Trump rilancia: stop a lotteria di Carte Verdi e visti sponsorizzati da parenti

Il presidente Usa rilancia la sua proposta dopo il tentato attacco terroristico di New York
AP

Così come aveva fatto dopo il 31 ottobre scorso, quando un uomo di origini uzbeche causò a New York il primo attacco terroristico dall'11 settembre 2001, Donald Trump è tornato a criticare l'impianto regolatorio in vigore in tema di immigrazione ribadendo di volere mettere fine a una lotteria a cui ogni anno partecipano milioni di persone da tutto il mondo e che consente a stranieri di vincere una Green Card e dunque di diventare residenti permanenti degli Usa ed eventualmente cittadini americani.

Firmando una legislazione che autorizza un budget da 700 miliardi di dollari per la difesa, Trump ha detto: "Nelle ultime settimane ci sono stati due attacchi terroristici a New York City, realizzati da stranieri qui [in Usa] con Green Card. Il primo attentatore [Sayfullo Saipov, quello che nel giorno di Halloween guidò contromano su una pista ciclabile uccidendo otto persone] è venuto attraverso una lotteria e il secondo [il bengalese Akayed Ullah, che l'11 dicembre voleva farsi esplodere in uno degli hub di trasporto più trafficati della metropoli], attraverso una catena migratoria. Metteremo fine a tutte e due".

Nel primo caso, Trump ha fatto riferimento alla cosiddetta "Diversity Lottery", creata come parte dell'Immigration Act del 1990 e pensata per incoraggiare l'immigrazione da nazioni con bassi tassi di immigrazione in Usa. In base a quel programma, 50mila visti sono a disposizione ogni anno per stranieri in arrivo da quasi tutti i Paesi fatta eccezione per quelli, appunto, con alti tassi di immigrazione verso gli Usa. 

Nel secondo, il 45esimo presidente Usa ha citato la 'Chain migration', un sistema che consente a un famigliare legalmente residente in Usa di sponsorizzarne un altro. Secondo lui, non è compatibile con la sicurezza nazionale. Ullah arrivò in Usa nel 2011 con un visto per bambini o fratelli di cittadini Usa; è possessore della Carta Verde.

Come già spiegato ieri dalla portavoce della Casa Bianca, la tesi è che l'America sarebbe più sicura se le restrizioni volute dal presidente in tema di immigrazione fossero approvate al Congresso. Per questo Trump promuove un disegno di legge che ridurrebbe drasticamente il numero di stranieri che possono ottenere la tanto ambita Carta Verde.

Mentre sostiene che con il suo approccio, terroristi e criminali non potrebbero mettere piede in Usa, il presidente si dimentica di dire che tra gli immigrati a cui è stato permesso di entrare a fare parte della società americana ci sono dottori, scienziati, insegnanti, poliziotti, soldati e imprenditori. Non solo. Colui che nell'estate 2016 uccise 49 persone a colpi di arma da fuoco in un nightclub a Orlando (Florida) era nato in Usa. Era americano anche l'uomo che nella notte del primo ottobre 2017 a Las Vegas (Nevada) strappò la vita a 58 individui ferendone oltre 500. Sparando.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a dati macro e trimestrali

Investitori attenti anche al vertice Trump-Macron
iStock


Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Grazie a cambiamenti contabili e a introiti pubblicitari in aumento, Alphabet ha chiuso il primo trimestre del 2018 con utili e ricavi in rialzo e sopra le stime degli analisti. Il colosso tecnologico che controlla Google ha tuttavia registrato un balzo delle spese per attrarre traffico sui propri siti. Inoltre le spese per capitale sono quasi triplicate rispetto a un anno prima superando del doppio le previsioni del mercato. La trimestrale è stata pubblicata in vista dell'entrata in vigore nella Ue della General Data Protection Regulation, della quale Google si è detto pronto a rispettare i requisiti.

Amazon

Non solo presso il portiere o dentro la propria abitazione. Amazon si mette a fare consegne anche dentro l'auto dei propri clienti a cominciare da 37 località Usa.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Usa - Cina, prove di disgelo sul fronte commerciale

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che sta valutando un viaggio in Cina. Poco dopo la risposta di Pechino: “La parte cinese gli da’ il benvenuto”
©Ap

Piccoli segnali di disgelo tra Stati Uniti e Cina sul fronte commerciale. A fare un primo passo è stato il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha parlato alla stampa durante gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale che stanno per concludersi a Washington. Mnuchin starebbe valutando un viaggio in Cina nell'ambito dello scontro fra Washington e Pechino sulle tariffe doganali, dicendosi poi "cautamente ottimista" su una possibile risoluzione delle tensioni commerciali con la seconda economia al mondo.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Joe Manchin ha dichiarato che voterà a favore della nomina di Mike Pompeo a segretario di Stato statunitense, diventando il secondo senatore democratico a schierarsi in favore dell'attuale capo della Cia. Il suo annuncio è di particolare importanza, perché sembra garantire la capacità di Pompeo di ottenere la conferma del Senato, necessaria per ottenere l'incarico.

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.