Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

Il Trump International Hotel di Washington e il resort privato Mar-a-Lago in Florida sono state tra le mete favorite del presidente ed entrambe sono tra le proprietà più redditizie del suo portfolio, in un anno con luci e ombre per gli affari della famiglia Trump, secondo il financial disclosure del 2016. Il documento di 98 pagine, relativo all'andamento dei suoi affari fino al 15 aprile di quest'anno, è la prima possibilità di valutare come siano andati gli affari di Trump durante la sua campagna presidenziale e i primi mesi alla Casa Bianca, anche se ha abbandonato la gestione day-to-day del suo impero imprenditoriale, gestito da un trust.

I documenti riportano che Trump e le sue aziende hanno incassato almeno 597 milioni di dollari, in ribasso di circa il 3% rispetto ai 615 milioni dell'anno precedente. Il valore degli asset di Trump è di almeno 1,4 miliardi di dollari, leggermente in ribasso dall'1,5 miliardi precedente.

 

 

Alcuni dettagli che emergono dalle 98 pagine:

  • Trump National Doral: 115.865.590 dollari di ricavi. Il resort che si trova vicino a Miami, che è il suo maggior generatore di denaro, ha però perso il 12% di fatturato, nonostante la Trump Organization abbia rinnovato la lussuosa struttura.

  • Mar-A-Lago: 37.251.635 dollari di ricavi per quella che Trump ha ribattezzato “la Casa Bianca invernale”. Si tratta di un aumento di circa 7,4 milioni rispetto alla sua financial disclosure da candidato nel maggio 2016. La Trump Organization ha raddoppiato la tassa d'iscrizione per i nuovi membri, poco dopo l'elezione di Donald.

  • Trump Las Vegas Hotel: quasi 25 milioni di dollari di ricavi.

  • Trump National Golf Club di Bedminster, in New Jersey: 19.752.500 dollari di ricavi.

  • Trump International Hotel di Washington (aperto nel settembre 2016): 19.666.129 dollari di ricavi.

  • Golf Club di Potomac Falls: 17.508.270 dollari di ricavi.

  • Golf Course and Resort di Turnberry, in Scozia: 14,4 milioni di dollari di ricavi.

  • Oltre cinque milioni di dollari di fatturato dall'albergo recentemente aperto a Vancouver, in Canada

  • Tra i 100.000 e i 5 milioni di dollari in royalties per il suo libro "Great Again: How to Fix Our Crippled America" pubblicato nel 2015

  • Tra i 100.000 e un milione di dollari in royalties da un hotel di Calcutta, in India

  • Una pensione di 84.000 dollari dallo Screen Actors Guild

  • Trump si è dimesso da oltre 500 incarichi poco dopo il suo insediamento

  • Trump ha circa 315 milioni di dollari di debiti, di cui circa 130 milioni solo con la Deutsche Bank



    Il documento pubblicato non fornisce nuove informazioni su possibili legami con la Russia, ma i suoi interessi imprenditoriali, già fonte di reclami e cause, sono più complicati di quelli di qualsiasi altro presidente statunitense. Anche con la pubblicazione di queste 98 pagine, il quadro delle sue finanze è ancora molto distante dall'essere completo e mancano i dettagli che normalmente sono presenti nelle dichiarazioni dei redditi.

    Trump ha pubblicato le sue informazioni finanziarie, relative al periodo gennaio 2016 – 15 aprile 2017, con l'assistenza dell'Office of Government Ethics, per seguire una pratica iniziata dal presidente Barack Obama. Tecnicamente, la pubblicazione delle sue informazioni non era richiesta fino al prossimo anno. Non si conoscono i profitti di golf club e resort, perché la Trump Organization è un'impresa privata e Donald Trump ha pubblicato soltanto il fatturato che risulta nella sua dichiarazione.

     

Altri Servizi

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

Bannon: sfideremo ogni repubblicano in carica, tranne Cruz

L'ex stratega di Trump contro l'establishment repubblicano prepara la battaglia per le elezioni di metà mandato del prossimo anno
AP

Stephen Bannon ha ufficialmente lanciato l'attacco contro l'establishment in vista delle elezioni statunitensi di metà mandato, in programma il prossimo anno. L'ex superconsigliere del presidente statunitense, Donald Trump, tornato a guidare il sito ultraconservatore Breitbart News, è stato intervistato da Sean Hannity su Fox News: "C'è una coalizione che si sta formando che sfiderà ogni repubblicano in carica, fatta eccezione per Ted Cruz".

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

La battaglia per difendere Colombo è appena iniziata a New York

Il comitato "Giù le mani da Colombo" vuole proteggere statue e festa
David Guralnick/Detroit News via AP

Nessuno tocchi Cristoforo Colombo: è il grido di battaglia lanciato dall'Italy America Chamber of Commerce (Iacc) di New York, la più antica camera di commercio al mondo, insieme a Guido George Lombardi, presidente del Premio Eccellenza Italiana e amico di Donald Trump. Nel giorno dell'anniversario dello sbarco dell'esploratore genovese a San Salvador (avvenuto il 12 ottobre 1492), è stata organizzata la prima conferenza stampa di "Giù le mani da Colombo", il comitato nato in difesa di una figura controversa ma che storicamente è stata simbolo degli italiani.