Trump riceve Merkel: "L'immigrazione non è un diritto"

L'incontro basato su Nato, sicurezza, commercio, lavoro. Il 'caso' della mancata stretta di mano tra i due leader

Nato, sicurezza, immigrazione, commercio e lavoro. Questi i principali temi del primo incontro alla Casa Bianca tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel. I due leader si sono presentati in ritardo alla conferenza stampa, iniziata 50 minuti dopo l'orario programmato e durata meno di mezz'ora, anticipata dalle polemiche nate sul web per una mancata stretta di mano tra i due per le consuete foto prima del colloquio: dalle immagini, si nota come Trump eviti Merkel, che provava a chiedergli una stretta di mano; stretta di mano che poi è arrivata alla fine della conferenza stampa.

"Ho ribadito il mio forte sostegno alla Nato, così come la necessità che i nostri alleati della Nato paghino la loro giusta quota [...] Ringraziamo la Germania per il sostegno alla Nato e per i suoi sforzi in Afghanistan [...] Ringrazio la Germania per il suo impegno ad aumentare le spese per la difesa e a lavorare per contribuire almeno con il 2% del Pil" ha detto Trump. Solo quattro alleati sui 27 dell'Alleanza hanno rispettato l'impegno, oltre naturalmente agli Stati Uniti, che nel 2016 hanno dedicato alla Difesa il 3,6% del Pil; al momento, la Germania riserva alla Difesa solo l'1,2 per cento.

Su questo punto, Merkel ha voluto rassicurare Washington: "Per noi la Nato è molto importante. Non è per caso che al meeting in Galles abbiamo annunciato l'aumento del nostro contributo militare". La cancelliera nel contempo ha espresso soddisfazione per le parole di Trump, che ha ribadito l'importanza dell'Alleanza atlantica per il suo Paese; la cancelliera ha poi sostenuto l'importanza dell'Unione europea, spesso criticata da Trump, affermando di augurarsi "la ripresa dei negoziati sul libero scambio tra Stati Uniti ed Europa"; ha poi sottolineato i rapporti stretti tra i due alleati: "Ci sono diversi temi su cui continueremo a cooperare molto da vicino". Merkel ha aggiunto che, nel corso del pranzo che segue la conferenza stampa, "parleremo e affronteremo anche il tema del libero commercio", un nodo fondamentale nei rapporti tra Stati Uniti ed Europa.

Il presidente statunitense ha detto che i due Paesi hanno "molto in comune, compreso il desiderio di sicurezza, prosperità e pace [...] I nostri due Paesi devono continuare a lavorare insieme per proteggere i nostri popoli dal terrorismo islamico [...] L'immigrazione è un privilegio, non un diritto, e la sicurezza dei nostri cittadini viene prima di tutto". Una frase, quest'ultima, pronunciata per ribattere alle critiche nei suoi confronti sul divieto d'ingresso temporaneo per i rifugiati e i cittadini di sei Paesi musulmani, oltre che per la sua decisione di ridurre drasticamente il numero di rifugiati accolti dagli Stati Uniti. Trump, nelle settimane passate, ha definito "un errore catastrofico" la decisione di Merkel di aprire le porte del suo Paese ai rifugiati. Da parte sua, Merkel ha detto al presidente, nella loro telefonata a gennaio, che la Convenzione di Ginevra obbliga i suoi firmatari, compresi gli Stati Uniti, ad accogliere i rifugiati di guerra per motivi umanitari.

"Abbiamo discusso con i manager delle aziende statunitensi e tedesche. La Germania ha fatto un incredibile lavoro nel preparare i lavoratori. Noi - ha voluto sottolineare - vogliamo sfruttare il potenziale delle donne nel lavoro. Un'America forte è nell'interesse del mondo" ha detto Trump. Rispondendo alla domanda di un giornalista tedesco, il presidente degli Stati Uniti ha poi chiarito la sua posizione in merito al commercio: "Non sono un isolazionista, ma gli Stati Uniti sono stati trattati male da molti Paesi. Sono per il libero commercio, ma anche per il commercio giusto [...] Vogliamo accordi commerciali giusti che non costringano le nostre aziende a chiudere".

Infine, alla domanda sulle sue accuse nei confronti del predecessore Barack Obama, che lo avrebbe fatto spiare in campagna elettorale, Trump ha risposto: "Almeno abbiamo qualcosa in comune, forse", riferendosi allo scandalo sulle intercettazioni dell'intelligence statunitense ai danni della cancelliera tedesca, svelati da Edward Snowden durante l'amministrazione Obama.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a dati macro e trimestrali

Investitori attenti anche al vertice Trump-Macron
iStock


Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Grazie a cambiamenti contabili e a introiti pubblicitari in aumento, Alphabet ha chiuso il primo trimestre del 2018 con utili e ricavi in rialzo e sopra le stime degli analisti. Il colosso tecnologico che controlla Google ha tuttavia registrato un balzo delle spese per attrarre traffico sui propri siti. Inoltre le spese per capitale sono quasi triplicate rispetto a un anno prima superando del doppio le previsioni del mercato. La trimestrale è stata pubblicata in vista dell'entrata in vigore nella Ue della General Data Protection Regulation, della quale Google si è detto pronto a rispettare i requisiti.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Joe Manchin ha dichiarato che voterà a favore della nomina di Mike Pompeo a segretario di Stato statunitense, diventando il secondo senatore democratico a schierarsi in favore dell'attuale capo della Cia. Il suo annuncio è di particolare importanza, perché sembra garantire la capacità di Pompeo di ottenere la conferma del Senato, necessaria per ottenere l'incarico.

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Usa "impazienti" di lavorare con il nuovo governo italiano

Il nostro è un Paese "libero" e capace di scegliere autonomamente la sua strada futura

Per gli Stati Uniti di Donald Trump, come quelli di Barack Obama, l'Italia resta "uno dei nostri alleati più stretti". E nel giorno in cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato al presidente della Camera, Roberto Fico, il compito di verificare entro giovedì l'esistenza di una maggioranza di governo tra il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico, il dipartimento americano di Stato si è detto "impaziente di continuare a lavorare e a consultarci con il nuovo governo dopo la sua formazione". E' un portavoce del dipartimento stesso ad averlo detto ad America24.

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock