Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

Con l'ordine esecutivo, il presidente permetterà la vendita di piani assicurativi che non dovranno rispettare, appunto, alcune regole imposte dall'Affordable Care Act, la riforma che i repubblicani non sono riusciti ad abrogare. Per questo, Trump ha deciso di agire da solo per indebolirla. "Questo non costerà praticamente nulla al governo statunitense, ma la gente avrà una grande, grande assistenza sanitaria. Creeremo una competizione eccezionale e si abbasseranno i prezzi". Il presidente ha poi annunciato che ci saranno altri provvedimenti nei prossimi mesi per modificare l'Obamacare. 

Secondo i democratici, i cambiamenti apportati da Trump, con l'aiuto, tra gli altri, del senatore Rand Paul, creeranno delle nuove opzioni più economiche per i ricchi, facendo invece aumentare i costi per i malati e destabilizzando il mercato delle assicurazioni creato dall'Obamacare.

Molti dei dettagli non sono stati ancora resi noti, ma ci sono tre grandi cambiamenti da segnalare, volti a permettere a un maggior numero di persone di comprare una polizza al di fuori dei mercati creati dalla riforma di Obama. Con l'ordine esecutivo, Trump amplierà l'accesso ai piani sanitari in associazione, grazie a cui i piccoli datori di lavoro dello stesso settore potranno unirsi per acquistare collettivamente le polizze assicurative da offrire ai lavoratori, al di fuori dei mercati creati dall'Obamacare, conquistando così un maggior potere d'acquisto e l'accesso a polizze meno costose. Potranno inoltre acquistarle in Stati diversi da quelli di residenza, scegliendo magari quelle più economiche e che assicurano una copertura minore, come succedeva prima della riforma di Obama.

Inoltre, l'amministrazione statunitense allungherà l'accesso alle polizze di breve periodo, che non costano molto, ma che non offrono una grande copertura; per ora, è possibile averne una solo per tre mesi, ma in futuro il limite tornerà a essere di un anno, come prima dell'Obamacare.

Inoltre, sarà ampliato l'uso di fondi finanziati dai datori di lavoro, che ricevono sgravi fiscali, per aiutare i lavoratori a pagare le spese dell'assicurazione sanitaria. Nessuno dei cambiamenti annunciati entrerà subito in vigore, perché prima serviranno nuove regole da parte dei dipartimenti del Lavoro, della Salute e del Tesoro.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft