Trump salta l'East Asia Summit, l'ultima tappa del tour in Asia

Il presidente rientra negli Usa saltando il vertice di Manila. "Abbiamo fatto - ha detto - un lavoro davvero fantastico"
Ap

Donald Trump ha detto di aver fatto "un lavoro davvero fantastico" e di essersi "fatto un sacco di amici ai più alti livelli" durante il suo tour di 12 giorni in Asia, interrotto però in anticipo, oggi, prima di partecipare a un summit in programma a Manila, nelle Filippine. "Credo che i frutti del nostro lavoro saranno incredibili" ha detto il presidente degli Stati Uniti, aggiungendo che gli accordi commerciali da 300 miliardi già svelati "si quadruplicheranno molto velocemente". "Sono stati 12 giorni incredibili, credo che abbiamo fatto un lavoro davvero fantastico".

La decisione di partire prima dell'East Asia Summit sarebbe stata presa perché il suo inizio è stato posticipato di un'ora e mezza. La Casa Bianca ha spiegato che Trump ha detto quello che avrebbe dichiarato al summit durante il pranzo con i leader dei Paesi dell'Asean, che riunisce gli Stati dell'Asia sud-orientale. Inizialmente, Trump aveva deciso di saltare il summit, per poi cambiare idea dopo aver ricevuto delle critiche. Alla fine, però, ha deciso di partire prima dell'inizio ufficiale del vertice, marted" pomeriggio, saltando anche la foto di gruppo con gli altri leader. Il suo posto al summit è stato preso dal segretario di Stato, Rex Tillerson. L'East Asia Summit è organizzato annualmente per far incontrare i leader dell'Asean con le controparti dei Paesi vicini e i suoi membri sono attualmente diciotto, tra cui l'Australia, la Russia, la Cina, il Giappone e la Corea del Sud, oltre agli Stati Uniti.

Altri Servizi

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap