Trump sceglie Dubke, uomo di Rove, come direttore della comunicazione

I fedelissimi del presidente irritati: "Premia chi lo ha ostacolato". L'incarico era stato inizialmente affidato a Jason Miller, che poi ha rifiutato

Un uomo di Karl Rove alla Casa Bianca. Mike Dubke, fondatore di Crossroads Media, sarebbe stato scelto dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per ricoprire l'incarico di direttore della comunicazione. Lo hanno riferito due funzionari dell'amministrazione alla Cnn. L'annuncio potrebbe essere dato già in giornata.

La scelta di Trump, se confermata, irriterebbe non pochi fedelissimi del presidente, che avrebbero preferito qualcuno che lo avesse sostenuto sin dall'inizio della campagna elettorale. Al contrario, "Dubke e i suoi amici di Crossroads hanno fatto il possibile per uccidere il movimento di Trump, ma hanno fallito" ha detto una fonte della Cnn. Dubke ha fondato nel 2001 Crossroads Media, società di comunicazione strettamente legata ad American Crossroads, comitato politico indipendente (super Pac) a sostegno dei repubblicani. American Crossroads è una creatura di Karl Rove, "l'architetto" della vittoria di George W. Bush (che così lo soprannominò) contro Al Gore alle presidenziali del 2004 e, soprattutto, personaggio schierato apertamente contro Trump.

Antipatia, peraltro, pienamente contraccambiata. In un'intervista a Breitbart News dello scorso aprile, l'attuale presidente degli Stati Uniti disse che Rove è un "tipo indegno, a cui non dovrebbe essere permesso di scrivere per il Wall Street Journal", dove era apparso un suo articolo dal titolo "La vanità sarà la rovina di The Donald". Trump, nel corso dei mesi, ha anche definito Rove un "perdente certificato" e un "idiota totalmente incompetente".

"Un altro tizio che non ha sostenuto il presidente Donald Trump nella sua corsa ora viene premiato con un lavoro alla Casa Bianca" ha commentato una fonte di Breitbart, il sito degli ultraconservatori che era diretto da Stephen Bannon, ora superconsigliere di Trump. "Come può tutto questo aiutare il presidente Trump?".

Inizialmente, l'incarico era stato affidato a Jason Miller, consigliere per la comunicazione durante la campagna e portavoce nel periodo della transizione, che però a dicembre, due giorni dopo aver accettato, rifiutò la proposta per motivi familiari. L'incarico di direttore della comunicazione è stato finora ricoperto da Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, che potrà quindi concentrarsi solo sul suo impiego; i due incarichi, infatti, sono solitamente divisi.

Altri Servizi

Wall Street ottimista, dopo le parole del presidente cinese Xi

La Cina apre sui dazi: tagli alle tariffe delle auto, capitali stranieri anche per banche e assicurazioni
iStock

L'Agenzia Ice e Veronafiere portano al Vinitaly una delegazione dei rappresentanti dei principali monopoli provinciali canadesi, i Liquor Control Board che controllano tutti gli aspetti dell’importazione, della distribuzione e della vendita al dettaglio delle bevande alcoliche, che avviene in negozi gestiti dagli stessi enti. I monopoli sono totalmente indipendenti e sono tra i principali importatori di vini e liquori al mondo.

Uber si dà alle biciclette elettriche, compra Jump Bikes

Prima acquisizione da quando il nuovo Ceo ha preso il comando dell'azienda, che per la start-up newyorchese ha speso 100 milioni di dollari

Uber Technologies ha deciso di cavalcare l'entusiasmo associato al bike-sharing acquistando la newyorchese Jump Bikes. La mossa si verifica mentre, con le loro biciclette, le start-up cinesi stanno prendendo piede in Nord America e in Europa, i mercati di riferimento del gruppo americano che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale.

Descalzi (Eni): nessun rischio politico dall'Italia, "mare molto agitato" nel mondo

Il Ceo del gruppo petrolifero parla da New York, dove ha presentato agli investitori il piano al 2021. Esclude guerra dei dazi tra Usa e Cina e socio potenziale in Messico ma giudica possibile un barile a 80 dollari
Eni

Il rischio politico in Italia? Per Eni non c'è. Il fronte geopolitico internazionale? Come "un mare molto agitato". La guerra commerciale tra Cina e Usa? "Solo titoli", una soluzione verrà trovata. Il barile a 80 dollari? "Possibile" ma i prezzi sono nelle mani di Opec e Russia. Un socio potenziale in Messico? No. Claudio Descalzi non si è limitato a parlare del piano strategico 2018-2021 di Eni.

Mentre l'amministrazione Trump ha promesso un "rinascimento" del settore manifatturiero, il Fondo monetario internazionale sostiene che "il declino di posti di lavoro manifatturieri come percentuale dell'occupazione generale non lede la crescita né aumenta le disuguaglianze". Nel terzo capitolo analitico del suo World Economic Outlook, il rapporto semiannuale redatto in occasione degli Spring Meetings che inizieranno la settimana prossima a Washington, l'istituto guidato da Christine Lagarde riconosce la preoccupazione diffusa tra legislatori e pubblico per un tale declino tanto nelle economie avanzate quanto in quelle in via di sviluppo.

Il Fondo monetario internazionale sdogana la globalizzazione, tanto discussa in termini negativi. In uno dei capitoli analitici del suo World Economic Outlook, il rapporto semiannuale redatto in occasione degli Spring Meetings che inizieranno la settimana prossima a Washington, l'istituto guidato da Christine Lagarde sottolinea "il contributo della globalizzazione alla condivisione del potenziale di crescita tra Paesi".

Con gli stimoli fiscali di Trump, deficit Usa tornerà sopra i mille miliardi di dollari

Succederà dal 2020. Prima volta dal 2012. Effetto di breve termine sul Pil: +3,3% nel 2018 ma poi tornerà ai trend post-recessione di crescita modesta. Yellen avverte
Shutterstock

La riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale e l'aumento della spesa pubblica (e militare) faranno crescere l'economia statunitense del 3,3% quest'anno ma il debito pubblico entro il 2028 lieviterà raggiungendo una dimensione quasi equivalente a quella del Prodotto interno lordo. Non solo. Dal 2020, il deficit supererà per la prima volta dal 2012 i mille miliardi di dollari. E' questa l'analisi del Congressional Budget Office (Cbo), organismo congressuale indipendente.

L'Fbi perquisisce l'ufficio del legale di Donald Trump

Sequestrati i documenti sui pagamenti alla pornostar Stormy Daniels e le comunicazioni dirette dell'avvocato con il presidente americano
AP

Lunedì pomeriggio l'Fbi ha perquisito l'ufficio del legale di Donald Trump, Michael Cohen, all'interno del Rockefeller Center di Manhattan. Lo scrive il New York Times sostenendo che gli agenti abbiano sequestrato le carte dei pagamenti alla pornostar Stormy Daniels e le comunicazioni tra Cohen e il presidente americano. La polizia federale ha ricevuto il via libera dopo il mandato inviato loro dal procuratore speciale, Robert Mueller. Secondo l'agenzia Dow Jones anche la residenza di Cohen è stata perquisita.

Facebook: Zuckerberg incontra parlamentari Usa, domani prima audizione

Il Ceo atteso da commissioni del Senato, mercoledì da quelle della Camera
AP

Inizia oggi la tre giorni di Mark Zuckerberg a Capitol Hill, con un primo incontro a porte chiude con i politici del Congresso americano. Invece domani e mercoled" l'amministratore delegato di Facebook sarà prima al Senato, dove testimonierà davanti alla commissione Giudiziaria e a quella del Commercio, poi alla Camera, davanti alla commissione Energia e Commercio: tutti i suoi interventi saranno pubblici.

"L'aumento della longevità è uno dei successi più notevoli della storia umana. Eppure potrebbe avere conseguenze macroeconomiche serie con un declino della crescita della popolazione". Con queste parole, il Fondo monetario internazionale mette in guardia le economie avanzate: perché l'invecchiamento della popolazione solleva preoccupazioni sulla disponibilità di persone nelle condizioni di lavorare e dunque sul potenziale di crescita di un Paese e sulla sostenibilità del suo sistema di assistenza sociale.