Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

Il Trump International Hotel di Washington e il resort privato Mar-a-Lago in Florida sono state tra le mete favorite del presidente ed entrambe sono tra le proprietà più redditizie del suo portfolio, in un anno con luci e ombre per gli affari della famiglia Trump, secondo il financial disclosure del 2016. Il documento di 98 pagine, relativo all'andamento dei suoi affari fino al 15 aprile di quest'anno, è la prima possibilità di valutare come siano andati gli affari di Trump durante la sua campagna presidenziale e i primi mesi alla Casa Bianca, anche se ha abbandonato la gestione day-to-day del suo impero imprenditoriale, gestito da un trust.

I documenti riportano che Trump e le sue aziende hanno incassato almeno 597 milioni di dollari, in ribasso di circa il 3% rispetto ai 615 milioni dell'anno precedente. Il valore degli asset di Trump è di almeno 1,4 miliardi di dollari, leggermente in ribasso dall'1,5 miliardi precedente.

 

 

Alcuni dettagli che emergono dalle 98 pagine:

  • Trump National Doral: 115.865.590 dollari di ricavi. Il resort che si trova vicino a Miami, che è il suo maggior generatore di denaro, ha però perso il 12% di fatturato, nonostante la Trump Organization abbia rinnovato la lussuosa struttura.

  • Mar-A-Lago: 37.251.635 dollari di ricavi per quella che Trump ha ribattezzato “la Casa Bianca invernale”. Si tratta di un aumento di circa 7,4 milioni rispetto alla sua financial disclosure da candidato nel maggio 2016. La Trump Organization ha raddoppiato la tassa d'iscrizione per i nuovi membri, poco dopo l'elezione di Donald.

  • Trump Las Vegas Hotel: quasi 25 milioni di dollari di ricavi.

  • Trump National Golf Club di Bedminster, in New Jersey: 19.752.500 dollari di ricavi.

  • Trump International Hotel di Washington (aperto nel settembre 2016): 19.666.129 dollari di ricavi.

  • Golf Club di Potomac Falls: 17.508.270 dollari di ricavi.

  • Golf Course and Resort di Turnberry, in Scozia: 14,4 milioni di dollari di ricavi.

  • Oltre cinque milioni di dollari di fatturato dall'albergo recentemente aperto a Vancouver, in Canada

  • Tra i 100.000 e i 5 milioni di dollari in royalties per il suo libro "Great Again: How to Fix Our Crippled America" pubblicato nel 2015

  • Tra i 100.000 e un milione di dollari in royalties da un hotel di Calcutta, in India

  • Una pensione di 84.000 dollari dallo Screen Actors Guild

  • Trump si è dimesso da oltre 500 incarichi poco dopo il suo insediamento

  • Trump ha circa 315 milioni di dollari di debiti, di cui circa 130 milioni solo con la Deutsche Bank



    Il documento pubblicato non fornisce nuove informazioni su possibili legami con la Russia, ma i suoi interessi imprenditoriali, già fonte di reclami e cause, sono più complicati di quelli di qualsiasi altro presidente statunitense. Anche con la pubblicazione di queste 98 pagine, il quadro delle sue finanze è ancora molto distante dall'essere completo e mancano i dettagli che normalmente sono presenti nelle dichiarazioni dei redditi.

    Trump ha pubblicato le sue informazioni finanziarie, relative al periodo gennaio 2016 – 15 aprile 2017, con l'assistenza dell'Office of Government Ethics, per seguire una pratica iniziata dal presidente Barack Obama. Tecnicamente, la pubblicazione delle sue informazioni non era richiesta fino al prossimo anno. Non si conoscono i profitti di golf club e resort, perché la Trump Organization è un'impresa privata e Donald Trump ha pubblicato soltanto il fatturato che risulta nella sua dichiarazione.

     

Altri Servizi

Trump accusa Obama: "Sapeva della Russia e non ha fatto nulla"

Il presidente americano risponde all’articolo del Washington Post. Nel frattempo un ex ufficiale dell’amministrazione Obama paragona il Russiagate al 9/11
AP

"Ho appena sentito per la prima volta che Obama sapeva della Russia molto prima delle elezioni e non ha fatto nulla". Ha risposto così il presidente americano Donald Trump alle recenti rivelazioni del Washington Post, secondo cui la Cia già ad agosto aveva informazioni dirette su come Vladimir Putin avesse dato l'ordine agli hacker di danneggiare Hillary Clinton e quindi favorire Trump.

John "Sonny" Franzese, il boss italoamericano esce di prigione a 100 anni

È stato rilasciato venerdì dal Federal Medical Center del Massachusetts

John Sonny Franzese, sicario della famiglia Colombo nonché uno dei più feroci boss mafiosi della storia americana, è stato rilasciato venerd" sera dal Federal Medical Center del Massachusetts all’età di 100 anni. Un record negli Stati Uniti che rendono la storia di Sonny Franzese ancor più unica di quanto già fosse.

Elezioni Congresso Usa: Trump festeggia, democratici demoralizzati

Risultati al di sopra delle aspettative per la minoranza, che non è però riuscita a conquistare nemmeno uno dei quattro seggi alla Camera in mano al Gop e in gioco in queste elezioni speciali
Ap

I democratici hanno ottenuto un risultato molto migliore nelle elezioni speciali per il Congresso in questa primavera di quello ipotizzabile dai più ottimisti solo pochi mesi fa. Alla fine, però, hanno perso in tutti e quattro i distretti che erano in mano ai repubblicani e in cui si è votato, compreso l'atteso sesto distretto della Georgia, in un'elezione fortemente in bilico e che sarà ricordata per essere stata la più cara nella storia della Camera statunitense (oltre 50 milioni di dollari), con molti fondi arrivati da altri Stati del Paese.

Oracle da record a Wall Street: torna a valere 200 miliardi di dollari

Utili e ricavi sopra le stime per il colosso del software, che raggiunge una capitalizzazione che non toccava dalla bolla tech. E' il primo gruppo di questo genere ad arrivare a un simile traguardo
iStock

Utili e ricavi trimestrali oltre le stime, grazie alle attività cloud. Questo spiega il rally nel dopo mercato a Wall Street del titolo Oracle, arrivato a guadagnare oltre il 10% e spingendosi sopra quota 51 dollari per la prima volta. La capitalizzazione del gruppo fondato da Larry Ellison (nella foto) è così balzata sopra i 200 miliardi di dollari per la prima volta dalla bolla tech di fine anni '90. E' la prima azienda che vende quasi esclusivamente a grandi gruppi e alla pubblica amministrazione ad avere raggiunto un tale valore. E' la dimostrazione di come il mercato inizi a credere nella transizione di Oracle verso il cloud computing.

Pressing su Trump perché cambi politica sull'Iran

Alcuni funzionari dell’amministrazione americana si sono detti pronti a rovesciare il regime di Teheran e spingono sul presidente affinché cambi policy

La Casa Bianca sta lavorando alla consueta revisione delle sue policy, soprattutto rispetto alla politica estera. Si tratta di un momento di confronto all'interno dell'amministrazione Trump dove c'è chi spinge per dei forti cambiamenti. Stando a quanto riporta Politico, che cita fonti vicini alla vicenda, alcuni funzionari del governo nonché alcuni tra i più stretti consiglieri e alleati di Donald Trump stanno facendo pressioni sul presidente affinché Washington compia passi concreti per rovesciare il regime di Teheran.

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Amministrazione Trump, si è sposato il segretario del tesoro Steven Mnuchin

La cerimonia è stata officiata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence

Il segretario del tesoro americano, il 54enne Steven Mnuchin, e la 36enne attrice scozzese, Louise Linton, si sono sposati sabato sera a Washington, all’Andrew W. Mellon Auditorium, davanti a 300 ospiti tra cui il presidente americano Donald Trump accompagnato da sua moglie Melania. Ad officiare la cerimonia è stato il vice presidente Mike Pence.

Uber, le tappe chiave che hanno portato alle dimissioni di Travis Kalanick

Gestione sessista, molestie, toni infantili e scandali nei quattro mesi che hanno portato al crollo dell'amministratore delegato del gruppo che vale 68 miliardi di dollari. E la quotazione a Wall Street si allontana
AP

Dopo settimane di tensioni e voci sempre più insistenti, ma soprattutto dopo mesi di scandali Travis Kalanick si è dimesso dalla posizione di amministratore delegato di Uber. La conferma è arrivata questa mattina dal gruppo californiano, valutato 68 miliardi di dollari, una cifra che lo rende l'azienda non quotata più ricca della Silicon Valley.

New York si tinge di rosé, grazie ai vini della Puglia

Road show Usa dell'Associazione Puglia in Rosé, per promuovere la Regione e il Made in Italy

I vini rosati della Puglia si fanno conoscere a New York grazie agli sforzi dell'Associazione Puglia in Rosé, realtà dedicata a questa tipologia di vini.