Trump ritira gli Usa dal patto Onu per i migranti e i rifugiati

Per il presidente americano il Global Compact on Migration è "Incompatibile" con la politica migratoria statunitense

Donald Trump ha deciso di far uscire gli Stati Uniti dal Global Compact on Migration, l’accordo firmato dalle Nazioni Unite nel 2016, anche conosciuto come Dichiarazione di New York, che prevede una lunga serie di impegni comuni a favore di migranti e rifugiati. Un altro strappo, dopo quello dell’accordo sul clima di Parigi e la decisione di uscire dall’Unesco a partire dal 2019, con cui il presidente americano ha voluto dare l’ennesimo segnale di rottura rispetto all’amministrazione Obama.

"Oggi la missione degli Stati Uniti presso l'Onu ha informato il suo Segretario generale che gli Usa stanno concludendo la loro partecipazione al Global Compact on Migration", si legge in una nota firmata dall’ambasciatrice americana all’Onu, Nikki Haley. Secondo quanto dichiarato dalla stessa funzionaria statunitense l’accordo "non è compatibile con le politiche americane per l’immigrazione e i rifugiati né con i principi dell’amministrazione Trump".

Per questo motivo il tycoon ha deciso di mettere fine alla partecipazione a tale processo da parte degli Stati Uniti che da questo momento "continueranno il loro generoso supporto a migranti e rifugiati intorno al mondo ma decideranno autonomamente come meglio controllare i confini e chi sarà autorizzato a entrare nel Paese". Come dichiarato da Haley, "l'approccio globale della Dichiarazione di New York semplicemente non è compatibile con la sovranità americana".

Ricordiamo che questo patto era stato promosso dalle Nazioni unite nel 2016, durante il summit straordinario su migranti e rifugiati nel 2016, con il beneplacito dei 193 paesi dell’Onu e il grande sostegno di Barack Obama. Secondo gli accordi presi 12 mesi avrebbe dovuto essere definito entro il 2018.

Nello specifico, tra i vari impegni previsti dalla Dichiarazione di New York ci sono quelli relativi alla lotta contro lo sfruttamento, il razzismo e la xenofobia, ma anche il salvataggio delle persone in fuga e l’applicazione di procedure di frontiera eque e in linea con il diritto internazionale. In aggiunta, grande attenzione è posta ai bisogni di donne e bambini e all’integrazione di migranti e rifugiati grazie alla creazione di posti di lavoro e sistemi specifici che favoriscano il loro accesso al reddito. Infine è previsto un maggior aiuto da parte della comunità internazionale a quei paesi e quelle comunità che più di altri aprono i propri confini e ospitano un maggior numero di migranti.

Dal canto suo l’Onu ha espresso il proprio rammarico per la decisione di gli Stati Uniti di ritirarsi dal Global Compact on Migration sottolineando che nessuna nazione può affrontare da sola il fenomeno della migrazione internazionale. A parlare è stato il presidente dell'Assemblea generale dell'Onu, Miroslav Lajcak, attraverso un comunicato stampa: "La migrazione è un fenomeno globale che richiede una risposta globale e il multilateralismo resta la strada migliore per affrontare le sfide globali".

Altri Servizi

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.