Trump scarica su Perry la responsabilità della telefonata a Zelensky

Per il sito Axios, il presidente avrebbe detto ai deputati repubblicani che "io nemmeno volevo farla, la telefonata". Alla Camera, i democratici hanno i voti per approvare un suo eventuale impeachment
iStock

Il segretario all'Energia, Rick Perry, avrebbe chiesto al presidente statunitense Donald Trump di parlare con il neoeletto capo di Stato ucraino, Volodymyr Zelensky; invito che si sarebbe poi concretizzato nella ormai famosa telefonata del 25 luglio, che ha dato avvio alle indagini dei democratici per un possibile impeachment del presidente.

"Il segretario Perry ha totalmente sostenuto e incoraggiato il presidente a parlare con il nuovo presidente ucraino per discutere di problemi relativi alla sicurezza energetica e allo sviluppo economico" ha commentato la portavoce Shaylyn Hynes, dopo che il sito Axios aveva per primo reso noto la conversazione di Trump con i deputati repubblicani.

Secondo il sito, Trump avrebbe detto ai deputati repubblicani, in una conference call, di aver parlato con Zelensky dopo l'insistenza di Perry, che aveva guidato la delegazione statunitense a Kiev per la cerimonia d'inaugurazione del nuovo presidente ucraino. Trump avrebbe detto che l'unico motivo per cui ha telefonato a Zelensky è che gliel'ha chiesto Perry. "Non molti lo sanno, ma io nemmeno volevo fare la telefonata" avrebbe detto Trump, secondo una fonte del sito. "L'unica ragione è che Rick [Perry] mi ha chiesto di farla per parlare di un impianto per il gas naturale liquefatto". Hynes ha specificato che Perry non ha partecipato alla telefonata tra i due capi di Stato; come segretario all'Energia, Perry ha regolarmente viaggiato per l'Europa dell'Est per promuovere la vendita di gas naturale e carbone statunitense. Giorni fa, Perry avrebbe manifestato la volontà di lasciare l'incarico entro la fine dell'anno, secondo i media statunitensi.

Nonostante i contatti con l'Ucraina abbiano fatto entrare Perry nell'indagine per il possibile impeachment, la sua possibile uscita di scena non sarebbe legata alla questione ucraina, ha scritto Politico. Nella denuncia del whistleblower che ha aperto la controversia, in cui si accusa il presidente di aver fatto pressioni su Zelensky per il lancio di un'indagine contro l'ex vicepresidente Joe Biden, Perry è nominato solo per aver preso il posto del vicepresidente Mike Pence alla guida della piccola delegazione statunitense all'inaugurazione del presidente ucraino.

Trump ha chiesto apertamente a Ucraina e Cina di indagare su Joe Biden e il figlio Hunter: per il presidente, Biden avrebbe fatto pressioni nel 2014, come vicepresidente, per bloccare un'indagine per corruzione contro la società ucraina Burisma, di cui Hunter Biden era membro del consiglio di amministrazione; inoltre, Trump ha accusato il figlio di Biden di aver approfittato dei contatti e del viaggio in Cina del padre, come vicepresidente, per ottenere 1,5 miliardi di dollari per un fondo d'investimento; Hunter Biden "ha fatto milioni" con quegli investimenti, ha detto Trump.

Nessuna prova è emersa contro i Biden. L'ex vicepresidente, favorito per la nomination democratica per le prossime presidenziali, ha definito Trump "il presidente più corrotto nella storia moderna".

Altri Servizi

Wall Street preoccupata dal coronavirus

Dati in programma: vendite di case nuove, indice manifatturiero Fed di Dallas
AP

Bolton accusa Trump: aiuti a Kiev bloccati per avere indagini su Biden

L'accusa contenuta nella bozza del suo libro
AP

Ad agosto, il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe detto a John Bolton, all'epoca suo consigliere per la sicurezza nazionale, di voler tenere bloccati i 391 milioni di aiuti militari all'Ucraina finché Kiev non avesse deciso di aiutarlo a indagare sui democratici, inclusi l'ex vicepresidente Joe Biden e il figlio Hunter. È quanto si legge nella bozza del libro di Bolton, secondo quanto riportato dal New York Times; l'accusa di Bolton a Trump è stata confermata da uno dei suoi avvocati al Wall Street Journal e rappresenterebbe, potenzialmente, un'importante svolta per il processo in Senato contro Trump, accusato di abuso di potere e intralcio al Congresso, se Bolton fosse chiamato a testimoniare.

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Terzo caso di coronavirus in Usa; i morti in Cina salgono a 56

Oltre 2.000 i casi accertati in tutto il mondo
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti hanno confermato la presenza di una terza persona infetta dal coronavirus proveniente dalla Cina e che continua a diffondersi pericolosamente in tutto il mondo. Si tratterebbe di una persona in California che e’ stato a Wuhan, la citta’ della Cina centrale da dove si crede abbia origine il virus.

Trump: "I palestinesi reagiranno male, ma l'accordo di pace è positivo per loro"

Il presidente Usa svelerà nei prossimi giorni il suo piano
Ap

"Sono sicuro che forse reagiranno negativamente in un primo momento, ma in realtà è molto positivo per loro. Hanno un sacco di incentivi". Questo il commento del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla possibile reazione dei palestinesi all'accordo di pace in Medio Oriente; l'amministrazione statunitense sta lavorando da tempo a un piano.

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.