Trump promette agli agricoltori Usa un Nafta migliore ma negoziati "non facili"

A fine mese nuovo round di trattative a Montreal. Il presidente promette di portare la banda larga nelle aree rurali della nazione

Il presidente americano ha usato il suo discorso di ieri agli agricoltori americani per ribadire la sua intenzione di migliorare l'accordo di libero scambio tra Usa, Messico e Canada, per sottolineare ancora una volta i benefici della riforma fiscale da lui firmata prima di Natale, per vantare la sua opera di deregulation e per promettere l'accesso alla banda larga anche nelle aree più rurali dell'America.

Durante la convention annuale dell'organizzazione no-profit American Farm Bureau Federation a Nashville, Tennessee, Trump ha detto che sta "lavorando molto sodo" per un accordo di libero scambio "migliore" tra Washington, Città del Messico e Ottawa. Il Nafta "è oggetto di negoziato". Criticando i due partner commerciali, Trump ha aggiunto: "Non è la più facile delle trattative ma renderemo giusta l'intesa". 

E' certamente quello che gli agricoltori Usa sperano e su cui stanno lavorando con una intensa attività di lobby. Lo hanno fatto capire due ex legislatori ora a capo di una organizzazione no-profit che promuove il libero scambio nell'agricoltura. Il democratico Max Baucus e il repubblicano Richard Lugar, co-presidenti della Farmers for Free Trade, hanno avvertito che un ritiro degli Usa dal Nafta equivarrebbe all'imposizione di nuove tassi sugli operatori del settore. Secondo loro, gli agricoltori americani soffrirebbero di ritorsioni se Washington imporrà dazi sui suoi partner commerciali. Per i due, gli agricoltori Usa sono già svantaggiati dal ritiro degli Usa dall'accordo di libero scambio Transatlantic Trade and Investment Partnership.

Trump ha più volte minacciato il ritiro degli Usa dal Nafta se Messico e Canada non saranno d'accordo nel riscrivere un patto siglato 24 anni fa. Un nuovo round di trattative inizierà alla fine del mese in corso nella città canadese di Montreal. Del peggiore degli scenari Trump ieri non ha parlato. Si è limitato ad affermare: "Stiamo rivedendo tutti gli accordi commerciali per fare in modo che siano giusti e reciproci".

Gli agricoltori americani - protagonisti di una intensa attività di lobby per salvare Nafta - erano preoccupati dalla retorica dura di Trump; essi godono infatti di un accesso ai mercati messicano e canadese generalmente privo di dazi. Nel 2016 gli Usa hanno spedito in Messico prodotti agricoli e alimentari per 16,4 miliardi di dollari e in Canada per 23,4 miliardi. Mentre le esportazioni dei raccolti americani sono balzate grazie a Nafta, i produttori di frutta e verdura tuttavia lamentano un aumento delle importazioni di prodotti rivali dal Messico: nel 2016, c'è stato un balzo dell'import di vegetali a 6,1 miliardi di dollari contro i 951 milioni del 1993. Le importazioni in Usa di frutta messicana sono passate nello stesso arco temporale a 5,9 miliardi da 433 milioni.

Il 45esimo Commander in chief ha poi definito "un sollievo storico per gli agricoltori" la riforma fiscale per tagli alle tasse da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni. Trump ha spiegato che gli agricoltori saranno risparmiati dalla "tassa di successione totalmente ingiusta", cosa che permetterà loro di tenere in famiglia le loro fattorie. Il leader Usa ha poi dichiarato che sta mettendo fine a quello che considera "un assalto regolatorio al vostro modo di vivere". Firmando due ordini esecutivi per portare connessioni internet nelle zone rurali degli Usa, Trump ha aggiunto con il suo solito stile esagerato: "Avrete una banda larga fantastica".

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

La Casa Bianca non accetta le scuse di Bannon

L'ex stratega di Trump aveva definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro alla Trump Tower tra russi e (fra gli altri) il figlio del presidente americano
AP

Avrà fatto anche retromarcia, "pentendosi" di avere aspettato giorni prima di chiarire cosa davvero intendesse con le sue dichiarazioni rilasciate all'autore del controverso libro che ha fatto infuriare Donald Trump. Ma per la Casa Bianca, "a questo punto, non c'è alcuna possibilità di ritorno per [Steve] Bannon", cacciato lo scorso agosto dal civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington dove era stato stratega e scomunicato a inizio mese dopo le prime indiscrezioni riguardanti il contenuto de 'Fire and Fury': Inside the Trump White House'.

Russiagate: il procuratore speciale vuole interrogare Trump

I legali del presidente studiano come evitare un incontro faccia a faccia e se imporre delle limitazioni
AP

Anche se secondo lui è una "caccia alle streghe", il Russiagate continua a perseguitare Donald Trump. Mentre il 45esimo presidente americano sembra credere che non siano sufficienti le scuse e le precisazioni arrivate dal suo ex stratega Steve Bannon, che ha rilasciate dichiarazioni controverse all'autore del libro "Fire and Fury", il procuratore speciale che sta indagando sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali Usa del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi vorrebbe sentire il leader Usa. Lo scrive il Washington Post citando due fonti anonime.

Il 2017 è l'anno più costoso nella storia Usa a causa di uragani e incendi

I disastri naturali hanno provocato danni per 306 miliardi di dollari

Il 2017 è stato l'anno più costoso nella storia degli Stati Uniti per via dei disastri naturali, da una serie di incendi a uragani arrivati a costare 306 miliardi di dollari. Lo ha detto la National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) in un rapporto. Stando al rapporto, 16 eventi separati sono costati più di un miliardo l'uno.

Da sinistra, Dmitry Medvedev, Silvio Berlusconi e Vladimir Putin vicino a Sochi, Russia, il 3 dicembre 2010 AP

Spunta anche il nome di Silvio Berlusconi nel libro controverso che ha fatto infuriare Donald Trump tanto da portarlo a scomunicare il suo ex stratega Steven Bannon (costretto a fare marcia indietro).

AP

Oprah Winfrey candidata alla presidenza degli Stati Uniti? E' quello che l'America si stanno domandando dopo il discorso appassionato che nella notte la regina afroamericana dei talk show Usa ha tenuto durante la cerimonia della 75esima edizione dei Golden Globe. Secondo fonti di Cnn a lei vicine, "sta attivamente" pensando a una discesa in campo.

Ferrero ha presentato offerta finale per barrette Nestlé in Usa (Cnbc)

Se la gioca con Hershey e il fondo di private equity Rhone Capital. Attività in gioco valutate 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo italiano visto in pole position
Butterfinger

L'italiana Ferrero e l'americana Hershey hanno presentato le loro offerte finali per aggiudicarsi alcune attività statunitensi della svizzera Nestlé, che includono marchi di barrette di cioccolato come Crunch e Butterfinger. Lo scrive Cnbc alimentando indiscrezioni iniziate prima di Natale dal New York Post, secondo cui il produttore italiano di Nutella e Ferrero Roche era pronto a versare due miliardi di dollari. Stando al Financial Times, in corsa c'è anche il fondo di private equity americano Rhone Capital. Per entrambe i media, che danno Ferrero in pole position, l'operazione potrebbe arrivare a valere fino a 2,5 miliardi.

L'ottimismo continua a regnare a Wall Street

Seduta record per S&P 500 e Nasdaq. Prima seduta in calo del 2018 per il DJIA
AP