdenti"

WikiLeaks ha offerto un posto di lavoro al dipendente licenziato da Google per avere "perpetrato stereotipi di genere" con un memo in cui sosteneva che le donne non erano fatte per diventare ingegneri e per assumere ruoli di leadership nel mondo tech.

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

Cbs

Grazie al sequel di "Twin Peaks", la celebre serie tv degli anni '90 centrata su un'agente dell'Fbi impegnato a capire chi ha ucciso Laura Palmer, e ai tornei maschili di basket della National Collegiate Athletic Association, il gruppo media Cbs ha chiuso un trimestre con conti superiori alle stime degli analisti.

Wall Street rallenta dopo i record, preoccupa la Nord Corea

Notizie dal fronte macroeconomico e petrolifero. Poche le trimestrali.
Shutterstock

Termine "climate change" censurato al dipartimento dell'Agricoltura Usa

Il Guardian ha ottenuto email che dimostrano il cambiamento di linguaggio

Dopo che Donald Trump ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti dallo storico accordo di Parigi sul cambiamento climatico, allo staff del dipartimento americano dell'Agricoltura è stato chiesto di "evitare" di usare il termine "climate change"; al suo posto è meglio che si usi "clima estremo". E' quanto emerso da una serie di email ottenute dal Guardian e scambiate dai dipendenti del Natural Resources Conservation Service, una divisione del dipartimento dell'Agricoltura preposta a preservare terreni agricoli.

Trump: nostro arsenale nucleare mia così potente, speriamo di non doverlo usare

Il presidente Usa risponde all'ultima minaccia giunta dalla Corea del Nord. Tillerson difende linguaggio del leader Usa: Kim non comprende quello diplomatico. Guam pronta a difendersi: un attacco contro di noi è un'attacco all'America
Ap

Donald Trump continua ad alimentare la tensione con il regime norcoreano di Kim Jong-un. Con le parole. In un tweet, il presidente Usa ha scritto: "Il mio primo ordine da presidente è stato rinnovare e modernizzare il nostro arsenale nucleare. Ora è più forte e più potente come non mai". Trump ha poi aggiunto: "Speriamo di non doverlo mai utilizzare ma non ci sarà mai un momento in cui noi non saremo la nazione più potente al mondo!".

Netflix: la sua prima acquisizione è un editore di fumetti

Il fumettista Millar, a capo di Millarworld, considerato come "la cosa più vicina allo Stan Lee moderno"
millarworld

Per la prima volta nei suoi 20 anni, Netflix ha annunciato un'acquisizione. Si tratta di Millarworld, editore di fumetti fondato e guidato dallo scozzese Mark Millar, definito dal sito di video in streming come il "creatore leggendario" di personaggi che hanno ispirato film di successo come "The Avengers" e "Logan".

Corea del Nord risponde alle minacce di "fuoco e furia" di Trump

Il regime di Kim Jong-un sta valutando se attaccare Guam, un'isola nel Pacifico
AP

Mentre la Corea del Nord si avvicina sempre di più alla 'linea rossa' tracciata da Donald Trump, il presidente americano ha lanciato un avvertimento: è meglio che Pyongyang "non faccia più minacce" agli Stati Uniti perché altrimenti a quelle minacce Washington risponderà con "il fuoco e la furia". Qualche ora dopo il regime di Kim Jong-un ha risposto con un'altra minaccia: un attacco a Guam, isola nell'Oceano Pacifico occidentale e che ha uno statuto di territorio incorporato degli Usa. E' bene che l'America di Trump "non si penta della giornata odierna in futuro", ha fatto sapere il regime guardando a un'isola di 544 Km quadrati di cui un terzo sono coperti da una base militare Usa dove lavorano 6mila americani. Per Pyongyang è un target logico: da Guam due caccia Usa all'inizio della settimana erano partiti per unirsi a quelli sudcoreani e giapponesi per una missione sulla penisola coreana. E da là a luglio erano partiti dopo due test missilistici balistici intercontinentali della Corea del Nord.

Walt Disney svela nuovi servizi in streaming e divorzia da Netflix

Il gruppo punta sui video online. Aumenta la quota in un gruppo specializzato nella tecnologia video. Il Ceo: al via "strategia di crescita completamente nuova". Ricavi trimestrali deludenti
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con ricavi deludenti, Walt Disney ha fatto capire di volere accaparrarsi una fetta del mercato dei video in streaming. Per questo il colosso americano dell'intrattenimento ha annunciato il suo divorzio da Netflix.

Dieci anni fa l'inizio della crisi, oggi mercati compiaciuti?

Il 9 agosto del 2007 la francese BNP Paribas congelò tre fondi composti da bond garantiti da mutui Usa. La bolla subprime stava per esplodere
AP

Anche a Wall Street viene ricordato il decimo anniversario di un episodio che ha segnato l'inizio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso. Il 9 agosto del 2007 la francese BNP Paribas congelò tre fondi composti da bond garantiti da mutui Usa spiegando che valutarli era diventato impossibile a causa della scarsità di trading di quei bond; la banca citò una "evaporazione completa della liquidità". Da lì iniziò una crisi nel settore immobiliare americano che ben pochi avevano previsto. Solo qualche mese prima l'allora governatore della Federal Reserve, Ben Bernanke, disse che gli eccessi nella concessione di mutui subprime non dovevano essere "contenuti".