Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Nei mesi a venire, anticipa il Wall Street Journal, l'amministrazione Trump intende aumentare il numero di paesi che potrebbero essere costretti a rinegoziare dei privilegi commerciali istituiti nel 1976 come parte di un programma chiamato Generalized System of Preferences (Gsp); esso era nato con l'idea di aiutare nazioni povere concedendo loro un trattamento duty-free su migliaia di prodotti, da componentistica auto ai gioielli. Attualmente sono 121 Paesi a goderne, dalle Fiji all'Ecuador.

L'Office of the United States Trade Representative (Ustr), attualmente guidato dallo zar commerciale Robert Lighthizer, ha l'autorità per rivedere chi può godere del programma e in che termini. Da sempre, la revisione degli accordi si è concentrata su questioni legate a violazioni di diritti umani e sfruttamento minorile. Nell'epoca di Trump, l'obiettivo è creare il "campo da gioco equo" tanto citato dal 45esimo presidente e dalla sua squadra di ministri. In quest'ottica, lo scorso ottobre è iniziato quello che Lighthizer ha chiamato un nuovo "processo proattivo" di analisi. Si è cominciato da 25 paesi della regione Asia-Pacifico. In autunno ci si concentrerà sull'Europa dell'Est, il Merio Oriente e l'Africa.

Fino ad ora nessuna nazione si è vista togliere i privilegi acquisiti con il programma Gsp ma Trump ha già minacciato la Turchia come parte di una disputa diplomatica che ha alimentato un crollo storico della lira turca contro il dollaro. Anche alla Tahilandia, all'Indonesia e all'India potrebbe essere tolto il diritto di esportare in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Quanto alla Turchia, a inizio agosto lo Ustr fece capire che Ankara non stava fornendo agli esportatori Usa un accesso equo al suo mercato. Washington aveva già fatto scattare (come per gran parte del mondo) i dazi su acciaio e alluminio turchi, a cui la nazione rispose con misure equivalenti contro riso, tabacco e auto americani. Venerdì 10 agosto Trump ha annunciato un raddoppio di quei dazi.

Il dossier riguardante la Thailandia è stato riaperto a maggio sulla scia di lamentele da parte di produttori Usa, secondo cui Bangkok raramente concede licenze per l'importazione di carne di maiale americana (per un decennio è stata messa al bando per via della presenza di un ormone). Lo scorso maggio la federazione di produttori di carne suina ha scritto una lettera a Trump spiegando che il mercato locale era caratterizzato da un eccesso di scorte, e dunque di prezzi bassi. Consentire l'import di carne Usa renderebbe la situazione ancora più difficile per i produttori locali. Nel 2017 la Thailandia ha esportato in Usa 4,2 miliardi di beni come parte del programma Gsp, pari al 13% del totale del suo export.

A fine luglio l'Indonesia è stata accusata dagli Usa di avere introdotto barriere commerciali. Lo scorso anno, dei 20 miliardi di dollari di esportazioni delle nazione, due miliardi sono finiti in Usa come parte del Gsp.

Anche l'India rischia. I produttori di latticini e dispositivi medici Usa si sono lamentati delle barriere commerciali esistenti. In questo caso nel 2017 5,6 miliardi di dollari di beni sono stati esportati in Usa come parte del programma, su un totale di 49 miliardi di export totale.

Nel 2016 meno dell'1% delle importazioni in Usa è giunto da nazioni parte del Gsp. In altre parole, 19 miliardi sui 2.200 miliardi di beni importati in Usa.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.