Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, ha segretamente registrato l'attuale presidente prima delle elezioni del 2016, mentre parlavano del pagamento a un'ex modella di Playboy, Karen McDougal, che sosteneva pubblicamente di aver avuto una relazione con lui. Lo rivela una fonte al New York Times, secondo cui la registrazione sarebbe stata sequestrata dall'Fbi nel raid compiuto recentemente nell'ufficio di Cohen.

Il dipartimento di Giustizia statunitense sta indagando sul ruolo di Cohen nel pagamento di donne pronte a raccontare dettagli imbarazzanti e privati di Trump, prima delle elezioni del novembre 2016. Gli investigatori vogliono scoprire se siano state violate le leggi sul finanziamento alle campagne elettorali e qualsiasi conversazione con Trump sui pagamenti effettuati sarà di certo utile.

Questa situazione sottolinea i potenziali rischi legali e politici per Trump, visto che oltretutto Cohen, ex avvocato personale di Trump, potrebbe collaborare con gli investigatori. Rudolph Giuliani, che fa parte del team legale di Trump, ha confermato al New York Times che il presidente discusse con Cohen del pagamento, che però non sarebbe mai stato effettuato; secondo lui, la conversazione registrata durerebbe meno di due minuti e dimostrerebbe che Trump non ha fatto nulla di male.

Karen McDougal, un'ex Playmate dell'anno (assegnato tra le modelle di Playboy), avrebbe avuto una relazione durata quasi un anno con Trump quando l'attuale presidente era già sposato con Melania Knauss ed era da poco diventato padre di Barron. A parlarne è stato, mesi fa, anche il New Yorker, con un articolo pieno di dettagli sugli accorgimenti dell'attuale presidente per tenere segreta la relazione.

Ronan Farrow, autore dell'articolo, ha ottenuto anche un documento di otto pagine scritto a mano da McDougal con i dettagli sulla relazione. La donna ha raccontato di essere stata colpita da Trump e di essere andata a letto con lui perché le piaceva; rimase però delusa quando lui le offrì dei soldi. Poi, continuarono a vedersi ogni volta che Trump andava a Los Angeles. Secondo l'articolo, McDougal pose fine alla relazione dopo nove mesi, nell'aprile 2007, dopo aver frequentato anche le residenze dei Trump e i membri della sua famiglia.

L'articolo ha inoltre raccontato che McDougal ricevette 150.000 dollari dall'American Media Inc., l'editore del National Enquirer, per l'esclusiva del suo racconto, mai pubblicato. L'obiettivo dell'amministratore delegato dell'A.M.I., David Pecker, amico di Trump, era probabilmente quello di mettere a tacere la modella.

All'inizio del mese, in un'intervista alla Abc, Cohen ha detto che metterà "prima di tutto la famiglia e il Paese", facendo quindi capire che non si sacrificherà per restare fedele al capo di Stato e che, quindi, potrebbe collaborare con le autorità federali, che indagano su possibili frodi bancarie e sulla violazione della legge per i finanziamenti elettorali.

L'ex avvocato del presidente Donald Trump ed ex vicepresidente esecutivo della Trump Organization ha dichiarato: "La mia fedeltà va prima di tutto a mia moglie, mia figlia e mio figlio e sarà sempre così. Metto prima la famiglia e il Paese". L'avvocato è stato per anni l'uomo che ha risolto i problemi di Trump e che si è occupato dei suoi problemi professionali, legali e anche privati.

Ad aprile, l'Fbi ha sequestrato computer e documenti di Cohen dopo aver perquisito il suo ufficio e la sua residenza, in cerca di informazioni anche relative al pagamento di una pornostar, Stormy Daniels, che sostiene di aver avuto una relazione sessuale con Trump quando il presidente era già sposato con Melania Knauss. A una domanda sul pagamento, Cohen ha risposto: "Voglio rispondere. Un giorno risponderò".

L'operazione dell'Fbi è stata voluta dal procuratore speciale, Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali e sui possibili legami tra Mosca e lo staff di Trump. A proposito delle ingerenze di Mosca, Cohen ha detto alla Abc: "Rispetto la conclusione unanime delle agenzie d'intelligence della nostra nazione", secondo cui Mosca avrebbe interferito. In passato, Cohen aveva più volte detto che sarebbe rimasto fedele al presidente e una volta si descrisse così: "Sono quello che prenderebbe un proiettile" e che "farebbe qualsiasi cosa" per salvare Trump.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Uber segue Lyft e si prepara all’Ipo nel 2019

Potrebbe essere un anno record per i collocamenti azionari iniziali a Wall Street

Uber ha depositato la documentazione confidenziale per la sua offerta pubblica iniziale presso la Securities and Exchange Commission, la Consob americana, accelerando così i tempi di un suo sbarco in borsa. Lo scrive il Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla vicenda, sottolineando come si tratti di una mossa che segue di poche ore quella della rivale Lyft che giovedì aveva effettuato lo stesso passo, e che di fatto crea un’ulteriore competizione tra i due colossi della mobilità alternativa su chi sarà il primo a sbarcare in borsa.